Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF All'INAF 24 nuovi posti per giovani ricercatori, più che nel 2016

All'INAF 24 nuovi posti per giovani ricercatori, più che nel 2016

Prende il via il Piano straordinario di reclutamento del MIUR per ricercatrici e ricercatori previsto dalla legge di bilancio per il 2018. All’INAF vanno 24 posti, più di quelli assegnati nel 2016

Prende il via il Piano straordinario di reclutamento del MIUR per ricercatrici e ricercatori previsto dalla legge di bilancio per il 2018. All’INAF vanno 24 posti, più di quelli assegnati nel 2016. La quota, così come per gli altri Enti, è stata calcolata in base al Fondo Ordinario per il finanziamento degli degli Enti e Istituzioni di Ricerca (FOE) e alla premialità.

“ Siamo riconoscenti e orgogliosi per l'attenzione che il MIUR pone al nostro Istituto Nazionale di Astrofisica” commenta Nichi D’Amico, presidente dell’Istituto Nazionale di Astrofisica. “Il sostegno alle nostre grandi iniziative internazionali, questa nuova iniezione di posti per giovani ricercatori, insieme alle posizioni che stiamo programmando per immettere in ruolo buona parte del personale ancora non di ruolo, che costituisce un innegabile capitale umano di eccellenza che non vogliamo perdere, assicurano all'INAF il consolidamento del suo ruolo di player globale dell'astrofisica moderna da terra e dallo spazio”.

 

Il  Decreto Ministeriale 163 del 28 febbraio 2018 e i relativi allegati

archiviato sotto: ,

Universi emergenti da sfide tra reti neurali

17/05/2019

Per produrre mappe ultra-fedeli del lensing gravitazionale debole, un team di ricercatori di Berkeley ha progettato due reti neurali e le ha messe in competizione fra loro: una simula la realtà, l’altra decide se il prodotto è reale o simulato. E così gareggiando diventano sempre più abili. Ne parliamo con Massimo Meneghetti dell’Inaf di Bologna

Primo piano primitivo di Ultima Thule

17/05/2019

Un’immagine senza precedenti del corpo celeste più lontano mai visitato da un oggetto costruito dall’uomo. La sonda New Horizons è stata in grado di scrutare l'oggetto da vicino, rilevando le caratteristiche superficiali di Mu69. L’immagine si è meritata la copertina della rivista Science

Ngc 4485 messa a nudo da Hubble

17/05/2019

Immortalata dalla Wide Field Camera 3 del telescopio spaziale di Nasa ed Esa, è ciò che resta della piccola galassia dopo lo scontro titanico, avvenuto milioni di anni fa, con la galassia a spirale barrata Ngc 4490