Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Sedi Osservatorio di Roma

Osservatorio di Roma

Osservatorio di Roma

Osservatorio di Roma

Direttore Lucio Angelo Antonelli

Indirizzo web http://www.oa-roma.inaf.it

Foto dell’Osservatorio nella galleria multimediale
Consulta l’elenco telefonico

Chi ha cesellato gli anelli di Saturno

13/06/2019

Nuovi, sorprendenti risultati arrivano dall’analisi dei dati raccolti dagli strumenti della sonda Cassini prima del Grand Finale. «Pur essendo dominati entrambi dal ghiaccio d’acqua, lo spettro degli anelli appare molto più arrossato di quello dei satelliti ghiacciati di Saturno per via della maggiore concentrazione di contaminanti», spiega Gianrico Filacchione dell'Inaf, tra gli autori dell'articolo su Science

C’è un’astrofisica a “Love Me Stranger”

15/05/2019

Condotto da Chiara Francini su La Effe, il programma in quattro puntate dedicato a esplorare il significato del termine “straniero” avrà come ospite fisso Elisa Nichelli, astrofisica all’Inaf di Roma, giornalista e autrice di un recente libro sui buchi neri

Due astrofisici in cima al podio di GiovedìScienza

10/05/2019

Sono Edwige Pezzulli e Andrea Longobardo – entrambi ricercatori all’Inaf di Roma – la prima e il secondo classificati nell’ottava edizione del concorso rivolto a scienziati under-35. Buchi neri primordiali e microbilance i loro temi di ricerca. La consegna del premio si è svolta ieri al Salone del Libro di Torino

L’Invenzione e la scienza a Roma

03/04/2019

Lunedì si apre la XIV edizione del National Geographics Festival delle Scienze di Roma, un’occasione imperdibile per avvicinare i più giovani al mondo della scienza, con oltre 40 incontri e più di 300 attività didattiche in programma. L’Istituto nazionale di astrofisica anche quest'anno partecipa all'evento con un’offerta ricca e trasversale, conferenze, laboratori, uno spettacolo teatrale e la mostra “Da zero a ∞”, che racconta i numeri dell’universo

Ryugu, pubblicati su Science i primi risultati

21/03/2019

Un ammasso di pietrisco poroso a forma di trottola. Prodotto probabilmente dalla disgregazione di un progenitore più grande. Contiene minerali idrati, ma è comunque molto arido. A firmare l'identikit dell’asteroide, fra gli altri, anche due ricercatori dell’Inaf: Ernesto Palomba e Davide Perna

A caccia di gioviani con l’intelligenza artificiale

26/06/2019

I ricercatori della Southwest Research Institute hanno ideato un bot per cercare pianeti gemelli di Giove, che a loro volta potrebbero favorire la presenza di pianeti rocciosi più interni e magari abitabili. L’algoritmo sfrutta le informazioni sulla composizione chimica delle stelle, cercando le firme di elementi come carbonio, ferro, ossigeno e sodio

Un campione stellare di pesi massimi

26/06/2019

In un ammasso aperto della nostra galassia è stata scoperta una nebulosa planetaria la cui stella progenitrice aveva una massa di 5.5 masse solari, un peso massimo tra le stelle all’origine delle nebulose planetarie. I risultati confermano le previsioni teoriche secondo cui stelle di massa superiore alle 5 masse solari possono formare nebulose planetarie, ricche di azoto

Marte: 4.5 miliardi di anni di relativa tranquillità

25/06/2019

Uno studio condotto dalla Western University (Canada) su meteoriti marziane, pubblicato ieri su Nature Geoscience, anticipa di qualche centinaia di milioni di anni l’epoca in cui sul Pianeta rosso potrebbero essere comparse le condizioni per il potenziale sviluppo della vita: 4.48 miliardi di anni fa, quando ebbe termine il cosiddetto intenso bombardamento tardivo