Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Sedi OAS Bologna

IASF Bologna HomePage

IASF Bologna

OAS Bologna

Direttore Andrea Comastri

Indirizzo web https://www.oas.inaf.it

Email segreteria@iasfbo.inaf.it

Foto dell’Istituto nella galleria multimediale

Consulta l’elenco telefonico

Spremuta di galassie con getto relativistico

07/04/2020

Un team di ricercatori del Clemson University College of Science, in collaborazione con ricercatori di tutto il mondo, è riuscito per la prima volta in assoluto a immortalare un getto relativistico che emerge da due galassie in collisione. È la prima prova fotografica che la fusione tra galassie può produrre getti di particelle cariche che viaggiano a una velocità quasi pari a quella della luce. Allo studio, realizzato grazie alle osservazioni fatte con telescopi spaziali e da terra e pubblicato su The Astrophysical Journal, ha partecipato anche Stefano Marchesi, professore a Clemson e ricercatore Inaf

Crea il tuo astro-documentario con Scratch

01/04/2020

L’Istituto nazionale di astrofisica da oggi propone una nuova attività dedicata ai bambini che li porterà a diventare piccoli divulgatori in giro per lo spazio, descrivendo le bellissime immagini del telescopio spaziale Spitzer scaricabili con la app gratuita Nasa Selfies e programmando il loro astro-documentario con Scratch. Tutti i dettagli sulla pagina di Inaf Oas Bologna

Quando Venere incontra le Pleiadi

01/04/2020

Venerdì 3 e sabato 4 aprile il pianeta Venere si troverà allineato con l’ammasso stellare delle Pleiadi. L’Inaf di Bologna invita i più piccoli a osservare il fenomeno celeste a occhio nudo e descriverlo con un disegno o un racconto. Tutte le opere inviate verranno pubblicate sui canali social dell’Osservatorio. Se poi il gioco vi appassiona, fino al 27 aprile sarà possibile inviare disegni a tema astronomico anche al concorso nazionale “Osserva il cielo e disegna le tue emozioni”

Sagittario, la morte in diretta

29/03/2020

La scena del crimine è la nostra galassia, e il compito dei ricercatori – guidati da Michele Bellazzini dell’Inaf di Bologna – era identificare quali fra i reperti rinvenuti sul luogo del delitto appartenessero al “cadavere", ovvero alla galassia nana del Sagittario, prima che la Via Lattea glieli strappasse via. I risultati saranno pubblicati su Astronomy & Astrophysics

Là dove la tavola periodica ha solo tre caselle

17/03/2020

Grazie a una potentissima lente gravitazionale in direzione della costellazione di Eridano, un team di astronomi guidato da Eros Vanzella e Massimo Meneghetti dell’Inaf di Bologna è riuscito a individuare una dozzina di sorgenti che sembrerebbero appartenere alla ricercatissima Popolazione III: la prima generazione di stelle della storia dell’universo, completamente incontaminate e composte essenzialmente da elementi primordiali. Lo studio è stato appena pubblicato su Monthly Notices of the Royal Astronomical Society

Lampi gamma dal collasso di campi magnetici

08/04/2020

Un nuovo studio internazionale condotto dall’Università di Bath, che vede coinvolti due ricercatori associati Inaf, sembra fare luce sul misterioso fenomeno dei lampi gamma. Un livello sorprendentemente basso di polarizzazione della radiazione indica che il campo magnetico della stella potrebbe essere collassato, rilasciando l'energia che ha alimentato la prodigiosa esplosione. Tutti i dettagli su ApJ

Inattesi canali magnetici in una remota galassia

08/04/2020

Insolite strutture che emettono onde radio e un probabile collegamento dei campi magnetici tra i due lobi della remota radiogalassia Eso 137-006: sono questi i sorprendenti risultati dello studio condotto da un team internazionale di astronomi guidati da Mpati Ramatsoku, della Rhodes University e associata Inaf, e che vede coinvolti molti ricercatori dell'Istituto nazionale di astrofisica, pubblicato su Astronomy and Astrophysics

Con un poco di zolfo, la foschia va su

08/04/2020

Lo zolfo è un ingrediente essenziale per la vita sulla Terra, dunque potrebbe essere anche un elemento utile alla ricerca di vita su altri pianeti. Uno studio pubblicato su Nature Astronomy illustra i risultati di simulazioni condotte in laboratorio per valutare l’impatto della presenza di zolfo in esoatmosfere ricche di anidride carbonica