Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Sedi IASF Milano

IASF Milano

Galassie mai viste nella nuova mappa di Lofar

19/02/2019

Una serie di 25 articoli pubblicati su Astronomy & Astrophysics, molti dei quali firmati anche da ricercatrici e ricercatori dell’Inaf e dell’Università di Bologna, getta nuova luce su molte aree di ricerca, fra le quali la fisica dei buchi neri e lo studio dell’evoluzione degli ammassi di galassie

La lezione gentile sull’universo violento

24/01/2019

È in edicola “L’universo violento”, per la collana "Lezioni di Fisica" del Corriere della Sera, dove l’affascinante epopea dell’astronomia gamma viene raccontata da una delle protagoniste della ricerca in questo settore, in forza all'Istituto nazionale di astrofisica

Ecco “the Cow”, il primo muggito del buco nero

11/01/2019

Una supernova con pochi detriti avrebbe permesso per la prima volta di sbirciare l’intensa attività di un buco nero (o una stella di neutroni) appena nato. Alla nuova ricerca, guidata dall’italiana Raffaella Margutti della Northwestern University, hanno partecipato ricercatrici e ricercatori dell’Istituto nazionale di astrofisica

Per vivere la realtà ci vuole fisica

08/11/2018

La collana “Lezioni di fisica”, in edicola con il Corriere della Sera, vuole essere uno strumento utile a comprendere fenomeni che spesso percepiamo lontani, ma nei quali siamo calati nella vita di ogni giorno, e per scoprire le nuove frontiere delle ricerche in corso. Tre dei 25 volumi sono firmati da altrettanti scienziati dell’Inaf: Patrizia Caraveo, John Robert Brucato e Tomaso Belloni

Quel bradipo di una pulsar

23/10/2018

PSR J0250+5854 ha 14 milioni di anni e si trova nella costellazione di Cassiopea, a 5200 anni luce dalla Terra. Calcolatrice alla mano, questo oggetto ruota oltre 15 mila volte più lentamente della più veloce pulsar conosciuta. La scoperta effettuata con il Low-Frequency Array (Lofar). Tra gli autori anche Paolo Esposito dell’Inaf di Milano

Il cuore duro di Mercurio

18/04/2019

Un solido cuore di ferro grande circa la metà dell’intero nucleo del pianeta. Sono i risultati ottenuti grazie alle osservazioni della sonda Messenger della Nasa durante quattro anni in orbita attorno a Mercurio. Media Inaf ha intervistato il primo autore dello studio pubblicato sulla rivista Geophysical Research Letters, il 34enne Antonio Genova della Sapienza Università di Roma

Più onde gravitazionali per tutti

18/04/2019

La parola d’ordine è: coinvolgere. E per coinvolgere un pubblico il più ampio possibile nell’astronomia gravitazionale ecco arrivare due nuovi tool. Uno consente di ricevere in tempo reale le segnalazioni di eventi dalla collaborazione Ligo-Virgo. L’altro, invece, di mettere il tempo morto della propria cpu a disposizione degli astrofisici che studiano le fusioni fra buchi neri

Magnetar a 6.6 miliardi di anni luce

18/04/2019

Un team internazionale di astronomi ha annunciato di aver osservato un segnale a raggi X molto probabilmente originatosi da una magnetar generata dalla fusione di due stelle di neutroni. Il segnale è stato catturato nel corso della 7-Megasecond Chandra Deep Field-South survey. I dettagli della scoperta sono stati pubblicati su Nature