Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF AGN13: Beauty and the Beast

AGN13: Beauty and the Beast

E' in programma dal 9 al 12 ottobre prossimo il XIII congresso Italiano sui Nuclei Galattici Attivi (AGN) dal titolo AGN13: Beauty and the Beast. L'incontro scientifico si svolgerà presso l'Acquario Civico, nel centro di Milano
Dal 9 al 12 ottobre si svolgerà a Milano il XIII congresso Italiano sui Nuclei Galattici Attivi (AGN) dal titolo AGN13: Beauty and the Beast.

Il congresso, organizzato in questa edizione dall’INAF-Osservatorio Astronomico di Brera, si svolgerà presso l’Acquario Civico, nella splendida area del Parco Sempione, 
tra l’Arena Civica e il Castello Sforzesco, nel pieno centro di Milano.

"La conferenza rappresenta un importante appuntamento biennale di riferimento a livello nazionale nell’ambito dello studio delle proprietà fisiche ed evolutive degli AGN, e siamo molto contenti di poterla ospitare qui a Milano" dice Paola Severgnini, Chair del Comitato Organizzatore e membro del Comitato Scientifico, ricercatrice dell'INAF-Osservatorio Astronomico di Brera.

Durante il congresso AGN13 verrà discusso lo stato attuale della ricerca nel campo degli AGN e si presenteranno i traguardi raggiunti, sia al punto di vista teorico che osservativo, nello studio della fisica, della distribuzione e dell'evoluzione degli AGN a partire dall'Universo locale fino all'epoca di formazione dei primi Buchi Neri Super-Massicci. Particolare attenzione verra’ data al ruolo degli AGN (The Beast) 
nell’evoluzione delle galassie (Beauty), da qui il titolo dato alla conferenza.  

Non mancherà la discussione sul futuro nel campo, con i progetti che coinvolgono la gran parte della comunità astronomica italiana. Particolare attenzione verrà data alla strumentazione astronomica di nuova generazione in cui l’Italia, e quindi la nostra comunità scientifica, risulta fortemente coinvolta anche dal  punto di vista tecnologico e costruttivo e che porterà importanti risultati nel campo dello studio delle proprietà degli AGN.

Una giornata intera del congresso sarà inoltre dedicata alle onde gravitazionali prodotte della coalescenza di due Buchi Neri e all’astronomia multi-messaggera, nuova frontiera astrofisica basata sull’osservazione e l'interpretazione coordinata di diversi tipi di segnali: radiazione elettromagnetica, onde gravitazionali, neutrini e raggi cosmici.

"La comunita' nazionale e' molto attiva in tutti questi settori come testimoniato 
dalla massiccia richiesta di partecipazione (circa 130 scienziati, da vari Enti ed Università) e dai contributi individuali e relazioni ad invito tenuti da esperti di fama internazionale sulle varie tematiche affrontate nel congresso" dice Gabriele Ghisellini, Chair del Comitato Scientifico del congresso e anche'egli in forza all'INAF-Osservatorio Astronomico di Brera.

Nell’ambito del Congresso, la sera del 9 ottobre, e' prevista una conferenza 
rivolta al pubblico, tenuta da Chiara Righi (INAF - OABrera; Univ. Insubria) dal titolo: “Neutrini al Bagno”.

La conferenza e’ patrocinata dal Comune di Milano e sponsorizzata da “Officina Stellare” (clicca qui per visualizzare la locandina dell'evento).

 

Maggiori dettagli sono disponibili nella pagina web del Congresso
archiviato sotto: ,

L’intrigante atmosfera di Titano

18/02/2020

Grazie ad Alma, un gruppo di planetologi dell'Università di Tokyo ha trovato un'impronta chimica nell'atmosfera della luna più grande di Saturno che indica come i raggi cosmici provenienti dall'esterno del Sistema solare influenzino le reazioni chimiche coinvolte nella formazione di molecole organiche contenenti azoto. Si tratta della prima conferma osservativa di tali processi e ha implicazioni per la comprensione dell'ambiente di Titano. Tutti i dettagli su ApJ

Aurore extrasolari in onde radio

17/02/2020

Emissioni in banda radio da interazioni fra una stella e un suo pianeta: un tipo di “trasmissioni” che gli astronomi attendevano di ascoltare da almeno trent’anni. Ora, grazie alle antenne a bassa frequenza dell’array LoFar, ci sono riusciti. Il segnale arriva dalla nana rossa Gj 1151 e dal pianeta che le orbita attorno. Il risultato è pubblicato oggi su Nature Astronomy e apre le porte a una nuova tecnica per scoprire pianeti extrasolari

Eravamo Io, Venere e Tritone

14/02/2020

Alla fine ne resterà una sola, o al massimo due: sono le quattro nuove piccole missioni messe al vaglio dalla Nasa nell’ambito del programma Discovery. Due contemplerebbero le grazie bollenti di Venere, una studierebbe come la luna Io venga sommossa dalla passione gravitazionale di Giove, mentre l’ultima cercherebbe di cogliere un anelito di vita nell’algida Tritone, satellite di Nettuno