Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Sedi

Sedi

Sede Centrale INAF
Osservatorio di Torino
Osservatorio astronomico di Torino
Osservatorio di Brera
Osservatorio astronomico di Brera (Milano)
IASF Milano
Istituto di Astrofisica Spaziale e Fisica cosmica di Milano
Osservatorio di Padova
Osservatorio astronomico di Padova
Osservatorio di Trieste
Osservatorio astronomico di Trieste
Osservatorio di Bologna
Osservatorio astronomico di Bologna
IRA Bologna
Istituto di Radioastronomia
IASF Bologna
Istituto di Astrofisica Spaziale e Fisica cosmica di Bologna
Osservatorio di Arcetri (FI)
Osservatorio astrofisico di Arcetri (Firenze)
Osservatorio di Teramo
Osservatorio astronomico di Teramo
Osservatorio di Roma
Osservatorio astronomico di Roma
IAPS Roma
Osservatorio di Capodimonte (NA)
Osservatorio astronomico di Capodimonte (Napoli)
Osservatorio di Cagliari
Osservatorio astronomico di Cagliari
Osservatorio di Palermo
Osservatorio astronomico di Palermo
IASF Palermo
Istituto di Astrofisica Spaziale e Fisica cosmica di Palermo
Osservatorio di Catania
Osservatorio astrofisico di Catania
Telescopio Nazionale Galileo (La Palma, Isole Canarie)
Telescopio Nazionale Galileo (La Palma, Isole Canarie)

Adeano sismico: tutta colpa dei meteoriti

26/09/2017

I cristalli di zircone suggeriscono che l'attività tettonica sul nostro pianeta può essere iniziata durante l'Adeano, cioè oltre 4 miliardi di anni fa, quando la Terra non era ancora in grado di sostenere movimenti sismici. La causa? Impatti di grandi oggetti provenienti dalle periferie del Sistema solare possono aver innescato il processo

Galassia nana per capire le origini dell’universo

26/09/2017

Una piccola e giovane galassia nana promette nuovi indizi per lo studio della formazione e della composizione chimica della galassie primordiali, formatesi nei primi 3 miliardi di anni dopo il Big Bang

Su Marte non è tutto ghiaccio ciò che risuona

26/09/2017

A sorpresa, le misure del radar Marsis a bordo della missione europea Mars Express nella regione Meridiani planum, la pianura di Marte più studiata, indicherebbero che là non ci sia ghiaccio nel sottosuolo