Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Sedi

Sedi

Sede Centrale INAF
Osservatorio di Torino
Osservatorio astronomico di Torino
Osservatorio di Brera
Osservatorio astronomico di Brera (Milano)
IASF Milano
Istituto di Astrofisica Spaziale e Fisica cosmica di Milano
Osservatorio di Padova
Osservatorio astronomico di Padova
Osservatorio di Trieste
Osservatorio astronomico di Trieste
Osservatorio di Bologna
Osservatorio astronomico di Bologna
IRA Bologna
Istituto di Radioastronomia
IASF Bologna
Istituto di Astrofisica Spaziale e Fisica cosmica di Bologna
Osservatorio di Arcetri (FI)
Osservatorio astrofisico di Arcetri (Firenze)
Osservatorio di Teramo
Osservatorio astronomico di Teramo
Osservatorio di Roma
Osservatorio astronomico di Roma
IAPS Roma
Osservatorio di Capodimonte (NA)
Osservatorio astronomico di Capodimonte (Napoli)
Osservatorio di Cagliari
Osservatorio astronomico di Cagliari
Osservatorio di Palermo
Osservatorio astronomico di Palermo
IASF Palermo
Istituto di Astrofisica Spaziale e Fisica cosmica di Palermo
Osservatorio di Catania
Osservatorio astrofisico di Catania
Telescopio Nazionale Galileo (La Palma, Isole Canarie)
Telescopio Nazionale Galileo (La Palma, Isole Canarie)

L’eclissi totale fotografata da Hinode

24/08/2017

Gli strumenti del telescopio giapponese hanno regalato delle inedite immagini del raro fenomeno verificatosi lo scorso 21 agosto sopra gli Stati Uniti

Proiettili di silicio dalla supernova

24/08/2017

I getti di plasma attorno ai resto di supernova della Vela sono molto frammentati, al punto da apparire come ”shrapnel”, le pallottole cave che all'esplosione vanno in mille pezzi. Un team internazionale del quale fanno parte tre ricercatori dell'Inaf di Palermo ne ha osservato uno con il telescopio spaziale Xmm-Newton, scoprendo un’insolita abbondanza di silicio

Buchi neri come trottole impazzite

23/08/2017

Esce oggi su “Nature” uno studio che rivela come i buchi neri in sistemi binari abbiano assi di rotazione non allineati, un dato da cui è possibile trarre preziose informazioni riguardo alla loro genesi. Media Inaf ha intervistato uno degli autori dell’articolo, il mantovano Alberto Vecchio, oggi astrofisico all’Università di Birmingham