Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF VANDELS, missione compiuta

VANDELS, missione compiuta

Il quarto e ultimo rilascio di dati della survey VANDELS è ora disponibile nella Science Archive Facility di ESO

Il quarto e ultimo rilascio di dati della survey VANDELS è ora disponibile nella Science Archive Facility di ESO. La survey VANDELS (A deep VIMOS survey of the CANDELS UDS and CDFS fields) che ha coinvolto una squadra di oltre 80 astronomi di tutto il mondo, 35 dei quali dell’INAF, guidati da Laura Pentericci dell’INAF – Osservatorio Astronomico di Roma e da Ross McLure dell’Osservatorio di Edimburgo (UK),  ha iniziato l'acquisizione dei dati nel novembre 2014 ed è stata completata nel marzo 2018, prima della dismissione dello strumento VIMOS. Tutti i dati sono stati ridotti dal gruppo di ricercatori dell'INAF - IASF di Milano sotto la guida di Bianca Garilli.

VANDELS fornisce dati con un alto rapporto segnale-rumore (range: 10 -100), spettri ottici a media risoluzione (R~600) (4800-10000 Å) per galassie nei campi UKIDSS Ultra Deep Survey (UDS) e Chandra Deep Field South (CDFS).

L'area totale coperta è di 0,2 gradi quadrati. Utilizzando una robusta preselezione fotometrica del redshift, VANDELS ha individuato circa 2100 galassie nell'intervallo di redshift 1.0<z<7.0, con l'85% dei suoi candidati selezionati a z≥3.

VANDELS ha anche nel suo archivio un numero significativo di galassie passive nell'intervallo di redshift 1.0<z<2.5.

Ogni target ha ricevuto da un minimo di 20 ore a un massimo di 80 ore di tempo di integrazione on-source. I dati di VANDELS consentiranno di determinare le proprietà fisiche chiave delle galassie ad alto redshift, come l'età della loro popolazione stellare, la metallicità e gli outflow grazie a studi dettagliati delle linee di emissione e assorbimento.

Questo quarto rilascio di dati contiene 2165 spettri (scaricabili tramite il portale scientifico ESO o programmaticamente), 1061 spettri nel campo CDFS e 1104 nel campo UDS, rispettivamente. La DR4 sostituisce totalmente tutti i prodotti rilasciati nella precedente release poiché è stata apportata una nuova correzione di flusso applicata nelle lunghezze d'onda blu. Inoltre, la DR4 fornisce 287 nuovi spettri e 104 spettri di oggetti osservati casualmente.

Oltre ai prodotti 1D spectrum, questa versione finale contiene anche il catalogo con i redshift spettroscopici e le proprietà fisiche (massa stellare, star formation rate, ecc...) derivate per ogni galassia.

Per maggiori informazioni:

archiviato sotto: ,

Onde gravitazionali dall’incontro fra stelle di bosoni

02/03/2021

Potrebbero esserci due stelle esotiche – erroneamente scambiate per buchi neri – all’origine di Gw 190521, un evento di onde gravitazionali annunciato nel settembre 2020 da Ligo e Virgo. Uno scenario che risolverebbe il problema della massa proibitiva (nel caso fossero buchi neri) di uno degli oggetti in collisione, e costituirebbe la prima prova dell’esistenza di bosoni ultraleggeri proposti anche come costituenti della materia oscura

Nelle meteoriti la storia degli elementi pesanti

02/03/2021

Uno studio pubblicato su Science ha misurato il rapporto fra le quantità di iodio-129 e il curio-247 presenti nelle meteoriti, arrivando alla conclusione che non può essere stata una collisione tra stelle di neutroni il processo all’origine della loro sintesi nel periodo precedente la formazione del Sistema solare. Il mistero non è comunque ancora del tutto risolto

Brera, venerdì riapre il museo astronomico

02/03/2021

A un anno dalla chiusura, il Museo astronomico di Brera riapre i battenti – per ora solo in modalità digitale – con un rinnovato allestimento reso possibile dal contributo della Regione Lombardia. Allestimento che verrà mostrato in anteprima venerdì 5 marzo alle ore 11, in occasione di Milano MuseoCity. L’evento sarà in diretta sul canale YouTube dell’Inaf di Brera