Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF CdA INAF del 13 febbraio

CdA INAF del 13 febbraio

Il 13 febbraio si è riunito il Consiglio di Amministrazione dell’INAF. Quanto segue è un sintetico resoconto informale della seduta. Queste le principali decisioni assunte e gli argomenti affrontati:

1) approvazione di variazioni al bilancio di previsione per l’esercizio finanziario 2013;

2) nuovo assetto operativo del Sardinia Radio Telescope;

3) avvio di una procedura di gara per il servizio di assistenza, manutenzione, sorveglianza ingegneristica ed upgrade del Sardinia Radio Telescope;

4) approvazione dell’aggiornamento, per l’anno 2013, del Piano triennale della Performance 2012-2014;

5) approvazione dell’accordo di collaborazione scientifica tra l’INAF e la Fondazione Clément Fillietroz Onlus/Osservatorio Astronomico della Regione Autonoma Valle d’Aosta;

6) approvazione della Convenzione tra l’INAF e l’Università degli Studi di Napoli Federico II per l’attivazione di una borsa di studio da destinarsi al corso di dottorato di ricerca in Fisica fondamentale ed applicata – Ciclo XXVIII, con sede amministrativa presso l’ateneo partenopeo;

7) parere favorevole al rinnovo della Convenzione tra l’INAF e la Scuola Normale Superiore di Pisa;

8) approvazione delle modifiche sollecitate dal MIUR alla bozza definitiva del Regolamento del Personale dell’Istituto.

archiviato sotto: , ,

Universi emergenti da sfide tra reti neurali

17/05/2019

Per produrre mappe ultra-fedeli del lensing gravitazionale debole, un team di ricercatori di Berkeley ha progettato due reti neurali e le ha messe in competizione fra loro: una simula la realtà, l’altra decide se il prodotto è reale o simulato. E così gareggiando diventano sempre più abili. Ne parliamo con Massimo Meneghetti dell’Inaf di Bologna

Primo piano primitivo di Ultima Thule

17/05/2019

Un’immagine senza precedenti del corpo celeste più lontano mai visitato da un oggetto costruito dall’uomo. La sonda New Horizons è stata in grado di scrutare l'oggetto da vicino, rilevando le caratteristiche superficiali di Mu69. L’immagine si è meritata la copertina della rivista Science

Ngc 4485 messa a nudo da Hubble

17/05/2019

Immortalata dalla Wide Field Camera 3 del telescopio spaziale di Nasa ed Esa, è ciò che resta della piccola galassia dopo lo scontro titanico, avvenuto milioni di anni fa, con la galassia a spirale barrata Ngc 4490