Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF Aniello Grado nominato co-chair del sistema vacuum pipe dell’Einstein Telescope

Aniello Grado nominato co-chair del sistema vacuum pipe dell’Einstein Telescope

Aniello Grado, ricercatore INAF e INFN è stato nominato co-chair del sistema vacuum pipe dell'Einstein Telescope (ET) insieme a Paolo Chiggiato, responsabile della divisione vuoto del CERN, e al Prof. Nick van Remortel dell'Universita' di Anversa

Aniello Grado, ricercatore astronomo presso l'INAF Osservatorio Astronomico di Capodimonte e ricercatore all'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN), è stato nominato co-chair del sistema vacuum pipe dell'Einstein Telescope (ET) insieme a Paolo Chiggiato, responsabile della divisione vuoto del CERN, e al Prof. Nick van Remortel dell'Universita' di Anversa. Il gruppo dovrà occuparsi della realizzazione del sistema da vuoto di ET costituito da tubi con diametro di un metro e lunghezza di 120 km che dovranno operare in ultra alto vuoto alla pressione di 10-10 mbar. Dopo le infrastrutture sotterranee, che prevedono la realizzazione di 30 km di gallerie alla profondità di 200 metri, è il sistema più costoso di ET con una stima del costo che si aggira sui 560 milioni di euro.

"E' un onore aver ricevuto questo incarico e rappresentare l'INAF e l'INFN in questo prestigioso progetto" commenta Aniello Grado. "Realizzare la più grande infrastruttura in ultra alto vuoto mai concepita dall'uomo è una grande sfida tecnologica ed organizzativa e subito ci metteremo al lavoro per definire il team di progetto ed il piano di azione che richiederà nella fase iniziale un intenso lavoro di ricerca e sviluppo", conclude Grado.

Aniello Grado è inoltre membro dell’Einstein Telescope Steering Committee a cui partecipa per l’Istituto Nazionale di Astrofisica anche Enzo Brocato.

archiviato sotto: ,

Sulle tracce del carbonio, dell’azoto e dell’ossigeno

02/12/2022

Dopo l’idrogeno e l’elio, l’ossigeno, il carbonio e l’azoto sono gli elementi più abbondanti nell’universo, presenti in qualunque ambiente astrofisico, e alla base di tutte le forme di vita conosciute. Sappiamo che vengono sintetizzati nelle stelle, ma sui loro processi produttivi ed evolutivi ci sono ancora incertezze e lacune. Ospitiamo un editoriale sull’argomento di Donatella Romano (Inaf Bologna), che lo ha appena affrontato su The Astronomy and Astrophysics Review

Un impatto di Chicxulub su Marte

01/12/2022

La collisione di un piccolo asteroide di alcuni km di diametro caduto su Marte circa 3,4 miliardi di anni fa nell'oceano boreale avrebbe creato il mega tsunami responsabile della cancellazione delle strutture alluvionali che avrebbero dovuto trovarsi alla fine di Maja Valles dove, nel 1976, si è posato il lander della sonda Viking 1. Questo scenario, presentato oggi su Scientific Reports, risolverebbe un vecchio mistero marziano

Orione e le sue nubi

01/12/2022

Finalmente è giunto il momento della costellazione di Orione, alta nel cielo e ben riconoscibile in questo periodo. Con le sue stelle di diverso colore, Betelgeuse e Rigel, nebulose con stelle in formazione e resti di antiche supernove, racchiude un condensato di astrofisica