Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Operazione Trasparenza Codice di comportamento e Codice disciplinare

Codice di comportamento e Codice disciplinare

Con D.P.R. n. 62 del 16/04/2013 (pubblicato sulla G.U. n. 129 del 4 giugno 2013), è stato adottato il nuovo codice di comportamento dei dipendenti pubblici che si applica ai dipendenti INAF e “(…) a tutti i collaboratori o consulenti, con qualsiasi tipologia di contratto o incarico e a qualsiasi titolo, (…) nonché nei confronti dei collaboratori a qualsiasi titolo di imprese fornitrici di beni o servizi e che realizzano opere in favore dell’amministrazione”. Il citato D.P.R. n. 62 abroga il decreto del Ministro per la Funzione Pubblica del 28 novembre 2000.

 

Codice di comportamento dei dipendenti pubblici

Codice disciplinare del Personale

Ecco Ippocampo, la nuova luna di Nettuno

20/02/2019

Già individuata nei dati raccolti da Hubble fra il 2003 e il 2009, e inizialmente battezzata S/2004 N 1, i risultati ottenuti dall’analisi della nuova luna di Nettuno suggeriscono che sia probabilmente un antico frammento di un’altra luna, Proteo. E rafforzano l’ipotesi secondo la quale il sistema interno di Nettuno è stato modellato da numerosi impatti

Stazione meteo su Marte aperta al pubblico

20/02/2019

Sul sito della Nasa, a partire da oggi è possibile per chiunque consultare un bollettino meteorologico giornaliero, gentilmente offerto dal lander InSight, direttamente da Elysium Planitia. Questo strumento pubblico include statistiche di temperatura, velocità del vento e pressione atmosferica: dati fondamentali per riuscire ad utilizzare al meglio gli strumenti scientifici a bordo del lander.

Trovata la massa mancante. Di nuovo

19/02/2019

Un nuovo studio per una scoperta non così nuova: l’individuazione della materia barionica “mancante”. Trovata ora da un team guidato da Orsolya Kovacs del CfA di Harvard, ma in realtà già individuata da Fabrizio Nicastro dell’Inaf di Roma e colleghi l’anno scorso