Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home INAF UNDER-18

INAF UNDER-18

COM’È FATTO UN ALIENO? CE LO DICE MARGHERITA

AVVENTURA NELL’UNIVERSO. IN 3D!

Per informazioni vai al sito dell'Avventura nell'Universo invisibile

IL CIELO VISTO DAI BAMBINI

 


Una notte sotto il cielo stellato è un’esperienza emozionante a tutte le età. Ma quando si è costretti trascorrere le giornate sui libri, è ancora più bella. E poi, chissà mai che non vi venga voglia di diventare astronome o astronomi, un giorno. O magari addirittura astronauti. A noi non parrebbe vero. Per questo, per condividere la vostra e la nostra curiosità per l’Universo e tutto quel che contiene, l’INAF ha da sempre messo in cima alla propria lista di priorità le attività di divulgazione per i più giovani. Ecco le principali, ma ce ne sono tantissime altre:

La molecola umana che ricadde sulla Terra

26/11/2014

Cora Thiel e Oliver Ullrich recuperano molecole di DNA dal guscio del razzo TEXUS. Crediti: Adrian MettauerLa molecola del DNA è in grado di resistere al rientro in atmosfera dallo spazio. Questo il risultato pubblicato su PLoS ONE da un gruppo di ricerca svizzero in biologia gravitazionale che già aveva ottenuto il risultato nel 2011 “spalmando” un po’ di filamento a doppia elica sulla fusoliera di un razzo scientifico tedesco

Anche la Terra ha il suo scudo deflettore

26/11/2014

scudo-deflettoreUno scudo invisibile ci protegge dagli elettroni killer che si muovono a velocità elevatissime a migliaia di chilometri sopra le nostre teste. Il curioso fenomeno descritto da uno studio dell’università del Colorado sull’ultimo numero di Nature

La misura si fa ad Occhio… di Sauron

26/11/2014

XMM_GalaxyNGC_410Uno dei problemi più importanti in astronomia è quello che riguarda la misura delle distanze cosmologiche. Oggi, però, alcuni ricercatori dell’Istituto Niels Bohr hanno dimostrato che è possibile ricavare la distanza a cui si trova una galassia con una precisione elevata grazie ad un metodo che si basa sull’osservazione dei buco nero supermassiccio. I risultati di questo studio sono stati pubblicati su Nature