Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Sedi Osservatorio di Palermo

Osservatorio di Palermo

Osservatorio di Palermo

Osservatorio di Palermo

Direttore Fabrizio Bocchino

Indirizzo web http://www.astropa.inaf.it

Foto dell’Osservatorio nella galleria multimediale
Consulta le attività divulgative e iniziative didattiche
Consulta l’elenco telefonico

Guida turistica alla Palermo astronomica

18/01/2022

È stata pubblicata, dopo quelle di Padova e Firenze, la terza guida turistica a tema astronomico della collana “Seconda stella a destra”, dedicata a Palermo. Un utile volumetto animato da illustrazioni, una mappa dedicata e da elementi interattivi in realtà aumentata, per scoprire le bellezze della capitale siciliana da un punto di vista nuovo e insolito, intrecciando scienza, storia e arte. La prefazione è scritta da Luca Parmitano

Pranzo di Natale con contorno di Jwst

23/12/2021

Sarà una stagione festiva molto particolare quella che attende astronome e astronomi di tutto il mondo, che tra un rinvio e l'altro potrebbero ritrovarsi a seguire il lancio del telescopio spaziale James Webb proprio il giorno di Natale. Ne parliamo con cinque ricercatori e ricercatrici Inaf, responsabili scientifici di alcuni dei programmi osservativi da condurre con l'ambito telescopio

Sarà Airbus a costruire il satellite dell’Esa Ariel

09/12/2021

L’Agenzia spaziale europea e Airbus hanno firmato un contratto per portare avanti la realizzazione del telescopio spaziale Ariel, l’Atmospheric Remote-sensing Infrared Exoplanet Large-survey. I due team lavoreranno insieme a stretto contatto per portare a termine la missione, il cui lancio è previsto nel 2029 dalla base Esa di Kourou, nella Guyana francese

Pianeti extrasolari, adulti in fretta

02/12/2021

Grazie a una collaborazione tra ricercatori dell’Istituto nazionale di astrofisica e dell’Instituto de Astrofísica de Canarias, insieme ad altre istituzioni di Spagna, Germania, Belgio, Regno Unito e Messico, è stato possibile misurare le masse dei pianeti giganti del sistema extrasolare V1298 Tau, avente un’età di appena 20 milioni di anni. Sono state utilizzate misure di velocità radiale ottenute, in particolare, dagli spettrografi Harps-N (al Telescopio nazionale Galileo), e Carmenes (Osservatorio di Calar Alto). I risultati, pubblicati oggi su Nature Astronomy, dimostrano che questo tipo di oggetti celesti possono raggiungere il loro “peso forma” molto prima di quanto si pensasse in precedenza

StarBlast: esplosioni stellari in realtà virtuale

29/11/2021

È stata rilasciata una nuova applicazione dalle ampie potenzialità divulgative e didattiche che mostra la struttura dei resti di supernova e delle pulsar wind nebula più studiate, in realtà virtuale. Il progetto, finanziato dalla cost-action Pharos, è stato guidato dall’Inaf di Palermo e dall’Università di Palermo, in collaborazione con Ceformed srl. In questo articolo, tutti i dettagli per scaricarla

Jwst è arrivato a destinazione, ora iniziano i test

25/01/2022

Alle 20 ora italiana di ieri, lunedì 24 gennaio, il James Webb Space Telescope ha attivato i suoi propulsori di bordo per quasi cinque minuti per completare l’ultima correzione di rotta e si è inserito nella sua orbita finale, attorno al secondo punto di Lagrange del sistema Sole-Terra, o L2, a quasi un milione e mezzo di chilometri dalla Terra

Com’esuli pensieri incantano la Nasa

25/01/2022

Luna piena e storni al tramonto, nel cielo di Cagliari. Sono i protagonisti dell’Apod – l’immagine astronomica del giorno – scelta dall’agenzia spaziale statunitense il 22 gennaio scorso. Autrice dello scatto, la fotografa italiana Elena Pinna. L’abbiamo intervistata

Registrata dagli astrofisici la “canzone del Sole”

25/01/2022

La scoperta delle più estese oscillazioni risonanti in una struttura magnetica stellare – una sorta di sinfonia delle macchie solari – è descritta in uno studio, pubblicato oggi su Nature Communications, firmato da ricercatori dell’Agenzia spaziale italiana e dell’Istituto nazionale di astrofisica