Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Sedi IASF Bologna

IASF Bologna HomePage

IASF Bologna

IASF Bologna

Direttore Giuseppe Malaguti

Indirizzo web http://www.iasfbo.inaf.it

Email segreteria@iasfbo.inaf.it

Foto dell’Istituto nella galleria multimediale

Consulta l’elenco telefonico

Una nana dal cuore supermassiccio

17/09/2014

M60-UCD1I buchi neri giganti potrebbero essere più numerosi di quanto si pensa. In uno studio apparso su Nature è stata infatti confermata la presenza di un buco nero supermassiccio là dove non dovrebbe essere: all’interno di una galassia molto piccola e densa, una cosiddetta nana supercompatta. Il commento di Eleonora Torresi (INAF)

Settimane olimpiche tra l’Emilia e il Veneto

04/07/2014

olimpastroAnche quest’anno, gli studenti che hanno partecipato alle Olimpiadi Italiane di Astronomia, pur non facendo parte della squadra italiana alle Internazionali, avranno occasione di trascorrere una settimana tra gli astronomi e i loro strumenti

Il super vento che oscura il buco nero

19/06/2014

Nell'immagine, presa dal video "Anatomia di un Nucleo Galattico Attivo nella galassia NGC 5548", è visibile la ricostruzione in grafica digitale del flusso di gas che oscura il buco nero, sullo sfondo. Copyright: Renaud Person & Pierre-Olivier PetrucciUn potente flusso di gas che si allontana dal buco nero supermassivo nel centro della galassia NGC 5548 alla notevole velocità di 18 milioni di chilometri orari è stato individuato da un team internazionale di ricercatori, tra cui due dell’INAF. La scoperta getta nuova luce riguardo le teorie attuali sul funzionamento dei buchi neri e l’interazione di questi ‘mostri cosmici’ con le galassie che li ospitano

Ritorno di fiamma per Crazy Diamond

17/06/2014

La visione d'insieme del cielo nei raggi gamma osservato da AGILE qualche giorno fa. In basso a sinistra, è visibile la zona da dove proviene la potente emissione associata al buco nero supermassivo nel quasar 3C 454.3. Per confronto, sulla destra dell'immagine è indicata l'emissione della pulsar Vela. Crediti: A. Bulgarelli, AGILE TeamIl 'diamante pazzo', come l'hanno ribattezzato scherzosamente in inglese gli astrofisici, è ora la sorgente di raggi gamma più intensa del cielo e continua a crescere: negli ultimi giorni ha vertiginosamente aumentato il flusso di radiazione gamma rivelata dai satelliti AGILE dell’Agenzia Spaziale Italiana e Fermi della NASA, avvicinandosi ai suoi record di emissione di alta energia registrati nel 2009 e nel 2010

Con BeppoSAX dentro l’Anomalia

27/05/2014

anomalissimaAltro che triangolo delle Bermude: l’Anomalia del Sud Atlantico mette a rischio astronauti e satelliti. In via di pubblicazione un nuovo studio INAF dai dati di un vecchio amico, il satellite per l'astrofisica delle alte energie BeppoSAX, la cui orbita ha sovente solcato la parte bassa dell’Anomalia

Il tuo tweet a E.T.

24/10/2014

et-600x450I tweet vincitori del concorso saranno "spediti" nello spazio, e chissà che qualcuno non risponda

Un assaggio di stella per il buco nero

24/10/2014

tidaldisruptionUn buco nero supermassiccio strappa ad una stella transitata nelle sue vicinanze parte del suo gas, senza però distruggerla completamente. Il fenomeno è stato studiato da un team guidato da ricercatori della Ohio State University

Hubble cattura Siding Spring

24/10/2014

La cometa dell'anno Siding Spring: Hubble ha scattato due foto separate unite poi da un team della NASA. La distanza tra i due nel momento del massimo avvicinamento è di circa 1.5 arcominuti. Crediti: NASA, ESA, J.-Y. Li (PSI), C.M. Lisse (JHU/APL), and the Hubble Heritage Team (STScI/AURA)Il telescopio orbitante ha scattato due immagini di Marte e di C 2013 A1 poi elaborate in un'unica foto per mostrare la distanza tra i due corpi nel momento del massimo avvicinamento