Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Sedi IASF Bologna

IASF Bologna HomePage

IASF Bologna

IASF Bologna

Direttore Giuseppe Malaguti

Indirizzo web http://www.iasfbo.inaf.it

Email segreteria@iasfbo.inaf.it

Foto dell’Istituto nella galleria multimediale

Consulta l’elenco telefonico

Regalati il cielo delle Canarie

22/12/2014

mytngL’occhio dell’Istituto Nazionale di Astrofisica situato a La Palma, nelle Isole Canarie, si è, infatti, arricchito di un nuovo canale per farsi conoscere anche al di fuori del mondo dell’astronomia professionale

Venti molecolari a 1000 km al secondo

03/12/2014

Rendering 3D dell’osservazione di SDSS J0905+57 con la rilevazione del monossido di carbonio. La “testa” luminosa mostra il gas associato al nucleo denso e compatto di formazione stellare. La “coda” (con le regioni a più alta velocità rappresentate in rosso) mostra invece emissioni (outflow) di gas a velocità fino a 1000 km/s, mettendo in evidenza come sia il feedback stellare ad espellera dalla galassia il gas molecolare. Crediti: J. Geach e R. CrainOsservata per la prima volta l’emissione violenta, dalle regioni centrali d’una galassia, d’enormi masse di gas freddo spinte non da un buco nero bensì dalle stelle. Massimo Cappi (INAF Bologna): “Un risultato che aiuterà a comprendere il ruolo giocato da questi venti nella formazione delle galassie”

Planck riscrive l’età oscura della cosmologia

01/12/2014

La mappa a tutto cielo della polarizzazione del canale a 70 GHz di
Planck, da cui sono stati derivati i limiti sulla CMB a grande
scala angolare per
Planck 2014. Le linee indicano la direzione
di polarizzazione, la
scala di colori fa riferimento alla sua ampiezza (l’intensità aumenta procedendo
dal chiaro allo scuro). Crediti: ESA and the Planck collaborationPresentate le mappe della polarizzazione del fondo cosmico a microonde ottenute dal telescopio spaziale Planck, che confermano il modello standard dell’universo, ridimensionando le incongruenze fra modelli di derivazione astrofisica e modelli di derivazione cosmologica

Android, iPad e iPhone: ecco la nuova app

17/11/2014

thmbNews, eventi e video, ma anche molte informazioni sulla “galassia INAF” – dai telescopi alle sedi fino alle opportunità di lavoro – nella app appena rilasciata. Completamente rinnovata, arricchita e ridisegnata per i dispositivi più diffusi, ti permette d’avere sempre il cielo a portata di mano

GLORIA è pronta per la caccia alle stelle

10/11/2014

Uno dei telescopi robotici della rete GLORIASi consolida la formazione attuale della rete GLORIA con l’inserimento di ulteriori otto telescopi, tutti robotizzati e ad accesso completamente gratuito, semplicemente collegandosi via Internet. Un progetto europeo, con il contributo per l’Italia dell’INAF, pensato per dare, a chiunque nel mondo, la possibilità di partecipare da protagonista al progresso dell’astronomia

Risolto il mistero delle “bolle gialle”

28/01/2015

Le "bolle gialle" identificate dai volontari di The Milky Way Project. Crediti: NASA/JPL-CaltechSull’esatta natura delle cosiddette “yellowballs”, conformazioni individuate per la prima volta da un utente del portale di citizen science “The Milky Way Project”, gli astronomi si sono interrogati per quattro anni. Ora la risposta su ApJ: si tratta di regioni di formazione stellare

Ai buchi neri piace la regola

28/01/2015

bh_renderSecondo uno studio condotto da due ricercatori della Swinburne University of Technology, l'evoluzione dei buchi neri è correlata alle proprietà fisiche della galassia in cui risiedono. I risultati forniscono nuovi indizi sui processi dinamici che riguardano la formazione e l'evoluzione di questi enigmatici oggetti e permettono di fare delle previsioni sulla loro massa

Verso l’orizzonte del Buco Nero

28/01/2015

29gennaioNell’ambito degli eventi dedicati all’Anno della Luce, promosso per il 2015 dall’UNESCO, domani presso l’Osservatorio Astronomico di Capodimonte dell'INAF si parlerà di buchi neri insieme a Tomaso Belloni, ricercatore dell'Istituto Nazionale di Astrofisica ed esperto dell'argomento