Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Sedi Osservatorio di Capodimonte (NA)

Osservatorio di Capodimonte (NA)

Osservatorio di Capodimonte (NA)

Osservatorio di Capodimonte (NA)

Direttore Massimo Della Valle

Indirizzo web http://www.na.astro.it

Foto dell’Osservatorio nella galleria multimediale
Consulta le attività divulgative e iniziative didattiche
Consulta l’elenco telefonico

E… state con INAF

21/06/2016

Capodimonte_DSC3571-CerisolaAnche in questo 2016 il calendario degli appuntamenti che si terranno presso le sedi INAF sparse su tutto il territorio da nord a sud è ricco e variegato, appuntamenti dedicati al cielo, per avvicinare tutti nel modo più piacevole allo studio e alla passione per l'astronomia. Ce n'è per tutti i gusti, trovate quello più vicino a voi e... godetevi la serata.

IncASTRI d’arte a Napoli

17/06/2016

Certosa-e-Museo-di-San-Martino-Sezione-Navale-astrolabi-e-altri-strumentiQuest'estate, dal 16 giugno al 28 luglio, l’Osservatorio Astronomico di Capodimonte dell’INAF e il Polo museale della Campania hanno promosso IncASTRI, un ciclo di sei incontri nei principali musei della città per conversare di arte e di astronomia

Che il diavolo benedica i Pulcinella!

23/05/2016

La copertina del volumeCronache napoletane, scientifiche e non, del barone Franz Xaver von Zach, astronomo tra i più famosi del suo tempo. Un volume a cura di Mauro Gargano, Emilia Olostro Cirella e Massimo Della Valle, con 12 tavole di Christian Leperino

Abitare a testa in giù

20/04/2016

fcc1-927x420Si chiamano “Abitare lo Spazio” i 39 laboratori didattici per le scuole elementari e medie, tutti gratuiti e in sette città, organizzati da INAF e BNL per il Festival della cultura creativa

Starlight: la nascita dell’Astrofisica in Italia

18/03/2016

La classificazione spettrale da "Le stelle" di Angelo Secchi e il prisma obiettivo usato da Merz, tra le tante opere in mostra in occasione di Starlight. La foto è anche la copertina del catalogo. 
Fotografia di Marinella CalisiSi aprirà il 21 marzo e durerà fino al 21 giugno 2016 la mostra “Starlight – la nascita dell’Astrofisica in Italia”, organizzata dall'INAF con il patrocinio del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali. La mostra è stata pensata per essere diffusa “a rete” sul territorio italiano: ognuna delle cinque sezioni che la compongono sarà infatti ospitata in alcune delle sedi INAF, in particolare quelle di Arcetri (Firenze), Roma, Capodimonte (Napoli), Palermo, Padova

Asteroid Day, conto alla rovescia

24/06/2016

Immagine d'artista di un asteroide con il nostro pianeta sullo sfondo.
Crediti: NASAPartita come l’iniziativa di una manciata di persone accomunate da una passione per l’esplorazione dello spazio e lo studio dei corpi minori l'Asteroid Day è diventato un movimento globale che coinvolge migliaia di persone in tutto il mondo per diffondere conoscenza e consapevolezza sul tema degli asteroidi. L’appuntamento di quest’anno a giovedì 30 giugno, con moltissimi eventi in giro per il modo, e, ovviamente, anche qui su Media INAF

L’idrogeno che sembra un metallo

24/06/2016

21 aprile 2014, nelle immagini della Hubble Wide Field Camera 3 il restringimento della celebre macchia rossa di Giove. Crediti: NASA, ESA e A. Simon (GSFC).Non riflette né trasmette la luce visibile, ma conduce calore. Per osservare e studiare queste proprietà tutt’altro che usuali dell’idrogeno, un gruppo di ricercatori ha compresso e riscaldato alcuni campioni di questo elemento chimico a valori estremi, simulando le condizioni che si verificano nelle zone interne dei pianeti gassosi giganti

Marte: trovato un inatteso minerale

24/06/2016

Il selfie del rover NASA Curiosity, sul sito marziano dove è stato raccolto un campione della roccia chiamata Buckskin. Circondata da un ciuffo di polvere iridescente, la foratura nel suolo marziano è ben visibile in primo piano. Crediti: Crediti: NASA / JPL-Caltech / MSSS.L’analisi di un carotaggio operato dal rover NASA Curiosity in località Buckskin, nel cratere Gale, rivela la presenza di un derivato del silicio, prodotto da fenomeni di vulcanismo prima d’ora non contemplati nel recente passato di Marte. Una scoperta che può cambiare le ipotesi attuali sull’origine del Pianeta