Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Sedi Osservatorio di Cagliari

Osservatorio di Cagliari

Osservatorio di Cagliari

Osservatorio di Cagliari

Direttore Emilio Molinari

Indirizzo web http://www.oa-cagliari.inaf.it

Occhio sulla parabola: le webcam del radiotelescopio in tempo reale
Consulta le attività divulgative e iniziative didattiche
Consulta l’elenco telefonico

Srt scatta una foto di Andromeda a 6.6 GHz

26/05/2021

La nuova immagine a microonde, oltre a essere senza precedenti, ha permesso di definire nel dettaglio la morfologia della galassia e in particolare di individuare le regioni dove nascono le nuove stelle. I risultati dello studio, frutto della collaborazione fra la Sapienza e l’lstituto nazionale di astrofisica, sono stati pubblicati sulla rivista Astronomy & Astrophysics

La Croce del Nord entra nell’era Frb

30/04/2021

Da alcuni anni, un piccolo team si occupa della riconversione tecnologica della Croce del Nord, la storica antenna per la radioastronomia a basse frequenze di Medicina, vicino Bologna, per adattare questo strumento a filoni di ricerca emersi di recente. Ammodernamenti culminati nell’osservazione del primo fast radio burst lo scorso marzo, una tappa importante che apre nuovi scenari scientifici per il decano dei radiotelescopi italiani

Otto pulsar al millisecondo per MeerKat

28/04/2021

Sfruttando la sensibilità delle antenne paraboliche sudafricane, un gruppo guidato da radioastronomi dell’Istituto nazionale di astrofisica ha scandagliato le regioni centrali di alcuni ammassi globulari in cerca di pulsar debolissime. Maggiori dettagli sulla rivista Monthly Notices of the Royal Astronomical Society

I campi magnetici ai confini di un buco nero

24/03/2021

La collaborazione scientifica Event Horizon Telescope, che nel 2019 aveva pubblicato la prima “foto” di un buco nero, è riuscita ora a realizzare una nuova rappresentazione dell’enorme oggetto astrofisico al centro della galassia M87: si tratta dell’immagine del buco nero come appare in luce polarizzata. Alla ricerca hanno partecipato anche ricercatori e ricercatrici Inaf

Onde gravitazionali, un rivelatore sulla Luna

22/03/2021

Un’antenna lunare per misurare le vibrazioni del cosmo e studiare la geologia del nostro satellite: è l’idea di un team coordinato dal Gran Sasso Science Institute – team del quale fa parte anche l’Istituto nazionale di astrofisica. Pubblicato ora su The Astrophysical Journal, il progetto ha già un nome – Lunar Gravitational-Wave Antenna – e si basa su una nuova generazione di sismometri lunari

Datato uno dei crateri più antichi della Luna

18/06/2021

Una nuova analisi di un campione di roccia lunare raccolto dagli astronauti della missione Apollo 17 rivela che il bacino della Serenità è ancora più antico di quanto si pensasse. La formazione di questo grande cratere, stimata grazie a nuove tecniche di datazione e simulazioni numeriche, risalirebbe a 4,2 miliardi di anni fa, prima ancora dell'intenso bombardamento tardivo che ha prodotto molti dei crateri da impatto sulla Luna

Risolto un enigma decennale sui lampi gamma

17/06/2021

Un team internazionale di scienziati, guidato da astrofisici dell'Università di Bath nel Regno Unito, ha derivato le proprietà del campo magnetico in un lontano Gamma Ray Burst dopo soli 90 secondi dall'esplosione, confermando per la prima volta una previsione teorica di lunga data. Con il commento di Cristiano Guidorzi e Marco Marongiu di Inaf, co-autori dello studio. Tutti i dettagli su Mnras

Il “polverone” che oscurò Betelgeuse

16/06/2021

Fu un enorme velo di polvere, e non un'imminente esplosione, a causare la ‘grande attenuazione’ di Betelgeuse, la seconda stella più brillante della costellazione di Orione, percepibile anche a occhio nudo tra la fine del 2019 e l'inizio del 2020. Lo conferma una nuova analisi di osservazioni effettuate con il Very Large Telescope dell'Eso in Cile, i cui risultati sono stati pubblicati oggi su Nature