Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF CdA INAF del 13 febbraio

CdA INAF del 13 febbraio

Il 13 febbraio si è riunito il Consiglio di Amministrazione dell’INAF. Quanto segue è un sintetico resoconto informale della seduta. Queste le principali decisioni assunte e gli argomenti affrontati:

1) approvazione di variazioni al bilancio di previsione per l’esercizio finanziario 2013;

2) nuovo assetto operativo del Sardinia Radio Telescope;

3) avvio di una procedura di gara per il servizio di assistenza, manutenzione, sorveglianza ingegneristica ed upgrade del Sardinia Radio Telescope;

4) approvazione dell’aggiornamento, per l’anno 2013, del Piano triennale della Performance 2012-2014;

5) approvazione dell’accordo di collaborazione scientifica tra l’INAF e la Fondazione Clément Fillietroz Onlus/Osservatorio Astronomico della Regione Autonoma Valle d’Aosta;

6) approvazione della Convenzione tra l’INAF e l’Università degli Studi di Napoli Federico II per l’attivazione di una borsa di studio da destinarsi al corso di dottorato di ricerca in Fisica fondamentale ed applicata – Ciclo XXVIII, con sede amministrativa presso l’ateneo partenopeo;

7) parere favorevole al rinnovo della Convenzione tra l’INAF e la Scuola Normale Superiore di Pisa;

8) approvazione delle modifiche sollecitate dal MIUR alla bozza definitiva del Regolamento del Personale dell’Istituto.

archiviato sotto: , ,

Il vento fa il suo giro, ma sbagliato

23/01/2018

Scoperto più di dieci anni fa, il pianeta gigante gassoso CoRoT-2b continua a tenere banco per alcune sue caratteristiche insolite. L’ultima scoperta è che probabilmente spirano dei venti equatoriali diretti verso ovest, al contrario di quanto teorizzato e osservato finora in altri gioviani caldi

Se 4,2 milioni di chilometri vi sembran pochi

23/01/2018

Nella notte del 4 febbraio prossimo un asteroide del diametro di circa 500 metri raggiungerà la minima distanza dalla Terra, a oltre dieci volte lo spazio che ci separa dalla Luna. Rischio zero per impatti o interazioni con il nostro ambiente planetario. Facilità di osservazione? Molto bassa, la sua luminosità non lo renderà visibile ad occhio nudo

Viaggio nel tempo a bordo della polvere di stelle

23/01/2018

Senza muoversi dal laboratorio, analizzando gli isotopi di alcune meteoriti, un team di ricercatori della Carnegie University è tornato indietro di 4,6 miliardi di anni per studiare in quanto tempo si formino i grani di polvere dopo le violente esplosioni di stelle