Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Lavora con noi Concorsi e selezioni Posizioni a tempo indeterminato Tecnologi Concorso per 13 posti di tecnologo III livello

Concorso per 13 posti di tecnologo III livello

Determinazione n. 420/11 del 29/11/2011. Scadenza termine presentazione domande: 5 gennaio 2012 - Avviso pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana - IV Serie Speciale - Concorsi ed esami n. 96 del 6/12/2011
Tipologia Tecnologi tempo indeterminato
Data di pubblicazione 06/12/2011
Scadenza termini partecipazione 05/01/2012

Concorso pubblico nazionale, per titoli ed esami, a tredici posti di Tecnologo - III livello - con contratto di lavoro a tempo indeterminato - presso le Strutture di ricerca dell’Istituto Nazionale di Astrofisica.


Bando e allegati

Falsa magra o falsa grassa?

31/07/2015

Artist's Impression of HD 219134 planetary system, Avet Harutyunyan (FGG-TNG) 2015Pubblicato su Astronomy & Astrophysics l’ultimo lavoro del programma osservativo GAPS per la caratterizzazione dei sistemi planetari. Grazie allo spettrografo HARPS-N, il cacciatore di pianeti extrasolari dell’emisfero boreale montato al Telescopio Nazionale Galileo (TNG) nelle Isole Canarie i ricercatori continuano a produrre risultati. La ricerca questa volta riguarda la composizione chimica del sistema binario visuale XO-2 attorno al quale proprio un anno fa il team GAPS aveva scoperto 2 nuovi pianeti.

Non basta dire “simil Terra” per dimensione

31/07/2015

Sinistra: Il piccolo telescopio solare installato sulla parete Sud della cupola del TNG, inizia le osservazioni la mattina per inviare la luce del Sole verso Harps-N. Destra: Osservazioni notturne al TNG con Harps-N e l'Astro Comb. Con l'aggiunta del telescopio solare il turno di lavoro di Harps-N si avvicina alle 24h. (foto: Alex Glenday)Una ricerca innovativa al TNG con HARPS-N e Astro Comb per conoscere meglio le connessioni gravitazionali tra la stella madre e i sui pianeti così da poterne determinare la massa

Un Urano extrasolare

31/07/2015

Immagine artistica di un esopianeta su un'orbita molto distante dalla sua stella madre. Crediti: NASA/JPL CaltechLe osservazioni effettuate dai telescopi Keck e Hubble hanno permesso di confermare la scoperta di un pianeta extrasolare delle dimensioni di Urano su un’orbita lontana dalla stella ospite utilizzando la tecnica del microlensing gravitazionale. I risultati sulla rivista The Astrophysical Journal