Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Sedi Osservatorio di Cagliari

Osservatorio di Cagliari

Osservatorio di Cagliari

Osservatorio di Cagliari

Direttore Emilio Molinari

Indirizzo web http://www.oa-cagliari.inaf.it

Occhio sulla parabola: le webcam del radiotelescopio in tempo reale
Consulta le attività divulgative e iniziative didattiche
Consulta l’elenco telefonico

Antenne in ascolto del cuore del primo quasar

22/11/2022

Grazie a una rete di radiotelescopi sparsa in tutto il mondo, un gruppo internazionale di scienziati ha realizzato nuove osservazioni di 3C 273, il primo quasar mai identificato, mostrando le zone più interne e profonde del potente getto di plasma che parte dal buco nero supermassiccio nel cuore di questa lontana galassia. Con il commento di Ciriaco Goddi, ricercatore all'Università di Cagliari, Inaf e Infn

Quel breve Grb porta la firma d’una protomagnetar

16/11/2022

Un lampo di raggi gamma “corto” osservato il 18 giugno del 2018 – Grb 180618A – potrebbe costringere gli astrofisici a ripensare il processo di produzione di Grb a seguito della fusione fra coppie di stelle di neutroni. Non sarebbe infatti necessario il collasso finale in un buco nero per spiegare l’energia emessa: può essere sufficiente la formazione di una nuova stella di neutroni

La medaglia “George Gamow” a Filippo Zerbi

04/11/2022

Mercoledì 2 novembre la medaglia dedicata a George Gamow, astrofisico russo-ucraino naturalizzato statunitense, è stata conferita al direttore scientifico dell’Inaf Filippo Zerbi da una delegazione di astrofisici ucraini durante una cerimonia di premiazione organizzata nella control room del Sardinia Radio Telescope, in collegamento con Massimo Capaccioli

L’eclissi di Sole del 25 ottobre in diretta dall’Inaf

17/10/2022

Nella tarda mattinata di martedì 25 ottobre, un’eclissi parziale di Sole sarà visibile dai cieli italiani. Il massimo dell’eclissi, con un oscuramento del disco solare fino a circa il 20 per cento, è previsto intorno alle 12.20. Per l’occasione, EduInaf, il magazine di didattica e divulgazione dell’Istituto nazionale di astrofisica, organizza una diretta con osservazioni dal vivo dell’eclissi al telescopio da diverse sedi Inaf

Tecnosegnali extraterrestri, la ricerca continua

04/10/2022

Il Sardinia Radio Telescope è coinvolto attivamente da qualche anno nella ricerca Seti (Search for Extraterrestrial Intelligence) all’interno del progetto Breakthrough Listen. In occasione dell’International Astronautical Congress di Parigi la comunità scientifica internazionale ha fatto il punto sullo stato attuale della ricerca. Ne parliamo con Andrea Melis dell’Inaf di Cagliari, che ha guidato una delle sessioni del simposio

Un antipasto per Lucy

26/01/2023

L’annuncio arriva dalla Nasa: in attesa di raggiungere gli otto asteroidi che costituiscono i suoi obiettivi primari, grazie a una lieve correzione di rotta la sonda Lucy potrà incontrarne un nono già il prossimo novembre: appena 700 metri di diametro, 1999 VD57 sarà il più piccolo asteroide della fascia principale mai visitato da un veicolo spaziale, e consentirà di condurre un importante test su uno dei sistemi di bordo

Nelle meteoriti, l’origine della Terra

26/01/2023

Qual è l'origine del potassio e dello zinco presenti oggi sulla Terra? Provengono dal Sistema solare esterno, o sono elementi a chilometro zero prodotti nel Sistema solare interno. Due differenti gruppi di ricerca hanno provato a dare una risposta comparando le abbondanze isotopiche di questi elementi sulla Terra con quelle nelle condriti carbonacee e nelle condriti non carbonacee, due classi di meteoriti provenienti rispettivamente dal Sistema solare esterno e dal Sistema solare interno

Webb svela il lato oscuro della chimica dei ghiacci

26/01/2023

Recenti osservazioni di Jwst hanno permesso di acquisire spettri nella direzione di osservazione di alcune sorgenti che illuminano la nube molecolare Chamaeleon I, dove è stata identificata un'ampia gamma di molecole, dal solfuro di carbonile, ammoniaca e metano, alla più semplice molecola organica complessa, il metanolo. Con un commento di Maria Elisabetta Palumbo dell’Inaf, coautrice dello studio