Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF Preventive conservation in museums, libraries and archives: scientific collections as a case study

Preventive conservation in museums, libraries and archives: scientific collections as a case study

Si apre domani a Palermo il workshop sulla conservazione preventiva delle collezioni museali, librarie e archivistiche. Il seminario sarà disponibile in livestream

L'INAF-Osservatorio Astronomico di Palermo “Giuseppe Salvatore Vaiana”, in collaborazione col Servizio Biblioteche, Musei e Terza missione INAF, e con l'Università degli Studi di Palermo, dedica tre giornate di workshop a un tema di grande attualità: la conservazione preventiva delle collezioni museali, librarie e archivistiche.

È noto come le condizioni microclimatiche degli ambienti di conservazione contribuiscano ad aumentare o ridurre le “aspettative di vita” del nostro patrimonio culturale. In tal senso, la conservazione preventiva mette in atto misure e azioni mirate a prevenire il degrado degli oggetti custoditi, esercitando il controllo degli elementi dannosi presenti nell’ambiente in cui i beni culturali sono esposti, immagazzinati e trasportati, senza intervenire direttamente sugli stessi. Essa costituisce, dunque, una pratica indispensabile all’interno delle politiche di ogni istituzione culturale, sia essa un museo, galleria o archivio.

L’Osservatorio Astronomico di Palermo, che ha già provveduto ad interventi in tal senso per le proprie raccolte documentarie conservate presso la Biblioteca e Archivio storico, dopo alcuni test effettuati negli anni passati, ha di recente avviato un progetto pilota per le collezioni scientifiche del Museo della Specola, con l'obiettivo di pianificare soluzioni tempestive e strategie sostenibili a lungo termine attraverso un approccio basato sulla gestione del rischio.

Il workshop internazionale “Preventive conservation in museums, libraries and archives: scientific collections as a case studyè stato pensato come opportunità di confronto tra professionisti coinvolti a diversi livelli nella tutela del patrimonio. Esperti nel campo della conservazione preventiva, della fisica, della chimica, della biologia presenteranno le più recenti acquisizioni scientifiche e le relative ricadute nelle scelte pratiche di ogni giorno. L’obiettivo è stimolare il dialogo, il dibattito e lo scambio di esperienze per affrontare in una nuova prospettiva le problematiche cui siamo chiamati a rispondere quotidianamente per contrastare il degrado delle collezioni.

Nelle sessioni che avranno luogo il 16 e il 17 ottobre presso Palazzo Chiaramonte Steri verrà presentato il contributo della scienza nella conservazione preventiva e la situazione nazionale e locale di tale pratica. Il 18 ottobre i partecipanti si sposteranno all’Osservatorio Astronomico di Palermo dove avranno modo di visitare il patrimonio scientifico custodito al Museo della Specola, gestito dall'INAF-OAPa e facente parte del Sistema Museale di Ateneo, e discuteranno i dettagli del progetto di conservazione preventiva, attualmente in fase di avvio.

 

 

archiviato sotto: ,

Anche la Nasa a bordo di Ariel

11/11/2019

Uno strumento dell’agenzia spaziale statunitense, costituito da due rivelatori per il vicino infrarosso, affiancherà lo spettrometro a infrarossi del telescopio spaziale Esa. Ce ne parlano Giuseppe Malaguti (Inaf Bologna) e Giusi Micela (Inaf Palermo), i due coordinatori nazionali della missione

Razzo Vega “atterra” a Milano

10/11/2019

Coloro che venerdì 8 novembre hanno partecipato all’inaugurazione hanno potuto ammirare la preparazione del lancio di un razzo, una visione di solito riservata agli addetti ai lavori. Articolo inizialmente pubblicato su Blog Italia dell'Agenzia giornalistica italiana, qui riproposto con il consenso dell’autrice, l’astrofisica Patrizia Caraveo

Galassia si fa in 12 sotto l’occhio di Hubble

08/11/2019

La chiamano Sunburst Arc – arco a raggiera – a causa della forma che i suoi fotoni, deviati da un effetto della Relatività generale di Einstein, assumono nel cielo. Si trova a 11 miliardi di anni luce da noi e sta contribuendo alla comprensione dei processi all’origine della reionizzazione cosmica