Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Lavora con noi Concorsi e selezioni Posizioni a tempo indeterminato Tecnologi Concorso per 13 posti di tecnologo III livello

Concorso per 13 posti di tecnologo III livello

Determinazione n. 420/11 del 29/11/2011. Scadenza termine presentazione domande: 5 gennaio 2012 - Avviso pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana - IV Serie Speciale - Concorsi ed esami n. 96 del 6/12/2011
Tipologia Tecnologi tempo indeterminato
Data di pubblicazione 06/12/2011
Scadenza termini partecipazione 05/01/2012

Concorso pubblico nazionale, per titoli ed esami, a tredici posti di Tecnologo - III livello - con contratto di lavoro a tempo indeterminato - presso le Strutture di ricerca dell’Istituto Nazionale di Astrofisica.


Bando e allegati

Cassini si avvicina a Iperione, la luna spugnosa

29/05/2015

Questa immagine realizzata in falsi colori rappresenta la luna di Saturno Iperione. Dettagli nitidi e unici: la superficie è tutta frastagliata e pososa, come una spugna. Le differenze di colore potrebbero rappresentare una composizione differenziata dei materiali di superficie. L'immagine è stata ottenuta durante il flyby di Cassini il 26 settembre 2005.

Crediti: NASA/JPL/Space Science InstituteLa sua orbita (come la sua struttura) è irregolabile, caotica. Per questo l'ultimo avvicinamento sarà - per così dire - alla cieca: è difficile individuare in anticipo un obiettivo verso cui dirigersi

Arriva ‘Occhi su Saturno’

29/05/2015

occhisusaturno2015Il 20 giugno arriva la quarta edizione di Occhi Su Saturno, nata da un'idea dell’Associazione Stellaria, con la partecipazione di INAF. Trova l’evento più vicino a te per celebrare il pianeta più bello del Sistema Solare

La struttura ‘schiumosa’ dello spaziotempo

29/05/2015

schiuma_spaziotempoOsservazioni X e gamma di quasar distanti rappresentano un banco di prova per studiare la struttura dello spaziotempo su scale estremamente piccole, impossibili da analizzare direttamente. I risultati, pubblicati su Astrophysical Journal, pongono un limite al grado di confusione dello spaziotempo su scale quantistiche e implicano che la sua struttura sia meno 'schiumosa' rispetto a quanto predetto dai modelli.