Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Sedi IASF Bologna

IASF Bologna HomePage

IASF Bologna

IASF Bologna

Direttore Giuseppe Malaguti

Indirizzo web http://www.iasfbo.inaf.it

Email segreteria@iasfbo.inaf.it

Foto dell’Istituto nella galleria multimediale

Consulta l’elenco telefonico

Abitare a testa in giù

20/04/2016

fcc1-927x420Si chiamano “Abitare lo Spazio” i 39 laboratori didattici per le scuole elementari e medie, tutti gratuiti e in sette città, organizzati da INAF e BNL per il Festival della cultura creativa. Per le classi interessate, ci sono ancora posti disponibili nelle sedi di Bologna e Palermo. Affrettatevi!

Scandalosamente splendenti

23/03/2016

planckinstruLe ha scoperte, spigolando fra dati di Planck, un laureando della University of Massachusetts Amherst. Hanno circa dieci miliardi di anni e, commenta Carlo Burigana dell’INAF, «appaiono davvero come dei “mostri astrofisici”: si tratta probabilmente di galassie con una straordinaria attività di formazione stellare»

Venti di quasar

22/03/2016

Rappresentazione artistica di venti attorno un buco nero. Una parte del gas che li forma cade a spirale verso l'interno, ma un’altra parte è spinta verso l’esterno. Crediti: NASA e M. Weiss (Chandra X-ray Center)Provengono da una galassia lontana, e fra le emissioni generate da un buco nero supermassiccio sono quelle più veloci mai osservate a lunghezze d’onda ultraviolette. Mauro Dadina (INAF): «Hanno energia sufficiente a spazzare via il gas da cui si formano le stelle delle galassie»

Come ti piego un’onda a mille GHz

15/03/2016

Una lente per il terahertz. 
Per realizzarla, i ricercatori hanno utilizzato una serie di lastre impilate. Una tecnica che potrebbe costituire la base per nuovi  dispositivi. Crediti: Mittleman Lab / Brown UniversityUno studio appena uscito su Nature Scientific Reports illustra un dispositivo dielettrico in grado di focalizzare onde con frequenze comprese fra i 100 e i 10 mila GHz. Francesco Cuttaia (INAF): «Aprono l’orizzonte a innumerevoli applicazioni in campo astrofisico e tecnologico»

Cacciatori di Blazar

29/01/2016

Rappresentazione artistica di un blazar. Crediti: Wolfgang Steffen - Instituto de Astronomía, UNAM, MessicoDue ricercatori italiani, Raffaele D’Abrusco e Francesco Massaro, insieme ad un team internazionale di astronomi di cui fanno parte anche Nicola Masetti e Marco Landoni dell’INAF, hanno sviluppato un nuovo metodo per selezionare tra le sorgenti infrarosse quei ‘candidati blazar’ che potenzialmente corrispondessero a emissioni gamma non identificate. Individuando e confermando così l'esistenza di oltre 200 oggetti di questo tipo

Il lato gamma della Luna

29/04/2016

La Luna ai raggi gamma di Fermi. L'immagine è stata realizzata grazie ai dati raccolti dal 2008 al 2015 dal Fermi LAT.
Crediti: NASA, DOE, International Fermi LAT CollaborationL'Astronomy Picture of the Day della NASA di oggi è un'immagine della Luna ai raggi gamma, costruita con i dati rilevati nei primi sette anni di operatività e osservazioni (2008-2015) dal Large Area Telescope a bordo di Fermi, l'osservatorio spaziale della NASA dedicato allo studio della radiazione gamma di alta e altissima energia, cui l’Italia collabora con ASI, INAF e INFN

Perché non siamo soli nell’Universo

29/04/2016

rewÈ praticamente ovvio che esistano altre forme di vita. Lo dice uno studio appena pubblicato su Astrobiology e che prova a ridisegnare i limiti all’unicum di una civiltà sviluppata come quella umana all’interno della Galassia e dell’Universo. Risultato: è già accaduto miliardi di volte

JWST: un gioiello di specchio

29/04/2016

jwst2Il James Webb Space Telescope, destinato a diventare il successore scientifico del beneamato telescopio spaziale Hubble, presto entrerà nelle fasi di test in vista del lancio, previsto per il 2018. A Greenbelt, Maryland, nella camera pulita del Goddard Space Flight Center's della NASA gli ingegneri hanno scoperto l’enorme specchio primario del telescopio, formato da 18 specchi più piccoli, tutti ricoperti di un sottile strato d’oro. Sarà lo specchio più grande fino ad ora lanciato nello spazio