Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Sedi Osservatorio di Cagliari

Osservatorio di Cagliari

Osservatorio di Cagliari

Osservatorio di Cagliari

Direttore Emilio Molinari

Indirizzo web http://www.oa-cagliari.inaf.it

Occhio sulla parabola: le webcam del radiotelescopio in tempo reale
Consulta le attività divulgative e iniziative didattiche
Consulta l’elenco telefonico

Il cielo più bello del mondo

31/07/2020

Secondo i risultati di una nuova ricerca pubblicata ieri su Nature, il cielo notturno più terso del pianeta si trova in Antartide. Stiamo parlando del cielo di Dome A, che risulta essere caratterizzato da un seeing addirittura migliore di quello di Dome C: fino a 0.13 secondi d'arco. Media Inaf ha intervistato per l’occasione Marco Buttu dell’Inaf di Cagliari, che ha vissuto un anno in Antartide

Una telecamera acchiappa-bolidi per Srt

26/06/2020

Martedì 30 giugno, in occasione dell’Asteroid Day 2020, verrà inaugurata a Selargius, nella sede dell’Inaf di Cagliari, la nuova telecamera “all sky” fornita dal progetto Prisma. La destinazione finale sarà il Sardinia Radio Telescope, a San Basilio, e farà parte di una rete internazionale che sorveglia il cielo in cerca di bolidi – grandi meteore che possono arrivare fin sulla Terra sotto forma di meteoriti

Lampo radio da record per Srt

22/06/2020

Il Sardinia Radio Telescope ha osservato il nuovo fast radio burst ricorrente la cui scoperta, fatta con il telescopio canadese Chime, è uscita la settimana scorsa su Nature. Le nuove osservazioni con Srt, guidate da Maura Pilia dell’Inaf di Cagliari, hanno stracciato il precedente record in fatto di frequenza radio di osservazione, abbassandolo da 400 a 327 megahertz: la frequenza più bassa a cui siano mai stati osservati questi misteriosi ed elusivi fenomeni

Inattesi canali magnetici in una remota galassia

08/04/2020

Insolite strutture che emettono onde radio e un probabile collegamento dei campi magnetici tra i due lobi della remota radiogalassia Eso 137-006: sono questi i sorprendenti risultati dello studio condotto da un team internazionale di astronomi guidati da Mpati Ramatsoku, della Rhodes University e associata Inaf, e che vede coinvolti molti ricercatori dell'Istituto nazionale di astrofisica, pubblicato su Astronomy and Astrophysics

Srt, in ascolto del cosmo dall’altopiano del sangue

06/04/2020

È gestito dall’Istituto nazionale di astrofisica. Si trova nel comune di San Basilio, a sud della Sardegna, ed è uno fra i telescopi per astronomia radio più performanti che esistano. È il Sardinia Radio Telescope, un colosso da 3000 tonnellate alto quanto un palazzo di circa venti piani. Il suo “amministratore di condominio” è Sergio Poppi, dell’Inaf di Cagliari. Lo abbiamo intervistato per conoscere lo stato di operatività in cui si trova il telescopio

Così si oscurò Betelgeuse

13/08/2020

Cosa fece impallidire per mesi, dal novembre 2019 all’aprile 2020, una fra le stelle più brillanti del cielo? Una possibile risposta arriva ora da una lunga campagna osservativa condotta in banda ultravioletta con il telescopio spaziale Hubble: la responsabile fu una nube di polvere prodotta a seguito di un’imponente emissione di plasma dalla stella stessa

E alla fine esplosero le nane nere

13/08/2020

Il fisico Matt Caplan dell'Università dell'Illinois propone sulle pagine di Monthly Notices of the Royal Astronomical Society una nuova teoria, alternativa allo spegnimento lento e sommesso, su quello che sarà – tra innumerevoli miliardi di anni – l’ultimo atto del cosmo. «Uno spettacolo che non potrà comunque avere spettatori», commenta Massimo Della Valle dell’Inaf di Napoli

Molto giovane, incredibilmente ordinata

12/08/2020

Trovare una galassia così “composta“ a 12 miliardi di anni luce da noi è stata una grande sorpresa. Visto da Alma grazie a una lente gravitazionale, il suo è il disco galattico più ordinato mai osservato nell’universo primordiale. A firmare l’articolo, uscito oggi su Nature, un team guidato da una dottoranda del Max Planck originaria del Salento, Francesca Rizzo