Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Sedi Osservatorio di Cagliari

Osservatorio di Cagliari

Osservatorio di Cagliari

Osservatorio di Cagliari

Direttore Emilio Molinari

Indirizzo web http://www.oa-cagliari.inaf.it

Occhio sulla parabola: le webcam del radiotelescopio in tempo reale
Consulta le attività divulgative e iniziative didattiche
Consulta l’elenco telefonico

Origliando con le pulsar i brusii gravitazionali

12/01/2022

Una ricerca sperimentale condotta dai ricercatori del progetto International Pulsar Timing Array suggerisce la presenza di un vero e proprio “brusio” cosmico prodotto da onde gravitazionali di frequenze ultra basse (da miliardesimi a milionesimi di Hertz) emesse da una moltitudine di coppie di buchi neri super-massicci. Fra gli autori, anche ricercatrici e ricercatori dell'Istituto nazionale di astrofisica e dell'Università di Milano-Bicocca

Doppia pulsar, Einstein la spunta ancora

13/12/2021

La “doppia pulsar”, scoperta nel 2003 da Marta Burgay dell’Inaf di Cagliari, è stata il banco di prova di uno studio volto a sondare i limiti della teoria della relatività generale di Einstein tramite una serie di rigorosi e inediti test scientifici. Lo studio, che ha coinvolto sette radiotelescopi e un team di ricercatori da dieci paesi del mondo, ha esaminato ben 16 anni di osservazioni della doppia pulsar confermando gli effetti relativistici previsti dalla teoria al 99,99 per cento

Istantanea radio di un lampo radio che si ripete

09/12/2021

Un team di ricercatori guidato dall’Inaf ha studiato nel dettaglio un lampo radio veloce (Frb, fast radio burst) che presenta ripetizioni del proprio segnale. Frb 20201124A è anche il terzo lampo radio veloce a ripetizione recentemente localizzato in una galassia vicina. Le osservazioni hanno permesso di realizzare un’immagine radio della galassia ospite del lampo radio veloce. I risultati su A&A Letters

Sulle tracce delle onde gravitazionali ultrabasse

27/10/2021

Analizzato in dettaglio un segnale promettente che potrebbe essere dovuto al cosiddetto fondo di onde gravitazionali prodotto dall’energia gravitazionale rilasciata da coppie di buchi neri supermassicci in reciproco avvicinamento. Lo studio, a cui hanno partecipato anche ricercatrici e ricercatori dell’Inaf, rappresenta un passo avanti sulla strada della rivelazione di onde gravitazionali di frequenza molto bassa, dell'ordine di un miliardesimo di Hertz.

Messaggio (quasi) alieno per le antenne dell’Inaf

30/07/2021

La scorsa primavera il Sardinia Radio Telescope ha inaugurato le osservazioni dedicate al progetto Seti. Oggi, il 30 luglio 2021, alcune piccole antenne installate accanto alla grande parabola hanno captato, insieme a un’antenna dell’Inaf di Bologna, un segnale “alieno” simulato, lanciato da un satellite dell’azienda italiana D–Orbit. La ricerca di vita extraterrestre passa anche da questi esperimenti

Jwst è arrivato a destinazione, ora iniziano i test

25/01/2022

Alle 20 ora italiana di ieri, lunedì 24 gennaio, il James Webb Space Telescope ha attivato i suoi propulsori di bordo per quasi cinque minuti per completare l’ultima correzione di rotta e si è inserito nella sua orbita finale, attorno al secondo punto di Lagrange del sistema Sole-Terra, o L2, a quasi un milione e mezzo di chilometri dalla Terra

Com’esuli pensieri incantano la Nasa

25/01/2022

Luna piena e storni al tramonto, nel cielo di Cagliari. Sono i protagonisti dell’Apod – l’immagine astronomica del giorno – scelta dall’agenzia spaziale statunitense il 22 gennaio scorso. Autrice dello scatto, la fotografa italiana Elena Pinna. L’abbiamo intervistata

Registrata dagli astrofisici la “canzone del Sole”

25/01/2022

La scoperta delle più estese oscillazioni risonanti in una struttura magnetica stellare – una sorta di sinfonia delle macchie solari – è descritta in uno studio, pubblicato oggi su Nature Communications, firmato da ricercatori dell’Agenzia spaziale italiana e dell’Istituto nazionale di astrofisica