Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF Ampliamento Clean Room dell'IAPS di Roma

Ampliamento Clean Room dell'IAPS di Roma

Pubblicata la lettera di invito rivolta alle imprese che hanno già presentato manifestazioni di interesse

Si informa che nella sezione "Amministrazione trasparente" del sito web dell’Istituto di Astrofisica e Planetologia Spaziali di Roma è stata pubblicata stamane la lettera di invito alla  procedura negoziata, previa consultazione, ai sensi dell’art. 36, comma 2 del d.lgs. n. 50/2016, per "Ampliamento di 12,5m2 dell’attuale Clean Room posta nell’edificio F dell’Area di Ricerca di Tor Vergata, per ottenere un ambiente pulito unico di circa 34 m2 in classe ISO7, più la realizzazione di uno spogliatoio di circa 3 m2 in classe ISO8" (Gara n. 6772465 - CIG 7113150512 - CUP C51D10000000001 - CUP F82I15000510005 - CUU K9NBBG) .

Per maggiori informazioni, consultate questa pagina del sito web dell'IAPS di Roma.

 

AGGIORNAMENTO DEL 1 AGOSTO 2017

Nota del Direttore dell’IAPS del 31 luglio 2017, numero di protocollo 888, con la quale è stata rettificata la lettera di invito inviata in data 27 luglio 2017.

archiviato sotto: ,

La Sardegna è pronta per l’Einstein Telescope

23/02/2018

Firmato un protocollo d'intesa tra Miur, Regione, Università di Sassari e Istituto nazionale di fisica nucleare per candidare il sito di Sos Enattos. Il dicastero di viale Trastevere interverrà con fondi statali per 17 milioni di euro. L’interferometro di terza generazione si aggiungerà ai già funzionanti Ligo e Virgo

Srt entra nel Deep Space Network della Nasa

23/02/2018

Il presidente dell'Agenzia spaziale italiana Roberto Battiston visita il Sardinia Radio Telescope, dando corso alla Convenzione tra Inaf e Asi per l'utilizzo dell'antenna nel Deep Space Network della Nasa

Propeller, un fenomeno universale

23/02/2018

Stelle di neutroni, nane bianche, stelle in formazione: tutte, raggiunte determinate condizioni, mostrano lo stesso comportamento, ovvero la capacità di espellere materia ad altissima velocità: un fenomeno noto con il nome di ”propeller”. A fornire prove di questa universalità è il lavoro di quattro ricercatori dell’Inaf