Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF Tre nuovi PRIN INAF

Tre nuovi PRIN INAF

Con un totale di 2.2M€ sono stati pubblicati tre nuovi bandi PRIN INAF, uno di tipo 'classico', uno di tipo 'tecno', uno, detto PDIN, dedicato alla didattica e alla divulgazione


Pubblicati tre bandi relativi a tre nuovi PRIN INAF. Il primo di tipo "classico" per 1.5M€, il secondo di tipo "tecno" per 0.5M€, il terzo (detto PDIN) dedicato alla divulgazione e alla didattica dell'astronomia, per 0.2M€. Il gran totale (2.2M€, che è un record per PRIN INAF in un anno), potrà, speriamo, aumentare in corso d'opera in funzione della nostra fortuna con i finanziamenti 2014 (ancora in mente Dei). Eventuali incrementi verranno gestiti nel contesto degli stessi bandi. Nanni (il presidente)

I bandi sono reperibili al seguente link: http://www.inaf.it/it/sedi/sede-centrale-nuova/direzione-scientifica/coord-scient/progetti-di-ricerca/bandi-prin-e-tecno

archiviato sotto: , ,

Ricordando Riccardo Giacconi

14/12/2018

Riccardo GiacconiI ricordi personali di chi ha conosciuto e lavorato con il premio Nobel 2002 per la Fisica e ha voluto testimoniarlo qui, sulle pagine di Media Inaf: Salvatore Sciortino, Sperello di Serego Alighieri, Gianni Zamorani, Piero Rosati, Stefano Borgani, Roberto Gilli, Maurizio Paolillo e Paolo Tozzi

Sean Penn: primo uomo su Marte

14/12/2018

Arriva in Italia il 19 dicembre la serie evento creata dallo showrunner di ”House of Cards”, Beau Willimon. Storia del primo volo umano con destinazione Pianeta rosso. I primi due episodi in anteprima gratuita martedì 18 dicembre in 30 sale cinema

Jocelyn Bell, discreta signora delle pulsar

14/12/2018

A mezzo secolo dalla pubblicazione su “Nature” dell’articolo che descriveva la scoperta della prima pulsar, il “Libro dell’Anno” Treccani ospita nella sezione “Personaggi” un articolo di Patrizia Caraveo dedicato a Jocelyn Bell Burnell. Ve lo riproponiamo con il consenso dell’autrice