Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF I primi risultati dell’Event Horizon Telescope

I primi risultati dell’Event Horizon Telescope

Diretta streaming dalla Sede centrale INAF a partire dalle 14:45 di mercoledì 10 aprile

Oggi 10 aprile, a partire dalle 14:45 sarà possibile seguire in diretta streaming la conferenza stampa in programma presso la Sede Centrale dell'INAF a Roma, durante la quale verranno presentati  i primi importanti risultati ottenuti con l’Event Horizon Telescope (EHT), progetto che vede l’utilizzo congiunto di una squadra di radiotelescopi – sparsi in tutto il mondo, ma collegati assieme come se fossero un’unica antenna – per realizzare la prima immagine di un buco nero. All'evento parteciperanno i ricercatori INAF coinvolti nel progetto.

La conferenza stampa, in lingua italiana, si svolgerà in contemporanea con le altre conferenze stampa già programmate e annunciate su scala globale, in particolar modo quella presso la sede della Commissione Europea, organizzata congiuntamente allo European Research Council e allo European Southern Observatory.

 

Lo streaming della conferenza stampa sarà disponibile:

 

archiviato sotto: ,

La ragazza che amava “contare”

25/02/2020

Riccardo Giacconi (1931-2018). Fonte: Nobel Foundation archiveÈ morta ieri, all'età di 101 anni, la scienziata Katherine Johnson. La sua eredità include contributi che hanno permesso alla Nasa l’ingresso nella corsa allo spazio e la conquista della Luna

Dal Polo nord all’Africa, per studiare altri mondi

25/02/2020

Il progetto da 10 milioni di euro per garantire l’accesso alla più grande collezione al mondo di strutture per simulazioni e analisi planetarie, nonché una rete globale di piccoli telescopi, servizi dati e supporto alla comunità scientifica vede coinvolto anche l'Inaf con i suoi ricercatori, distribuiti su diverse sedi

Viaggio al centro di Marte

25/02/2020

Utilizzando rocce marziane e rilievi satellitari, due scienziati della Tohoku University hanno sviluppato un modello che descrive la struttura interna del Pianeta rosso, in base al quale la profondità del confine tra mantello e nucleo si trova a circa 1800 chilometri sotto la superficie. In accordo con tale modello, il nucleo dovrebbe contenere moderate quantità di zolfo, ossigeno e idrogeno