Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF Francesco Palla, 1954 - 2016

Francesco Palla, 1954 - 2016

Nella notte tra martedì e mercoledì scorsi è improvvisamente venuto a mancare a Rolle in Svizzera, dove si trovava per partecipare al Council della European Astronomical Society, il professor Francesco Palla


Nella notte tra martedì e mercoledì scorsi è improvvisamente venuto a mancare a Rolle in Svizzera, dove si trovava per partecipare al Council della European Astronomical Society, il professor Francesco Palla.

Nato a Roma nel 1954, dove compì tutti i suoi studi, inclusi quelli universitari presso l'Università La Sapienza, dopo un periodo di ricerca presso il Dipartimento di Astronomia della Cornell University ad Ithaca, New York, si trasferisce come Astronomo presso l'Osservatorio Astrofisico di Arcetri. In questa struttura INAF ha ricoperto la carica di Direttore dal 2005 al 2011.

I principali campi di ricerca in cui è stato coinvolto riguardano l'origine ed evoluzione delle stelle e dei sistemi planetari nella nostra Galassia e nell'universo primordiale ed e' autore di uno dei testi Universitari piu' autorevoli sull'argomento: "The Formation of Stars" nonche'  docente del corso sul Mezzo Interstellare all'Universita' di Firenze.

Dal 2011 Francesco Palla ha fatto parte del Board della EAS-Società Astronomica Europea ed era  Editor-in-Chief della rivista The Astronomy and Astrohysics Review.  Ha sempre svolto  un'intensa attività di divulgazione verso il grande pubblico e verso le scuole,  anche nel ruolo di Presidente dell'Associazione Astronomica Amici di Arcetri.

"L’inaspettata scomparsa di Francesco Palla ci vede tutti affranti e increduli" dice Nicolò D'Amico, presidente dell'INAF. "Scienziato e uomo di grande spessore, Francesco ha costituito sempre per tutti noi un riferimento autorevole. I suoi talenti, la sua intelligenza, il suo carattere, sono per noi indimenticabili".

archiviato sotto: ,

Se il quasar ha i bassi un po’ attenuati

18/03/2019

Un team internazionale di astrofisici ha scoperto che il getto di un quasar, a grandi lunghezze d’onda, è meno potente del previsto. Il risultato, pubblicato su The Astrophysical Journal, rappresenta un passo avanti nella comprensione dei processi all’origine dei jet emessi da questi mostri cosmici

La vorticosa danza della baby stella binaria

18/03/2019

Per la prima volta è stata osservata “in tempo reale” la nascita di un sistema binario con con stelle di grande massa. Allo studio, pubblicato oggi sulla rivista Nature Astronomy, ha partecipato anche Maria Teresa Beltrán, ricercatrice dell’Istituto nazionale di astrofisica a Firenze

Gaia confusa dai getti degli Agn

15/03/2019

Da un confronto tra i dati di Gaia e quelli dei radiotelescopi è emerso un errore sistematico nelle misure fatte dal telescopio spaziale Esa circa le coordinate di un'intera classe di oggetti celesti, i nuclei galattici attivi. Le mappe spaziali più accurate sono quelle che si basano su osservazioni orbitali corrette con quelle dei radiotelescopi terrestri. Tutti i dettagli su ApJ