Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Sedi IASF Bologna

IASF Bologna HomePage

IASF Bologna

IASF Bologna

Direttore Giuseppe Malaguti

Indirizzo web http://www.iasfbo.inaf.it

Email segreteria@iasfbo.inaf.it

Foto dell’Istituto nella galleria multimediale

Consulta l’elenco telefonico

Settimane olimpiche tra l’Emilia e il Veneto

04/07/2014

olimpastroAnche quest’anno, gli studenti che hanno partecipato alle Olimpiadi Italiane di Astronomia, pur non facendo parte della squadra italiana alle Internazionali, avranno occasione di trascorrere una settimana tra gli astronomi e i loro strumenti

Il super vento che oscura il buco nero

19/06/2014

Nell'immagine, presa dal video "Anatomia di un Nucleo Galattico Attivo nella galassia NGC 5548", è visibile la ricostruzione in grafica digitale del flusso di gas che oscura il buco nero, sullo sfondo. Copyright: Renaud Person & Pierre-Olivier PetrucciUn potente flusso di gas che si allontana dal buco nero supermassivo nel centro della galassia NGC 5548 alla notevole velocità di 18 milioni di chilometri orari è stato individuato da un team internazionale di ricercatori, tra cui due dell’INAF. La scoperta getta nuova luce riguardo le teorie attuali sul funzionamento dei buchi neri e l’interazione di questi ‘mostri cosmici’ con le galassie che li ospitano

Ritorno di fiamma per Crazy Diamond

17/06/2014

La visione d'insieme del cielo nei raggi gamma osservato da AGILE qualche giorno fa. In basso a sinistra, è visibile la zona da dove proviene la potente emissione associata al buco nero supermassivo nel quasar 3C 454.3. Per confronto, sulla destra dell'immagine è indicata l'emissione della pulsar Vela. Crediti: A. Bulgarelli, AGILE TeamIl 'diamante pazzo', come l'hanno ribattezzato scherzosamente in inglese gli astrofisici, è ora la sorgente di raggi gamma più intensa del cielo e continua a crescere: negli ultimi giorni ha vertiginosamente aumentato il flusso di radiazione gamma rivelata dai satelliti AGILE dell’Agenzia Spaziale Italiana e Fermi della NASA, avvicinandosi ai suoi record di emissione di alta energia registrati nel 2009 e nel 2010

Con BeppoSAX dentro l’Anomalia

27/05/2014

anomalissimaAltro che triangolo delle Bermude: l’Anomalia del Sud Atlantico mette a rischio astronauti e satelliti. In via di pubblicazione un nuovo studio INAF dai dati di un vecchio amico, il satellite per l'astrofisica delle alte energie BeppoSAX, la cui orbita ha sovente solcato la parte bassa dell’Anomalia

A Mandolesi la «Medaglia Amaldi»

19/05/2014

mandolesi-esaVa al responsabile dello strumento LFI di Planck, Reno Mandolesi, associato INAF, il prestigioso riconoscimento della Società Italiana di Relatività Generale e Fisica della Gravitazione. Istituito nel 2004 in onore del fisico Edoardo Amaldi, viene assegnato ogni due anni

I marziani sbarcano su Focus

29/08/2014

copertina_bignamiCon il numero di settembre del mensile Focus, già in edicola in questi giorni, vi è la possibilità di acquistare anche il libro di Giovanni Bignami, presidente dell’INAF, “I marziani siamo noi”. Originariamente uscito per Zanichelli, il volume ebbe un notevole successo in libreria

Quella bizzarra tempesta solare

29/08/2014

coronaloop_traceL'eruzione di massa coronale risalente al 20 e 21 gennaio di 9 anni fa è ricordata dagli esperti come una delle più potenti emissioni di protoni solari degli ultimi decenni. Eppure la tempesta che generò una volta giunta nell'ambiente terrestre non causò particolari disagi sul nostro pianeta, grazie alla protezione della magnetosfera

Pleiadi: più vicine che mai, anzi no

29/08/2014

Conosciute anche come le Sette sorelle, la Chioccetta o con la sigla M45 del catalogo di Charles Messier, le Pleiadi sono un ammasso aperto, ben visibile nella costellazione del Toro. Crediti: NASA, ESA, AURA / Caltech, Palomar Observatory.Secondo i dati raccolti dal satellite europeo Hipparcos le Pleiadi disterebbero ‘appena’ 390 anni luce, ma la rete di radiotelescopi a Terra respinge l’ammasso di stelle a una distanza di 443 anni luce. Tocca alla missione Gaia dell'ESA dirimere la questione