Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Lavora con noi Concorsi e selezioni Posizioni a tempo indeterminato Tecnologi Concorso cinque posti di Tecnologo - III livello

Concorso cinque posti di Tecnologo - III livello

Concorso pubblico nazionale, per titoli ed esami, a cinque posti di Tecnologo - III livello - con contratto di lavoro a tempo indeterminato - presso l’Istituto Nazionale di Astrofisica.
Tipologia Tecnologi tempo indeterminato
Data di pubblicazione 23/03/2012
Scadenza termini partecipazione 23/04/2012
Chiusura procedimento 23/04/2012

 

Determinazione Direttoriale  n. 62/2012 del 13 marzo 2012) - Il termine per la presentazione delle domande scadrà il trentesimo giorno successivo alla pubblicazione dell'avviso relativo al concorso sulla Gazzetta Ufficiale - IV Serie Speciale - Concorsi ed esami

Bando

Allegato A

Allegati 1, 2 e 3


Europa, persiste vapore nell’emisfero del mistero

18/10/2021

Un ambiente come Europa, a 780 milioni di chilometri dal Sole, potrebbe ospitare la vita? Nel tentativo di rispondere a questa domanda e di comprendere appieno la struttura atmosferica delle lune ghiacciate, si fanno avanti nuovi risultati pubblicati sulla rivista Geophysical Research Letters che confermano la presenza di vapore acqueo sulla luna di Giove e ne suggeriscono la persistenza ma, misteriosamente, soltanto in uno dei suoi emisferi

Buchi neri come vulcani, fanno pure “anelli di fumo“

18/10/2021

Bolle, anelli e filamenti di “fumo intergalattico”: osservate per la prima volta con grande dettaglio, queste spettacolari strutture di gas caldo tracciano l’attività ciclica dei buchi neri supermassivi indietro nel tempo fino a 200 milioni di anni fa e rivelano il loro grande impatto sull'evoluzione del mezzo intergalattico

Galassia grande mangia galassia piccola

18/10/2021

L’inesorabile legge di natura vale anche per le galassie satellite, che crescono “mangiando” galassie più piccole. Lo dimostra uno studio su Nature Astronomy, realizzato da ricercatori dell’Università di Bologna e dell’Istituto nazionale di astrofisica (Inaf), che ha individuato per la prima volta, all’interno della Grande Nube di Magellano, un ammasso stellare che ha avuto origine in una galassia diversa