Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF Cerimonia di inaugurazione del VLT Survey Telescope - VST

Cerimonia di inaugurazione del VLT Survey Telescope - VST

Il prossimo 6 dicembre presso l'INAF-Osservatorio Astronomico di Capodimonte si svolgerà la cerimonia inaugurale del Very Large Survey Telescope dell'ESO. Per l'occasione sarà rilascita una immagine della nebulosa Carinae realizzata con il VST

 

6 dicembre 2012, ore 12
Programma
Saluto del Direttore dell’Osservatorio, prof. Massimo Della Valle
Intervento del Presidente dell’INAF, prof Giovanni Fabrizio Bignami
Intervento di un rappresentante del Direttore Generale dell’ESO
Conferenza del P.I. del VST, prof. Massimo Capaccioli, dal titolo:
«Il VST dagli Appennini alle Ande»
Collegamento video con l’Osservatorio dell’ESO a Cerro Paranal, Cile
Conclusioni del Sindaco di Napoli, on. Luigi de Magistris

 

Pegasus V, un fossile nell’universo

01/07/2022

A convalidarne la presenza sono state le osservazioni condotte con il telescopio Gemini North da 8,1 metri delle Hawaii, ma la scoperta si deve all’astrofilo Giuseppe Donatiello. Si chiama Pegasus V. È una galassia nana ultra-debole e stando ai risultati delle osservazioni di follow-up è una delle galassie più antiche conosciute nel nostro vicinato cosmico

L’origine di tutti i minerali della Terra

01/07/2022

Uno studio durato 15 anni descrive in dettaglio le origini e la diversità di ogni minerale conosciuto sulla Terra e si concretizza in due articoli che aiuteranno a ricostruire la storia della vita sulla Terra, guideranno la ricerca di nuovi minerali e giacimenti, prediranno le possibili caratteristiche della vita futura e aiuteranno la ricerca di pianeti abitabili e vita extraterrestre. Tutti i dettagli su American Mineralogist

Le ultime mappe del Mars Orbiter

01/07/2022

A fine giugno sono state rilasciate dalla Nasa le prime porzioni di una nuova mappa di Marte da 5,6 gigapixel ottenuta grazie allo spettrometro Crism del Mars Reconnaissance Orbiter. La mappa, che sarà rilasciata in blocchi nell'arco dei prossimi sei mesi, copre la stragrande maggioranza del pianeta, rivelando dozzine di minerali trovati sulla sua superficie