Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF Aniello Grado nominato co-chair del sistema vacuum pipe dell’Einstein Telescope

Aniello Grado nominato co-chair del sistema vacuum pipe dell’Einstein Telescope

Aniello Grado, ricercatore INAF e INFN è stato nominato co-chair del sistema vacuum pipe dell'Einstein Telescope (ET) insieme a Paolo Chiggiato, responsabile della divisione vuoto del CERN, e al Prof. Nick van Remortel dell'Universita' di Anversa

Aniello Grado, ricercatore astronomo presso l'INAF Osservatorio Astronomico di Capodimonte e ricercatore all'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN), è stato nominato co-chair del sistema vacuum pipe dell'Einstein Telescope (ET) insieme a Paolo Chiggiato, responsabile della divisione vuoto del CERN, e al Prof. Nick van Remortel dell'Universita' di Anversa. Il gruppo dovrà occuparsi della realizzazione del sistema da vuoto di ET costituito da tubi con diametro di un metro e lunghezza di 120 km che dovranno operare in ultra alto vuoto alla pressione di 10-10 mbar. Dopo le infrastrutture sotterranee, che prevedono la realizzazione di 30 km di gallerie alla profondità di 200 metri, è il sistema più costoso di ET con una stima del costo che si aggira sui 560 milioni di euro.

"E' un onore aver ricevuto questo incarico e rappresentare l'INAF e l'INFN in questo prestigioso progetto" commenta Aniello Grado. "Realizzare la più grande infrastruttura in ultra alto vuoto mai concepita dall'uomo è una grande sfida tecnologica ed organizzativa e subito ci metteremo al lavoro per definire il team di progetto ed il piano di azione che richiederà nella fase iniziale un intenso lavoro di ricerca e sviluppo", conclude Grado.

Aniello Grado è inoltre membro dell’Einstein Telescope Steering Committee a cui partecipa per l’Istituto Nazionale di Astrofisica anche Enzo Brocato.

archiviato sotto: ,

Europa, persiste vapore nell’emisfero del mistero

18/10/2021

Un ambiente come Europa, a 780 milioni di chilometri dal Sole, potrebbe ospitare la vita? Nel tentativo di rispondere a questa domanda e di comprendere appieno la struttura atmosferica delle lune ghiacciate, si fanno avanti nuovi risultati pubblicati sulla rivista Geophysical Research Letters che confermano la presenza di vapore acqueo sulla luna di Giove e ne suggeriscono la persistenza ma, misteriosamente, soltanto in uno dei suoi emisferi

Buchi neri come vulcani, fanno pure “anelli di fumo“

18/10/2021

Bolle, anelli e filamenti di “fumo intergalattico”: osservate per la prima volta con grande dettaglio, queste spettacolari strutture di gas caldo tracciano l’attività ciclica dei buchi neri supermassivi indietro nel tempo fino a 200 milioni di anni fa e rivelano il loro grande impatto sull'evoluzione del mezzo intergalattico

Galassia grande mangia galassia piccola

18/10/2021

L’inesorabile legge di natura vale anche per le galassie satellite, che crescono “mangiando” galassie più piccole. Lo dimostra uno studio su Nature Astronomy, realizzato da ricercatori dell’Università di Bologna e dell’Istituto nazionale di astrofisica (Inaf), che ha individuato per la prima volta, all’interno della Grande Nube di Magellano, un ammasso stellare che ha avuto origine in una galassia diversa