Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF Disciplina degli incarichi di missione

Disciplina degli incarichi di missione

Approvato dal Consiglio di Amministrazione il nuovo Regolamento

Il Consiglio di Amministrazione dell’INAF, nella seduta dello scorso 29 marzo, ha approvato il nuovo Regolamento per la disciplina degli incarichi di missione.

Il Direttore Generale, con proprio provvedimento, fisserà la data di entrata in applicazione del nuovo Regolamento, prevista, indicativamente, per la metà del prossimo mese di maggio.

Si invitano tutti i dipendenti, gli associati e i collaboratori dell’Istituto a prendere visione del documento, disponibile a partire dal link sotto riportato.

Eventuali quesiti e richieste di chiarimenti in merito alla disciplina dettata dal nuovo Regolamento potranno essere inoltrati all’indirizzo urp@inaf.it.

 

Regolamento per la Disciplina degli Incarichi di Missione

archiviato sotto: ,

Un asteroide dedicato a Mario Rigutti

23/07/2019

All’astronomo e divulgatore scientifico triestino è stato dedicato l’asteroide (33823) 2000 CQ1. «Per me, abituato a non aspettare compensi o particolari riconoscimenti per quello che di buono posso aver fatto, è stata una notevole e gradita sorpresa», dice lo scienziato a Media Inaf

Il piacere di ragionare con Gabriele Ghisellini

23/07/2019

Nel suo agile “Astrofisica per curiosi” l’astrofisico dell’Inaf di Brera fa vivere ai lettori l’emozione di comprendere, conducendoli – passo passo, con rigore – lungo percorsi tanto affascinanti quanto vincolati quali la storia dell’universo e la vita delle stelle

L’idrogeno perduto, scovato da MeerKat

23/07/2019

Un team internazionale guidato da Paolo Serra dell’Inaf di Cagliari chiarisce una contraddizione finora irrisolta: la sproporzione tra polveri e idrogeno nel mezzo interstellare della galassia Ngc 1316. Lo strumento utilizzato è MeerKat, uno dei radiotelescopi “precursori” di Ska, lo Square Kilometre Array