Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF Tre nuovi PRIN INAF

Tre nuovi PRIN INAF

Con un totale di 2.2M€ sono stati pubblicati tre nuovi bandi PRIN INAF, uno di tipo 'classico', uno di tipo 'tecno', uno, detto PDIN, dedicato alla didattica e alla divulgazione


Pubblicati tre bandi relativi a tre nuovi PRIN INAF. Il primo di tipo "classico" per 1.5M€, il secondo di tipo "tecno" per 0.5M€, il terzo (detto PDIN) dedicato alla divulgazione e alla didattica dell'astronomia, per 0.2M€. Il gran totale (2.2M€, che è un record per PRIN INAF in un anno), potrà, speriamo, aumentare in corso d'opera in funzione della nostra fortuna con i finanziamenti 2014 (ancora in mente Dei). Eventuali incrementi verranno gestiti nel contesto degli stessi bandi. Nanni (il presidente)

I bandi sono reperibili al seguente link: http://www.inaf.it/it/sedi/sede-centrale-nuova/direzione-scientifica/coord-scient/progetti-di-ricerca/bandi-prin-e-tecno

archiviato sotto: , ,

BepiColombo saluta la Terra

03/04/2020

L'appuntamento con il nostro pianeta è previsto il 10 aprile. Per arrivare alla meta, la sonda effettuerà altri voli ravvicinati per sfruttare le spinte gravitazionali: due attorno a Venere e sei attorno a Mercurio

A inseguir le stelle sopra Ragusa

03/04/2020

Il lockdown di questi giorni ha fermato tutto e tutti. Quello che non ha fermato è il movimento apparente delle stelle nella volta celeste, dovuto alla rotazione della Terra attorno al proprio asse. Un movimento che l’astrofotografo ragusano Gianni Tumino ha immortalato dalla terrazza di casa in una foto che la Nasa ha scelto lo scorso 28 marzo come Apod, Astronomy Picture Of the Day. Lo abbiamo intervistato

Che tempo farà su Marte?

03/04/2020

Un nuovo modello degli strati alti dell’atmosfera marziana permetterà di fare previsioni meteo del Pianeta rosso molto più accurate rispetto al passato, grazie all’analisi delle onde di gravità capaci di influenzare periodicamente la dinamica atmosferica. Ne parliamo con Gabriella Gilli dell’Instituto de Astrofísica e Ciências do Espaço portoghese, prima autrice dell’articolo appena uscito su Journal of Geophysical Research