Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Sedi Osservatorio di Palermo

Osservatorio di Palermo

Osservatorio di Palermo

Osservatorio di Palermo

Direttore Fabrizio Bocchino

Indirizzo web http://www.astropa.inaf.it

Foto dell’Osservatorio nella galleria multimediale
Consulta le attività divulgative e iniziative didattiche
Consulta l’elenco telefonico

Non c’è relazione tra metallicità ed età delle stelle

09/09/2021

Il confronto tra età e metallicità delle stelle, misurato analizzando 135 sistemi binari dai cataloghi dello Sloan Digital Sky Survey e dalla seconda data-release del satellite dell’Esa Gaia, non supporta l’esistenza di una relazione tra la metallicità delle stelle e la loro età. Lo dimostra uno studio guidato da Alberto Rebassa-Mansergas dell’Universitat Politècnica de Catalunya, al quale ha preso parte anche Jesus Maldonado dell’Inaf di Palermo

Surfando sul fronte dell’onda d’urto

19/08/2021

Riprodotti in laboratorio, attraverso esperimenti di fisica del plasma, i cosiddetti “collisionless shock”. I risultati dimostrano che le energie relativistiche a cui sono accelerate le particelle dal processo di “shock surfing acceleration“ sono sufficienti a innescare un processo in grado di portarle a valori di energia tipici dei raggi cosmici. Fra gli autori dello studio, pubblicato oggi su Nature Physics, Marco Miceli dell’Università di Palermo e Salvatore Orlando dell’Inaf di Palermo

Gli evanescenti dischi protoplanetari di Dolidze 25

07/07/2021

I tempi di dispersione dei dischi protoplanetari, e in generale i tempi disponibili per formare pianeti, sono più rapidi in ambienti a bassa metallicità. È quanto emerge da uno studio, guidato da Mario Guarcello dell’Inaf di Palermo, condotto su dati d’archivio in banda ottica e infrarossa e su osservazioni ai raggi X ottenute con il satellite Chandra della Nasa

Una superluna per tutti

21/05/2021

L’appuntamento del 26 maggio con la Luna piena si verifica in prossimità del punto più vicino alla Terra lungo l’orbita lunare, facendo apparire il nostro satellite naturale leggermente più grande e luminoso rispetto al solito. In occasione di questa “superluna”, l’Istituto nazionale di astrofisica invita il pubblico a seguire la prima di una nuova serie di dirette osservative in collegamento da diverse sedi Inaf sul territorio nazionale, per ammirare la Luna al telescopio insieme a ricercatori e ricercatrici che ne studiano i misteri scientifici ancora aperti

Morfologia di ciò che resta d’una supernova

10/05/2021

È in uscita su Astronomy & Astrophysics il primo modello che riesce a riprodurre le proprietà di un resto di supernova di tipo “mixed-morphology”. Lo studio, guidato da Sabina Ustamujic dell’Inaf di Palermo, ha permesso di vincolare l’età del resto di supernova Ic 443, la massa del materiale espulso dalla supernova e l’energia dell’esplosione – tutti parametri importanti per vincolare i modelli di supernova

Spade laser in infrarosso sotto l’occhio di Hubble

17/09/2021

Osservazioni nell’infrarosso dei potenti getti bipolari di materia emessi da stelle giovani, condotte con lo Hubble Space Telescope, hanno permesso di ottenere preziose informazioni sulle zone più interne nelle quali essi si formano, suggerendo la presenza di compagni di piccola massa molto vicini alla stella capaci di perturbarne la traiettoria

Super vulcani nell‘Arabia Terra marziana

17/09/2021

Utilizzando i datti ottenuti dal Mars Reconnaissance Orbiter della Nasa, un team di ricercatori guidati dal Goddard Space Flight Center ha identificato firme mineralogiche di cenere vulcanica nella regione Arabia Terra, nell’emisfero nord di Marte. Secondo gli scienziati, si tratterebbe di materiale espulso dall’eruzione di antichi super vulcani. Lo studio è su Geophysical Research Letters

Sn 1181, mistero risolto dopo otto secoli e mezzo

17/09/2021

Recenti analisi condotte da un team internazionale di astrofisici potrebbero aver risolto il mistero che circonda l’origine e l’evoluzione di una supernova avvistata in Cina nel 1181 e di cui si erano perse le tracce per quasi un millennio. I risultati sono stati pubblicati ieri su The Astrophysical Journal Letters