Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Sedi IRA Bologna

IRA Bologna

IRA Bologna

IRA Bologna

Direttore Tiziana Venturi

Indirizzo web http://www.ira.inaf.it

Foto dell’Istituto nella galleria multimediale
Foto dei radiotelescopi nella galleria multimediale
Occhio sulla parabola: la webcam del radiotelescopio in tempo reale
Consulta le attività divulgative e iniziative didattiche
Consulta l’elenco telefonico

Galassie fantastiche e dove trovarle

18/01/2021

Un nuovo studio basato su osservazioni effettuate con il radiotelescopio MeerKat ha rivelato ben due radiogalassie giganti, tra gli oggetti singoli più grandi dell’intero universo, in una porzione relativamente piccola del cielo. La scoperta suggerisce che queste galassie siano più comuni del previsto, e apre nuove prospettive per lo studio della formazione ed evoluzione delle galassie nel corso della storia del cosmo

Scoperto da eRosita il colosso dell’Idra

30/12/2020

Il telescopio spaziale per le alte energie tedesco si conferma la macchina perfetta per individuare le strutture più grandi dell’universo: i superammassi di galassie. Come quello da quasi due milioni di miliardi di masse solari appena identificato da un team guidato da Vittorio Ghirardini del Max-Planck. I risultati su Astronomy & Astrophysics

Ritratto del blazar più lontano che c’è

23/12/2020

La luce di questa galassia lontanissima ed energetica risale a quando l’universo aveva meno di un miliardo di anni, vale a dire circa il 7 per cento della sua età attuale. Il getto emesso dal blazar si estende per circa 1600 anni luce. Pso J0309+27 è il radio-blazar più luminoso mai osservato finora a questa distanza. A guidare lo studio, Cristiana Spingola dell’Università di Bologna

Strani cerchi nel cielo radio di Askap

15/12/2020

Utilizzando il radiotelescopio Askap, in Australia, un team di scienziati ha scoperto un fenomeno anomalo nello spazio profondo, chiamato Odd Radio Circles: sorgenti radio che appaiono nelle immagini del radiotelescopio come grandi cerchi luminosi nel cielo. Di cosa potrebbe trattarsi? Lo abbiamo chiesto a Isabella Prandoni, ricercatrice all’Inaf Ira di Bologna

Coincidenze cosmiche: dal cervello all’universo

17/11/2020

Un nuovo studio, nato dalla collaborazione tra un astrofisico e un neurochirurgo italiani e pubblicato sulla rivista Frontiers in Physics, mette a confronto due tra i più enigmatici e complessi sistemi che esistano in natura – la rete delle galassie che compongono l’universo e la rete dei neuroni all’interno del cervello umano – analizzandone somiglianze e differenze in maniera quantitativa. Media Inaf ha intervistato uno dei due autori, Franco Vazza dell'Università di Bologna

Wasp-107b, come una nuvola di zucchero filato

18/01/2021

Utilizzando i dati dell’Osservatorio Keck, un team internazionale di astronomi ha scoperto che la massa del nucleo dell'esopianeta gigante Wasp-107b è molto inferiore a quanto si riteneva necessario per giustificare l'immenso inviluppo di gas che circonda i pianeti giganti. L’esopianeta è grande come Giove ma ha una massa dieci volte minore, con un nucleo solido di non più di quattro volte la massa della Terra. Tutti i dettagli su Astronomical Journal

Pennellate magnetiche nella galassia Whirlpool

18/01/2021

Lo strumento Sofia della Nasa, montato su un Boeing 747, ha studiato l’intenso campo magnetico che domina la galassia a spirale M51A. I risultati sono stati presentati in questi giorni al convegno online dell’Aas. La polarimetria in infrarosso ha permesso di capire come le linee di campo magnetico siano molto caotiche e disordinate alla periferia della galassia, al contrario di quanto accade al centro

Galassie fantastiche e dove trovarle

18/01/2021

Un nuovo studio basato su osservazioni effettuate con il radiotelescopio MeerKat ha rivelato ben due radiogalassie giganti, tra gli oggetti singoli più grandi dell’intero universo, in una porzione relativamente piccola del cielo. La scoperta suggerisce che queste galassie siano più comuni del previsto, e apre nuove prospettive per lo studio della formazione ed evoluzione delle galassie nel corso della storia del cosmo