Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF I primi risultati dell’Event Horizon Telescope

I primi risultati dell’Event Horizon Telescope

Diretta streaming dalla Sede centrale INAF a partire dalle 14:45 di mercoledì 10 aprile

Oggi 10 aprile, a partire dalle 14:45 sarà possibile seguire in diretta streaming la conferenza stampa in programma presso la Sede Centrale dell'INAF a Roma, durante la quale verranno presentati  i primi importanti risultati ottenuti con l’Event Horizon Telescope (EHT), progetto che vede l’utilizzo congiunto di una squadra di radiotelescopi – sparsi in tutto il mondo, ma collegati assieme come se fossero un’unica antenna – per realizzare la prima immagine di un buco nero. All'evento parteciperanno i ricercatori INAF coinvolti nel progetto.

La conferenza stampa, in lingua italiana, si svolgerà in contemporanea con le altre conferenze stampa già programmate e annunciate su scala globale, in particolar modo quella presso la sede della Commissione Europea, organizzata congiuntamente allo European Research Council e allo European Southern Observatory.

 

Lo streaming della conferenza stampa sarà disponibile:

 

archiviato sotto: ,

Ltt 9779b, il pianeta “ultra” terreno

21/09/2020

Grazie ai dati ottenuti dal satellite Tess, dai 23 telescopi della rete del Las Cumbres Observatory, dal telescopio Ngts e dallo strumento Harps, e con il contributo dell'osservatorio di Campo Catino, un team di astronomi guidato dall'Università del Cile ha scoperto Ltt 9779b: il primo di una classe di pianeti mai osservati prima d'ora, i nettuniani ultra caldi. I dettagli della scoperta su Nature Astronomy

Il violento passato di Ryugu e Bennu

21/09/2020

I ricercatori che lavorano alle missioni Hayabusa2 (Jaxa) e Osiris-Rex (Nasa) hanno trovato inaspettatamente rocce chiare sui rispettivi asteroidi Ryugu e Bennu: la scoperta fornisce nuovi solidi indizi sulla composizione e sull'origine dei corpi che li hanno impattati nella loro storia. Lo speciale su Nature Astronomy

Tracce di Vesta su Bennu

21/09/2020

Per la prima volta è stata osservata la contaminazione di un piccolo asteroide carbonaceo come Bennu da parte di materiale proveniente da un altro asteroide. La scoperta è stata fatta grazie agli strumenti a bordo della sonda spaziale della Nasa Osiris-Rex. Tra gli autori dello studio appena pubblicato su Nature Astronomy anche Giovanni Poggiali dell’Inaf