Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF I primi risultati dell’Event Horizon Telescope

I primi risultati dell’Event Horizon Telescope

Diretta streaming dalla Sede centrale INAF a partire dalle 14:45 di mercoledì 10 aprile

Oggi 10 aprile, a partire dalle 14:45 sarà possibile seguire in diretta streaming la conferenza stampa in programma presso la Sede Centrale dell'INAF a Roma, durante la quale verranno presentati  i primi importanti risultati ottenuti con l’Event Horizon Telescope (EHT), progetto che vede l’utilizzo congiunto di una squadra di radiotelescopi – sparsi in tutto il mondo, ma collegati assieme come se fossero un’unica antenna – per realizzare la prima immagine di un buco nero. All'evento parteciperanno i ricercatori INAF coinvolti nel progetto.

La conferenza stampa, in lingua italiana, si svolgerà in contemporanea con le altre conferenze stampa già programmate e annunciate su scala globale, in particolar modo quella presso la sede della Commissione Europea, organizzata congiuntamente allo European Research Council e allo European Southern Observatory.

 

Lo streaming della conferenza stampa sarà disponibile:

 

archiviato sotto: ,

Ecco la foto della prima cometa interstellare

16/09/2019

Nella notte tra il 9 e il 10 settembre, il Gemini North Telescope a Maunakea ha immortalato la prima cometa interstellare che sta entrando nel Sistema solare interno, C/2019 Q4 (Borisov). Attualmente, data la sua posizione in cielo, è di difficile osservazione, ma il suo percorso iperbolico la porterà a condizioni di osservazione più favorevoli nei prossimi mesi

Corona lunare per Giorgia Hofer

16/09/2019

A due settimane esatte dalla sua “Congiunzione ad alta quota”, un’altra opera dell’astrofotografa di Valle di Cadore viene scelta dalla Nasa come immagine astronomica del giorno: una particolarissima immagine della Luna sulla città della Mole, scattata in occasione di una visita all’Osservatorio astrofisico dell’Inaf di Torino

Pesata la madre di tutte le pulsar

16/09/2019

Utilizzando come “bilancia” un fenomeno relativistico detto “ritardo di Shapiro”, un team di astronomi guidato da H. Thankful Cromartie della University of Virginia ha individuato la stella di neutroni più massiccia a oggi conosciuta: è pari a circa 2.14 masse solari