Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF 2° edizione Premio Paolo Farinella

2° edizione Premio Paolo Farinella

Un premio destinato a quanti si siano distinti nei campi di interesse che gli erano propri: scienze planetarie, geodesia spaziale, fisica fondamentale, divulgazione scientifica, sicurezza nello spazio, controllo degli armamenti e disarmo. Tema di quest'anno "formazione e prima fase evolutiva del sistema solare".

Per onorare la memoria e la figura di Paolo Farinella (1953-2000), uno straordinario scienziato oltre che eccezionale persona, è stato istituito, in occasione dell' "International Workshop on Paolo Farinella the scientist and the man" che si è svolto a Pisa nel 2010, un premio destinato a quanti si siano distinti nei campi di interesse che gli erano propri: scienze planetarie, geodesia spaziale, fisica fondamentale, divulgazione scientifica, sicurezza nello spazio, controllo degli armamenti e disarmo.

Lo scorso anno il premio è stato vinto da William Bottke per il suo contributo nel campo della “fisica e dinamica dei piccoli corpi del nostro sistema solare”. Quest'anno il premio è dedicato alla planetologia e in particolare agli studi sulla formazione e la prima evoluzione del sistema solare.

I termini per la presentazione delle domande scadono il 30 maggio, in allegato il bando e i moduli. Il premio sarà consegnato durante il congresso EPSC previsto in Spagna a Madrid dal 23 al 28 settembre.

Il Premio dedicato a Paolo Farinella è realizzato con il sostegno dell'Università di Pisa e dello IAPS-INAF di Roma.

Il bando

Il modulo di partecipazione

archiviato sotto:

Hubble festeggia con un Granchio

19/04/2019

Una foto spettacolare della Nebulosa Meridionale del Granchio si aggiunge alla collezione e celebra il ventinovesimo compleanno di Hubble, il telescopio che, in attesa del James Webb telescope, non smette di stupire

Ministella, megaflare

19/04/2019

A 250 anni luce di distanza dalla Terra, su una piccola e fredda stella grande quanto Giove, è stato osservato un brillamento stellare dieci volte più potente di qualsiasi cosa sia mai stata vista sul Sole. Il brillamento, osservato nella notte del 13 agosto 2017, ha emesso un’energia equivalente a 80 miliardi di megatoni. Tutti i dettagli su Mnras Letters

Il cuore duro di Mercurio

18/04/2019

Un solido cuore di ferro grande circa la metà dell’intero nucleo del pianeta. Sono i risultati ottenuti grazie alle osservazioni della sonda Messenger della Nasa durante quattro anni in orbita attorno a Mercurio. Media Inaf ha intervistato il primo autore dello studio pubblicato sulla rivista Geophysical Research Letters, il 34enne Antonio Genova della Sapienza Università di Roma