Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Sedi Osservatorio di Capodimonte (NA)

Osservatorio di Capodimonte (NA)

Osservatorio di Capodimonte (NA)

Osservatorio di Capodimonte (NA)

Direttore Massimo Della Valle

Indirizzo web http://www.na.astro.it

Foto dell’Osservatorio nella galleria multimediale
Consulta le attività divulgative e iniziative didattiche
Consulta l’elenco telefonico

Super Luna, uno sguardo da vicino

11/11/2016

Un confronto tra le dimensioni apparenti della Luna piena al perigeo, ovvero alla minima distanza dalla Terra ( a sinistra, chiamata anche "superluna") e all'apogeo, la massima distanza dal nostro pianeta. Crediti: NASAIn occasione di questo particolare evento astronomico, l’INAF – Osservatorio Astronomico di Capodimonte, in collaborazione con l’UAN – Unione Astrofili Napoletani, organizza una serata di apertura speciale al pubblico

Un buco nero in frenata accende la supernova

10/11/2016

Rappresentazione artistica della supernova ASASSN-15lh, come apparirebbe da un esopianeta distante da essa circa 10.000 anni luce. Crediti: Beijing Planetarium / Jin MaCosa ha fornito la straordinaria quantità di energia che ha prodotto la supernova più luminosa scoperta fino ad ora? Il rallentamento della rotazione di un buco nero, secondo le conclusioni del lavoro pubblicato sulla rivista MNRAS da Maurice Van Putten e Massimo Della Valle (INAF)

Energia oscura addio? Non proprio

26/10/2016

Due metodi a confronto per misurare la velocità di espansione dell'universo. A sinistra, quello basato sulle supernovae Ia, le "candele standard". A destra, con le coppie di galassie, il "metro standard" utilizzato nella WiggleZ survey (crediti: NASA/JPL-Caltech)In un recente articolo apparso su Scientific Reports, tre ricercatori sollevano alcuni dubbi su una delle scoperte più importanti della cosmologia. La loro analisi statistica di un ampio campione di supernove-1a suggerisce che l’accelerazione cosmica dello spazio potrebbe essere marginale e perciò consistente con un tasso di espansione costante. Ne parliamo con Massimo Della Valle (INAF)

Tra arte e scienza, l’INAF torna al Festival

24/10/2016

Crediti: Festival della Scienza di GenovaTanti i relatori, da Piero Angela al Premio Nobel per la Chimica Martin Chalfie. L'Istituto Nazionale di Astrofisica sarà presente con diverse conferenze, installazioni, spettacoli, laboratori e la mostra Shared Sky (in collaborazione con la SKA Organisation). Durante il Festival verrà distribuito gratuitamente l'ultimo numero di Global Science, in collaborazione con ASI e Globalist. Si parte giovedì 27 ottobre

DREAMS si era svegliato

21/10/2016

dreams-assemblato-dallaltoIn attesa di capire cosa sia accaduto al lander della missione ExoMars durante la sua discesa verso Marte, ecco alcuni aggiornamenti sulla stazione meteorologica DREAMS direttamente da Francesca Esposito (INAF), Principal Investigator dello strumento ospitato all'interno del modulo di discesa

A Roberto Peron il premio Best conference paper

02/12/2016

Roberto Peron (a destra) con il presidente dell'INAF Nichi D'Amico. Crediti: Media INAFPadovano di nascita, romano di adozione, Roberto Peron ha ricevuto il prestigioso riconoscimento dalla IEEE, l’Istituto degli ingegneri elettrici ed elettronici, per un articolo presentato alla terza edizione del Workshop Internazionale “Metrology for Aerospace”, nella Special Session dedicata alla Metrologia Relativistica

Onde gravitazionali, Virgo in azione da marzo

02/12/2016

L'interferometro Virgo, nella campagna pisanaTerminato lo stop che durava da gennaio, i due rivelatori statunitensi di LIGO hanno ripreso da due giorni le osservazioni scientifiche, con notevoli miglioramenti in sensibilità. E quello italiano, Advanced Virgo? «Da questa primavera, Virgo ci sarà», promette a Media INAF Giovanni Losurdo, dell’INFN

Oceano di ammoniaca nel cuore di Plutone?

02/12/2016

Veduta di Plutone con la topografia codice colore come misurato da New Horizons della NASA. Sputnik Planitia profondo bacino di forma ellittica, molto probabilmente il sito di un antico impatto su Plutone. Nuovi dati Horizons implicano che in profondità sotto questo bacino di azoto-riempito di ghiaccio ci sia  un oceano denso di acqua salata e ricca di ammoniaca. (Photo: P.M. Schenk LPI / JHUAPL / SwRI / NASA)Ancora non sappiamo se davvero l'ex nono pianeta ospiti davvero un oceano sotterraneo, e già c’è chi lo immagina come uno sciroppo denso e popolato da forme di vita esotiche. L’ipotesi è di William McKinnon, della Washington University a St. Louis, e per verificarla propone una nuova missione verso Plutone