Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF Un ultimo sguardo a BepiColombo dopo il flyby con la Terra

Un ultimo sguardo a BepiColombo dopo il flyby con la Terra

La ripresa dal Liverpool Telescope alle Canarie è stata effettuata la sera del 15 aprile, quando la sonda era a oltre 2 milioni di chilometri dalla Terra

Un settimana fa, venerdì 10 aprile, alle 6:25 di mattina ora italiana, la sonda europea BepiColombo si è avvicinata alla Terra, 'sfiorandola' a soli 12.677 km di distanza per effettuare una delicata manovra di flyby con il nostro pianeta. Una manovra necessaria per modificare la traiettoria della sonda e che le permetterà di raggiungere a dicembre 2025 la sua meta finale: Mercurio.La manovra ha avuto successo e BepiColombo ha già iniziato a dirigersi verso l’interno del Sistema solare.

“Venerdì scorso avremmo voluto prendere un 'primo piano' di BepiColombo, ma non è stato possibile”, spiega Alessandro Spagna (ricercatore INAF presso l’Osservatorio di Torino), “a causa della chiusura dei nostri telescopi in Cile dove c’erano le condizioni ideali per osservare il passaggio ravvicinato”. Alcune belle immagini del flyby di BepiColombo sono state comunque ottenute da diversi astrofili e sono state pubblicate sul sito dell’ESA, assieme a un breve ma spettacolare video della Terra ripresa dalla camere a bordo della sonda in fase di avvicinamento.“In questo momento BepiColombo si sta allontanando sempre più dalla Terra, diventando giorno dopo giorno più debole” prosegue Spagna. “Tuttavia, grazie all’aiuto dei nostri collaboratori della Liverpool John Moores University giovedì sera 15 aprile siamo riusciti a fotografare la sonda per fargli un ultimo saluto mentre sta attraversando la costellazione dell’Idra a una distanza di 2 milioni di km, pari a circa 5 volte la distanza Terra-Luna”.

La fotografia qui riprodotta (a sinistra) è stata ripresa dal Liverpool Telescope, uno strumento completamente automatizzato da 2 metri di diametro installato nell’isola di La Palma alle Canarie. L’osservazione è stata programmata da Jon Marchant dell’Astrophysics Research Institute, con un tempo di posa di 60 secondi. Il campo qui riprodotto ha una larghezza di circa 4 minuti d’arco; le stelle più deboli visibili hanno una magnitudine visuale di 22, mentre il puntino indicato nel circoletto verde è prodotto dalla flebile luce solare riflessa da BepiColombo che qui appare come una stella di magnitudine 20. Di fianco è riportata la stessa porzione di cielo, ottenuta dalla Sloan Digital Sky Survey (SDSS).

L’INAF e l’Astrophysics Research Institute collaborano a vari progetti osservativi, coordinati da Richard Smart (ricercatore INAF presso l’Osservatorio di Torino), tra cui il monitoraggio con altissima precisione da Terra del moto del satellite astrometrico Gaia per conto dell’ESA.

__________________

 

Frutto della collaborazione tra l’Agenzia spaziale europea (Esa) e l’Agenzia spaziale giapponese (Jaxa), la missione BepiColombo si compone di due sonde, l’europea Mercury Planetary Orbiter (Mpo) e la giapponese Mercury Magnetospheric Orbiter (Mmo). L’industria italiana ha collaborato alla realizzazione della missione, in particolare Leonardo e Thales Alenia Space (Thales-Leonardo), che è stata il subcontraente principale del satellite, costruito da Airbus Defence and Space in qualità di prime contractor. L’Agenzia spaziale italiana (Asi) ha realizzato 4 dei 16 strumenti ed esperimenti a bordo dei due orbiter, grazie al contributo della comunità scientifica italiana, tra cui i ricercatori dell’Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf) e un gruppo dell’Università “La Sapienza” di Roma.


Per maggiori informazioni:

Il comunicato stampa ASI-INAF sul flyby

Immagini del flyby riprese da Terra

Immagini del flyby da BepiColombo

archiviato sotto: ,

Sulle tracce del carbonio, dell’azoto e dell’ossigeno

02/12/2022

Dopo l’idrogeno e l’elio, l’ossigeno, il carbonio e l’azoto sono gli elementi più abbondanti nell’universo, presenti in qualunque ambiente astrofisico, e alla base di tutte le forme di vita conosciute. Sappiamo che vengono sintetizzati nelle stelle, ma sui loro processi produttivi ed evolutivi ci sono ancora incertezze e lacune. Ospitiamo un editoriale sull’argomento di Donatella Romano (Inaf Bologna), che lo ha appena affrontato su The Astronomy and Astrophysics Review

Un impatto di Chicxulub su Marte

01/12/2022

La collisione di un piccolo asteroide di alcuni km di diametro caduto su Marte circa 3,4 miliardi di anni fa nell'oceano boreale avrebbe creato il mega tsunami responsabile della cancellazione delle strutture alluvionali che avrebbero dovuto trovarsi alla fine di Maja Valles dove, nel 1976, si è posato il lander della sonda Viking 1. Questo scenario, presentato oggi su Scientific Reports, risolverebbe un vecchio mistero marziano

Orione e le sue nubi

01/12/2022

Finalmente è giunto il momento della costellazione di Orione, alta nel cielo e ben riconoscibile in questo periodo. Con le sue stelle di diverso colore, Betelgeuse e Rigel, nebulose con stelle in formazione e resti di antiche supernove, racchiude un condensato di astrofisica