Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Sedi Osservatorio di Capodimonte (NA)

Osservatorio di Capodimonte (NA)

Osservatorio di Capodimonte (NA)

Osservatorio di Capodimonte (NA)

Direttore Marcella Marconi

Indirizzo web http://www.oacn.inaf.it

Foto dell’Osservatorio nella galleria multimediale
Consulta le attività divulgative e iniziative didattiche
Consulta l’elenco telefonico

Tracce radio di uno scontro galattico

17/01/2022

Con i dati raccolti dai radiotelescopi Askap, MeerKat e Gmrt, un gruppo di ricercatrici e ricercatori guidato dall’Inaf ha potuto studiare una particolare emissione proveniente dal superammasso di Shapley, che fa da ponte tra un ammasso di galassie e un gruppo di galassie, quest’ultimo in recente collisione nell’ammasso come un gigantesco proiettile che ne ha innescato l’emissione

Campione da record: 1234 galassie per un ammasso

15/12/2021

Una ricerca guidata da Amata Mercurio dell’Inaf ha analizzato 1234 galassie appartenenti all’ammasso Abell S1603, la cui luce ha viaggiato per quattro miliardi di anni prima di raggiungerci. Si tratta di un campione spettroscopico da record per lo studio di galassie negli ammassi, ottenuto grazie a osservazioni realizzate con il Vlt dell’Eso in Cile: la qualità senza precedenti di questi dati ha permesso di esaminare in dettaglio gli effetti ambientali e dinamici sull’evoluzione delle galassie all’interno dell’ammasso

Spirali in fila per un primo piano

08/11/2021

È firmata Inaf l’immagine della settimana dell’Eso, così come il progetto che l’ha resa possibile e il telescopio stesso – il Vlt Survey Telescope. La fotografia cattura due galassie a spirale sovrapposte ma non interagenti e, vicino a queste, nasconde un’interessante galassia ultra-diffusa. Ne parliamo con la prima autrice dello studio che le descrive, Enrichetta Iodice dell’Inaf di Napoli

Simulazioni sotto la lente della gravità

08/11/2021

Confrontando le osservazioni di galassie ellittiche massicce che fungono da lente gravitazionale con le previsioni di tre diverse simulazioni cosmologiche, un gruppo internazionale di astrofisici, tra cui due ricercatori dell’Istituto nazionale di astrofisica e dell’Università di Bologna, è riuscito a riprodurre la quantità di materia oscura presente nelle regioni centrali di queste galassie, risolvendo così un problema che affliggeva le simulazioni

Accrescimento a singhiozzo su una nana bianca

19/10/2021

Uno studio pubblicato su Nature Astronomy dimostra che i processi di accrescimento sulle nane bianche in sistemi binari stretti interagenti sono molto simili a quelli osservati nelle binarie con stelle di neutroni con deboli campi magnetici. In particolare, presenta l’accrescimento on-off di Tw Pic, a 1400 anni luce dalla Terra. Allo studio hanno partecipato anche due astrofisici dell’Inaf, Domitilla De Martino e Alessandro Papitto

Viaggio nell’astrobiologia, con Giuseppe Galletta

19/01/2022

Dalla struttura degli esseri viventi alla storia biologica della Terra. Dalla formazione degli elementi necessari per la vita nell'universo all'evoluzione delle stelle e del Sistema solare. Dall’abitabilità planetaria alla ricerca di vita in altri mondi, fino alla possibilità che esistano altre forme di vita intelligenti nella nostra galassia. Ovviamente senza tralasciare le questioni filosofiche che si aprono quando si approccia alla materia. È l'affascinante mondo dell'astrobiologia, raccontato dalla A alla Z da Giuseppe Galletta dell’Università di Padova, tra i primi protagonisti della didattica di questa disciplina in Italia, nel suo “Astrobiologia. La ricerca di vita nello spazio”

Toccare con mano l’universo, a “Punti di vista”

19/01/2022

Venerdì 21 gennaio, al Palazzo delle esposizioni di Roma, si apre la prima edizione del festival “Punti di vista”, dedicato all’inclusione, immaginato e co-progettato su iniziativa del PalaExpo con un’importante rete di partner. L’Istituto nazionale di astrofisica, da anni attivo nel campo dell’inclusione con un gruppo di lavoro dedicato, è stato coinvolto insieme all’Unione astronomica internazionale per la realizzazione di visite guidate – realizzate grazie ad exhibit tattili e multisensoriali – alla mostra “La Scienza a Roma”. Perché siamo tutti sotto lo stesso cielo e toccarlo con mano si può

I buchi neri? Sono 40 miliardi di miliardi

19/01/2022

Con un inedito approccio computazionale, un team guidato da ricercatori della Sissa è stato in grado di calcolare quanti buchi neri ci sono nell’universo osservabile. Secondo le loro stime, inoltre, nei buchi neri sarebbe racchiusa circa l’un per cento di tutta la materia ordinaria del cosmo