Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF Visite della commissione per le direzioni delle Strutture di Ricerca

Visite della commissione per le direzioni delle Strutture di Ricerca

Per le visite nelle singole strutture, la commissione incaricata per la selezione dei Direttori delle Strutture di Ricerca, ha definito un calendario che va dal 29 novembre al 6 dicembre
Visite della commissione per le direzioni delle Strutture di Ricerca

Osservatorio Capodimonte

29 novembre: Mardirossian all'Osservatorio Astrofisico di Arcetri,

Buonanno all'Osservatorio Astronomico di  Bologna

30 novembre:  Mardirossian all'Osservatorio Astronomico di Padova,
Spadaro all'Osservatorio Astronomico di Palermo, Rotundi
all'Osservatorio Astronomico di Capodimonte, Caraveo all'Istituto di
Radioastronomia

1  dicembre: Mardirossian all'Osservatorio Astronomico di Trieste,
Caraveo all'Istittuto di Astrofisica Spaziale e Fisica Cosmica di
Bologna

2 dicembre: Mardirossian all'Osservatorio Astronomico di Trieste,
Buonanno all'Istituto di Astrofisica e Planetologia Spaziali di Roma,
Caraveo all'Osservatorio Astronomico di Brera

5 dicembre: Spadaro all'Istittuto di Astrofisica Spaziale e Fisica
Cosmica di Palermo, Rotundi all'Osservatorio Astronomico di Cagliari,
Buonanno all'Osservatorio Astronomico di Teramo, Caraveo
all'Osservatorio Astrofisico di Torino

6 dicembre: Buonanno all'Osservatorio Astronomico di Roma

E se le Nubi di Magellano fossero state un trio?

24/09/2018

Una nuova ipotesi, nata dall'osservazione del movimento delle stelle nella Grande Nube di Magellano, fa pensare che in origine la famosa coppia di galassie - visibili a occhio nudo nell'emisfero australe - fosse un terzetto, ma due di loro si sarebbero successivamente fuse tra tre e cinque miliardi di anni fa

Su quell’asteroide qualcosa si muove

23/09/2018

Impresa storica per la missione giapponese Hayabusa-2: i due moduli Rover-1A e Rover-1B sono approdati su Ryugu e funzionano correttamente, saltellando come grilli sull’asteroide e inviando a Terra le immagini. «È la prima volta che l’uomo manda sulla superficie di un piccolo corpo planetario un robot mobile», commenta entusiasta Ernesto Palomba dell’Inaf di Roma

I saltellanti Minerva arrivano su Ryugu

21/09/2018

I tre mini-rover, poco più di un kg ciascuno, hanno il compito di generare immagini stereo della superficie di Ryugu. Non hanno le ruote, quindi per muoversi sull'asteroide dovranno saltellare