Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Sedi Osservatorio di Capodimonte (NA)

Osservatorio di Capodimonte (NA)

Osservatorio di Capodimonte (NA)

Osservatorio di Capodimonte (NA)

Direttore Massimo Della Valle

Indirizzo web http://www.na.astro.it

Foto dell’Osservatorio nella galleria multimediale
Consulta le attività divulgative e iniziative didattiche
Consulta l’elenco telefonico

Che il diavolo benedica i Pulcinella!

23/05/2016

La copertina del volumeCronache napoletane, scientifiche e non, del barone Franz Xaver von Zach, astronomo tra i più famosi del suo tempo. Un volume a cura di Mauro Gargano, Emilia Olostro Cirella e Massimo Della Valle, con 12 tavole di Christian Leperino

Abitare a testa in giù

20/04/2016

fcc1-927x420Si chiamano “Abitare lo Spazio” i 39 laboratori didattici per le scuole elementari e medie, tutti gratuiti e in sette città, organizzati da INAF e BNL per il Festival della cultura creativa

Starlight: la nascita dell’Astrofisica in Italia

18/03/2016

La classificazione spettrale da "Le stelle" di Angelo Secchi e il prisma obiettivo usato da Merz, tra le tante opere in mostra in occasione di Starlight. La foto è anche la copertina del catalogo. 
Fotografia di Marinella CalisiSi aprirà il 21 marzo e durerà fino al 21 giugno 2016 la mostra “Starlight – la nascita dell’Astrofisica in Italia”, organizzata dall'INAF con il patrocinio del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali. La mostra è stata pensata per essere diffusa “a rete” sul territorio italiano: ognuna delle cinque sezioni che la compongono sarà infatti ospitata in alcune delle sedi INAF, in particolare quelle di Arcetri (Firenze), Roma, Capodimonte (Napoli), Palermo, Padova

I have a DREAMS

14/03/2016

Crediti: ESA / ATG medialab. Grafica: Davide Coero Borga.A bordo di ExoMars, protetto dalla robusta "armatura" del lander Schiaparelli, ecco lo strumento DREAMS: una suite di sensori per la misura dei parametri meteorologici e del campo elettrico atmosferico in prossimità della superficie di Marte. Lo osserviamo da vicino grazie all'infografica che MediaINAF ha realizzato in occasione del lancio della missione ESA

Il Vesuvio dell’Astronomia

15/02/2016

Carboncino di Christian LeperinoVenerdì 19 febbraio, alle ore 20, presso l'Osservatorio astronomico dell'INAF di Napoli si terrà la presentazione del restauro del primo telescopio di Capodimonte. Un evento aperto al pubblico, con l'esposizione di tavole dell'artista napoletano Christian Leperino e il racconto delle scoperte scientifiche del passato e del futuro al cospetto del Vesuvio

Quanto pesa la Via Lattea? 700 miliardi di soli

31/05/2016

mwdetailUna nuova e più accurata stima della massa della nostra galassia. Calcolato con un metodo, pubblicato l'anno scorso su ApJ, che tiene conto anche di velocità solo parzialmente note degli ammassi globulari, il risultato è stato presentato oggi al CASCA

Svelata la fonte dell’acqua lunare

31/05/2016

La Luna contiene piccole ma significative quantità di acqua. I campioni prelevati dagli astronauti delle missioni Apollo suggeriscono che all’interno della Luna vi siano da 10 a 300 parti per un milione di acqua. Un team di scienziati ha pubblicato un articolo su Nature Communications mostrando che la fonte di questa acqua sembrano essere gli asteroidi. Questo studio potrebbe fornire nuovi indizi su come si è formato il sistema solare, come è cresciuta la Luna e come si è svolto il bombardamento da parte di piccoli oggetti e frammenti nelle prime fasi di vita dei nostri dintorni planetari. Crediti: LPI/David A. KringUn team internazionale di scienziati ha analizzato i campioni di roccia lunare portati a Terra da numerose missioni Apollo, concludendo che l’acqua presente sul nostro satellite naturale proviene in gran parte da asteroidi arrivati sulla Luna tra 4.5 e 4.3 miliardi di anni fa. Lo studio su Nature Communications

Chi ha rubato Planet Nine?

31/05/2016

Rappresentazione artistica del Planet Nine. Crediti: WikipediaIl nostro Sole potrebbe averlo scippato a un’altra stella. Lo suggerisce un modello sviluppato in Svezia, alla Lund University, pubblicato su MNRAS Letters. Se l’ipotesi verrà confermata, sarebbe una scoperta rivoluzionaria: un pianeta extrasolare raggiungibile in pochi anni