Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Sedi IAPS Roma

IAPS Roma

IAPS Roma

IAPS Roma

Direttore Fabrizio Capaccioni

INAF – Istituto di Astrofisica e Planetologia Spaziali di Roma
Sito Web: www.iaps.inaf.it
Foto dell’Istituto nelle gallerie multimediali di IASF RomaIFSI Roma
Consulta l’elenco telefonico

Buchi neri supermassicci come quelli stellari

09/06/2021

Un nuovo studio indica che i buchi neri supermassicci al centro delle galassie attive non si comportano in modo troppo dissimile rispetto ai loro analoghi di massa stellare nelle binarie a raggi X, almeno per quanto riguarda le modalità di accrescimento della materia circostante e l'emissione che ne consegue. Abbiamo intervistato uno dei due co-autori, Juan Fernández Ontiveros dell'Inaf di Roma

Prendi e porta a casa: le missioni sample-return

31/05/2021

Dalle missioni Apollo a Hayabusa2, passando per Chang’e-5 e Osiris-Rex: sono moltissime le missioni spaziali che hanno riportato a Terra materiale extraterrestre. Ne parliamo con Andrea Longobardo dell’Inaf Iaps di Roma, editor del volume “Sample Return Missions: The Last Frontier of Solar System Exploration”, appena pubblicato da Elsevier

All’origine dei fillosilicati di Cerere

25/05/2021

In uno studio pubblicato su Nature Communication – che vede coinvolti anche Marco Ferrari, Maria Cristina De Sanctis e Simone De Angelis dell’Inaf di Roma – vengono riportati i risultati di esperimenti di laboratorio che simulano gli ambienti fisici e chimici di Cerere, con l'obiettivo di comprendere l'origine e i meccanismi di formazione dei fillosilicati ammoniati presenti sul pianeta nano

Una superluna per tutti

21/05/2021

L’appuntamento del 26 maggio con la Luna piena si verifica in prossimità del punto più vicino alla Terra lungo l’orbita lunare, facendo apparire il nostro satellite naturale leggermente più grande e luminoso rispetto al solito. In occasione di questa “superluna”, l’Istituto nazionale di astrofisica invita il pubblico a seguire la prima di una nuova serie di dirette osservative in collegamento da diverse sedi Inaf sul territorio nazionale, per ammirare la Luna al telescopio insieme a ricercatori e ricercatrici che ne studiano i misteri scientifici ancora aperti

Test estremi in arrivo per Juice

11/05/2021

È giunta l'ora dei test ambientali per Juice, la missione spaziale europea che l'anno prossimo partirà alla volta di Giove. La navicella, da poco arrivata presso il centro di ricerca e sviluppo dell'Esa in Olanda, affronterà nelle prossime settimane una serie di verifiche tecniche in condizioni di caldo e freddo estremi, simulando gli ambienti ostili che dovrà attraversare durante il lungo viaggio nel Sistema solare

Datato uno dei crateri più antichi della Luna

18/06/2021

Una nuova analisi di un campione di roccia lunare raccolto dagli astronauti della missione Apollo 17 rivela che il bacino della Serenità è ancora più antico di quanto si pensasse. La formazione di questo grande cratere, stimata grazie a nuove tecniche di datazione e simulazioni numeriche, risalirebbe a 4,2 miliardi di anni fa, prima ancora dell'intenso bombardamento tardivo che ha prodotto molti dei crateri da impatto sulla Luna

Risolto un enigma decennale sui lampi gamma

17/06/2021

Un team internazionale di scienziati, guidato da astrofisici dell'Università di Bath nel Regno Unito, ha derivato le proprietà del campo magnetico in un lontano Gamma Ray Burst dopo soli 90 secondi dall'esplosione, confermando per la prima volta una previsione teorica di lunga data. Con il commento di Cristiano Guidorzi e Marco Marongiu di Inaf, co-autori dello studio. Tutti i dettagli su Mnras

Il “polverone” che oscurò Betelgeuse

16/06/2021

Fu un enorme velo di polvere, e non un'imminente esplosione, a causare la ‘grande attenuazione’ di Betelgeuse, la seconda stella più brillante della costellazione di Orione, percepibile anche a occhio nudo tra la fine del 2019 e l'inizio del 2020. Lo conferma una nuova analisi di osservazioni effettuate con il Very Large Telescope dell'Eso in Cile, i cui risultati sono stati pubblicati oggi su Nature