Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Sedi IASF Bologna

IASF Bologna HomePage

IASF Bologna

IASF Bologna

Direttore Giuseppe Malaguti

Indirizzo web http://www.iasfbo.inaf.it

Email segreteria@iasfbo.inaf.it

Foto dell’Istituto nella galleria multimediale

Consulta l’elenco telefonico

Marta e Francesco, diversamente sardi

23/03/2015

Francesco Cuttaia, secondo classificato a "Intraprendere". E Marta Burgay, "Donna Sarda 2015". Entrambi ricercatori all'INAFUn marzo ricco di riconoscimenti a ricercatrici e ricercatori dell’INAF. Oggi è stato il turno del MERAC Prize a Michela Mapelli, ma già c'era stato, a inizio mese, il premio “Donna sarda 2015” a Marta Burgay. E la settimana scorsa il secondo posto al concorso per startupper “Intraprendere” a Francesco Cuttaia

Il lampo gamma che nasce dall’ipernova

18/02/2015

La supernova SN 2013dx e la sua galassia ospite, evidenziata dai due tratti perpendicolari, ripresa dallo strumento FORS2 del telescopio VLT dell'ESO il 27 luglio del 2013. Due galassie compagne sono ben visibili visibili a sud della sorgenteE' stata la tremenda esplosione di una stella almeno 30 più massiccia del nostro Sole, avvenuta in una galassia nana, a generare il prolungato lampo di raggi Gamma (GRB) registrato il 2 luglio del 2013. La conferma arriva dallo studio condotto da un team in gran parte composto da astronomi dell’INAF, che sono riusciti a caratterizzare in dettaglio le caratteristiche della stella progenitrice e l’energia rilasciata nel cataclisma cosmico

Big Bang, c’è chi dice no

12/02/2015

bbprevCombinando opportunamente meccanica quantistica e relatività generale, dalle equazioni di un modello pubblicato su Physics Letters B sparisce quell’imbarazzante singolarità iniziale nota come “big bang”. Possibile? Lo chiediamo a Carlo Burigana, cosmologo all’INAF IASF di Bologna

Onde gravitazionali ridotte in polvere

30/01/2015

Immagine ottenuta tramite Planck della porzione di cielo osservata da BICEP2. La scala cromatica rappresenta le emissioni dalla polvere, mentre le linee indicano l’orientamento del campo magnetico galattico, rilevato misurando la direzione della luce polarizzata emessa dalla polvere. L’area tratteggiata identifica una piccola regione di cielo osservata da BICEP2 e dal Keck Array, due esperimenti situati al Polo Sud, nella quale era stata ipotizzata una possibile presenza dei “modi B” primordiali. L’intera immagine copre un’area di cielo di 60° di lato. Crediti: ESA / Planck CollaborationContrariamente a quanto annunciato la primavera scorsa, non c’è ancora alcuna prova certa della presenza di “modi B” primordiali – risalenti al Big Bang – nella polarizzazione della CMB. Questa la conclusione, dopo mesi trascorsi fianco a fianco ad analizzare i dati, dei team del satellite Planck dell’ESA e del telescopio antartico BICEP2

Regalati il cielo delle Canarie

22/12/2014

mytngL’occhio dell’Istituto Nazionale di Astrofisica situato a La Palma, nelle Isole Canarie, si è, infatti, arricchito di un nuovo canale per farsi conoscere anche al di fuori del mondo dell’astronomia professionale

La misteriosa fascia calda di Venere

27/03/2015

shottiniveneriniUna mappa termica dell’atmosfera di Venere, ottenuta con il metodo delle occultazioni, riserva due sorprese: uno strato misteriosamente più caldo di quanto dovrebbe e un insolito tepore mattutino. A guidare lo studio l’italiana Arianna Piccialli, del laboratorio francese LATMOS

Le migliori ‘lampadine cosmiche’

27/03/2015

sn_galex_cutUno studio su un centinaio di galassie ha permesso ad un gruppo di ricercatori di selezionare una lista delle migliori supernovae di tipo Ia che potranno essere utilizzate per definire meglio le distanze cosmiche con una precisione due volte migliore rispetto a quanto ottenuto in precedenza e quindi per determinare il tasso dell'espansione accelerata dell'Universo. Il lavoro su Science

Il mondo al buio per l’Ora della Terra

27/03/2015

ora-della-terraTorna sabato 28 marzo l'Earth Hour, la più grande mobilitazione globale per fermare simbolicamente e in modo pacifico il cambiamento climatico. Le luci di più di 7000 città si spegneranno per un’ora, dalle ore 20.30 alle 21.30, attraverso tutti i fusi orari, dal Pacifico alle coste atlantiche