Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Sedi Osservatorio di Padova

Osservatorio di Padova

Osservatorio di Padova

Osservatorio di Padova

Direttore Roberto Ragazzoni

Indirizzo web http://www.oapd.inaf.it

Foto dell’Osservatorio nella galleria multimediale
Consulta le attività divulgative e iniziative didattiche
Consulta l’elenco telefonico

Asiago, tre telescopi sull’Altopiano

26/03/2020

Lassú in quella montagna silenziosa e deserta resa immortale dalle pagine di Mario Rigoni Stern sorgono non uno, non due, bensì tre telescopi. Il Galileo, lo Schmidt e il Copernico – che con il suo specchio primario da 182 cm è a oggi il più grande telescopio ottico sul suolo italiano. Andiamo a scoprirli insieme alla coordinatrice della sede Inaf di Asiago, Lina Tomasella, astrofisica originaria di Vittorio Veneto che, dopo aver vissuto e lavorato come ricercatrice per mezza Europa, è tornata qui fra queste cime innevate

I beni culturali dell’Inaf raccontati su YouTube

20/03/2020

Inauguriamo oggi, sul portale Polvere di stelle e sul canale MediaInaf Tv, “Racconti di astronomia”: una nuova rubrica curata da Federico Di Giacomo dedicata al patrimonio storico culturale dell’Inaf. Narrerà, attraverso una serie di brevi video, i personaggi, gli strumenti e le vicende che hanno fatto grande l’astronomia e l’astrofisica italiana. La prima puntata ripercorre, tra curiosità e aneddoti, la storia del cannocchiale Dembowski

Mille mascherine per la Protezione Civile

18/03/2020

L’Osservatorio astronomico di Padova, una delle sedici sedi dell’Istituto nazionale di astrofisica, ha consegnato questa mattina alla Protezione Civile mille mascherine chirurgiche, ormai introvabili a causa dell’emergenza coronavirus. «Una goccia nell’oceano, ma sono le gocce che formano il mare», dice Roberto Ragazzoni, direttore dell’Osservatorio

Ad Alvio Renzini il premio Lodewijk Woltjer

09/03/2020

Due gli italiani fra i sei scienziati insigniti di un riconoscimento dalla European Astronomical Society: Stefano Vitale dell’università di Trento e Alvio Renzini dell’Inaf di Padova. «Mi sento particolarmente onorato», dice Renzini a Media Inaf, «essendo questo riconoscimento intitolato a Lo Woltjer, che guidò l’Eso alla scelta del disegno del Very Large Telescope»

Quel diamante sfocato è la prima stella di Cheops

07/02/2020

Il telescopio spaziale dell’Esa per la caratterizzazione degli esopianeti ha acquisito un’immagine della sua prima stella bersaglio. Raffigura Hd 70843, una sorgente a 150 anni luce da noi, ed è stata deliberatamente sfocata dall’ottica dello strumento per migliorare la precisione della misura della quantità di luce emessa

Lampi gamma dal collasso di campi magnetici

08/04/2020

Un nuovo studio internazionale condotto dall’Università di Bath, che vede coinvolti due ricercatori associati Inaf, sembra fare luce sul misterioso fenomeno dei lampi gamma. Un livello sorprendentemente basso di polarizzazione della radiazione indica che il campo magnetico della stella potrebbe essere collassato, rilasciando l'energia che ha alimentato la prodigiosa esplosione. Tutti i dettagli su ApJ

Inattesi canali magnetici in una remota galassia

08/04/2020

Insolite strutture che emettono onde radio e un probabile collegamento dei campi magnetici tra i due lobi della remota radiogalassia Eso 137-006: sono questi i sorprendenti risultati dello studio condotto da un team internazionale di astronomi guidati da Mpati Ramatsoku, della Rhodes University e associata Inaf, e che vede coinvolti molti ricercatori dell'Istituto nazionale di astrofisica, pubblicato su Astronomy and Astrophysics

Con un poco di zolfo, la foschia va su

08/04/2020

Lo zolfo è un ingrediente essenziale per la vita sulla Terra, dunque potrebbe essere anche un elemento utile alla ricerca di vita su altri pianeti. Uno studio pubblicato su Nature Astronomy illustra i risultati di simulazioni condotte in laboratorio per valutare l’impatto della presenza di zolfo in esoatmosfere ricche di anidride carbonica