Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Sedi Osservatorio di Torino

Osservatorio di Torino

Osservatorio di Torino

Osservatorio di Torino

Direttore Alessandro Capetti

Indirizzo web http://www.oato.inaf.it

Foto dell’Osservatorio nella galleria multimediale

Consulta le attività divulgative e iniziative didattiche

Consulta l’elenco telefonico

Metis, alla scoperta della corona solare

22/05/2017

Lo strumento finanziato dall’Asi e realizzato in collaborazione con Inaf è stato consegnato ad Airbus UK per essere integrato nella sonda Solar Orbiter dell'Agenzia spaziale europea

Scienza da bere con Pint of Science

10/05/2017

Partita dal Regno Unito grazie due ricercatori all’Imperial College di Londra, l’iniziativa è giunta alla sua terza edizione, avendo ormai conquistato ben 12 paesi. In Italia, 150 speaker si alterneranno ai tavoli di 60 locali di 20 città. E l'Istituto nazionale di astrofisica (Inaf) è uno dei principali sponsor della manifestazione

Espulsioni di massa coronale, a tutto gas

09/05/2017

Sono “nuvole magnetiche” di gas ionizzato, sparate dal Sole a velocità che possono superare i 2000 km/s. Se raggiungono la Terra, interagendo con il campo magnetico possono dare luogo ad affascinanti fenomeni come le aurore polari. O innescare pericolose tempeste geomagnetiche

I planetaristi italiani vanno in Campo

20/04/2017

Dal 21 al 23 aprile i rappresentanti dei planetari italiani si ritrovano per fare il punto su tecnologie, nuovi progetti e molto altro al futuristico “Planetarium Alto Adige” di San Valentino in Campo, in provincia di Bolzano, per il meeting organizzato ogni anno dalla PLanIT, l’Associazione dei planetari italiani. Per portare nel modo più suggestivo l'astronomia e le scienze del cielo al grande pubblico

La migrazione violenta dei giganti caldi

07/04/2017

Si chiamano gioviani caldi, e sono conosciuti anche come giganti gassosi o hot Jupiters: si tratta di una classe di esopianeti di cui abbiamo parlato spesso e sulla cui origine la nostra conoscenza fa oggi un importante passo avanti grazie al programma osservativo Gaps (Global Architecture of Planetary Systems). Due diversi studi a guida Inaf, infatti, uno coordinato da Aldo Bonomo, l’altro da Massimiliano Esposito, ci aiutano a comprendere meglio la loro formazione ed evoluzione

L’interculturalità parte dalla Luna

27/05/2017

Ieri sera, venerdì 26 maggio, l’Istituto Nazionale di Astrofisica ha ospitato, presso l’Osservatorio astronomico di Padova, 18 Imam afferenti a diverse associazioni islamiche del Nord-Est per osservare, con l’ausilio di binocoli e telescopi, il manifestarsi della primissima falce di Luna crescente che decreta l’inizio di uno dei mesi più importanti per i musulmani, il Ramadan.

Extremely Large Telescope: il futuro è adesso

26/05/2017

Posata oggi la prima pietra di quello che è stato definito il telescopio del futuro: Elt, l’Extremely Large Telescope. Un telescopio che parla italiano: il consorzio Ace (Astaldi, Cimolai ed Eie Group) ha infatti vinto l'appalto per la costruzione della struttura principale del telescopio e della sua imponente cupola, mentre l’Inaf ha in carico la realizzazione della strumentazione d’avanguardia che rappresenta il cuore scientifico dell’Elt

Cosa c’è in un nome?

26/05/2017

Uno studio su 200mila articoli scientifici pubblicati, dal 1950 a oggi, nelle più prestigiose riviste astronomiche evidenzia un pregiudizio di genere: tra gli articoli citati, c’è un sistematico 10 per cento in più di articoli scritti da primi autori uomini rispetto a quelli scritti da prime autrici donne