Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF I primi risultati scientifici della EDR3 di Gaia

I primi risultati scientifici della EDR3 di Gaia

Giovedì 3 dicembre, in tarda mattinata verrà aperto al pubblico l'archivio con la nuova versione dei dati scientifici prodotti finora da Gaia, la cosiddetta EDR3 (EarlyData Release 3). L'ASI e l'INAF organizzano una conferenza stampa telematica e un webinar per presentare i primi risultati scientifici

La missione Gaia dell’ESA, che vede una importante partecipazione scientifica italiana, con l'Istituto Nazionale di Astrofisica e l'Agenzia Spaziale Italiana, sta rivoluzionando la nostra visione della Galassia.

Giovedì 3 dicembre, in tarda mattinata verrà aperto al pubblico l'archivio con la nuova versione dei dati scientifici prodotti finora da Gaia, la cosiddetta EDR3 (EarlyData Release 3), i più ricchi e accurati di sempre raccolti durante i primi 34 mesi di attività del satellite.

I primi, nuovi risultati evidenziati dagli articoli di verifica che accompagnano la EDR3 confermano lo straordinario impatto della missione sulle più importanti tematiche astrofisiche a tutte le scale, dal nostro vicinato cosmico fino ai confini della Via Lattea.

Per presentare questi risultati, l'Agenzia Spaziale Italiana e l'Istituto Nazionale di Astrofisica organizzano una conferenza stampa telematica il 3 dicembre, a partire dalle 9:45.

A seguire, dalle ore 11:00, è in programma un webinar dal titolo "I primi risultati scientifici della EDR3 di Gaia"  durante il quale verranno presentati in maggior dettaglio i dati presenti nel nuovo archivio della missione e le loro implicazioni scientifiche.

Per maggiori informazioni:

archiviato sotto: ,

A caccia di materia oscura con due orologi

07/12/2022

Mentre l’accuratezza e la portabilità degli orologi atomici continuano a migliorare, tre scienziati hanno pensato di inviare due di questi orologi di precisione nelle zone più interne del Sistema solare, alla ricerca di materia oscura ultraleggera che ha proprietà ondulatorie che potrebbero influenzarne il funzionamento, e in particolare la differenza nel ticchettio degli stessi

Lungo ma con kilonova: è l’ornitorinco dei Grb

07/12/2022

Spariglia tutti i modelli, il lampo gamma targato Grb 211211A. È durato oltre un minuto, come i Grb che s’accompagnano alle supernove, ma là dove ha avuto origine c’è qualcosa che costringe a rimettere mano a molte teorie: una kilonova. «Nonostante i nomi simili, non potrebbero essere più diverse», dice a Media Inaf Eleonora Troja dell’’Università di Roma Tor Vergata, prima autrice di un articolo pubblicato oggi su Nature che riporta la scoperta

Sorprendenti lampi gamma ad alta energia

07/12/2022

La scoperta è stata realizzata dai ricercatori del Gssi osservando una lunga emissione di raggi gamma ad alta energia prodotta dallo scontro di due astri particolarmente densi che, ruotando uno attorno all’altro e fondendosi, inducono perturbazioni dello spazio-tempo e giganti flussi di materia ed energia. Si tratta di un’inattesa scoperta che apre nuove affascinanti prospettive nell’astronomia multi-messaggera