Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF Igo: il trattato SKA è aperto alla sigla dei partner

Igo: il trattato SKA è aperto alla sigla dei partner

Dopo quattro cicli di negoziati, il testo del trattato internazionale che istituisce l'Osservatorio SKA è stato concordato da tutte le parti. L'Italia, che ha guidato il processo di negoziazione multilaterale, è stato il primo Paese a siglare ieri con Nichi D'Amico, presidente INAF, il documento presso il MAECI
Si sono formalmente conclusi i negoziati per la firma del trattato internazionale che istituisce l'Osservatorio Square Kilometre Array (SKA), aprendo la strada ai membri fondatori della nuova organizzazione intergovernativa che firmeranno il trattato nel corso di quest'anno. Dopo quattro cicli di negoziati tenuti a Roma nel corso degli ultimi due anni e mezzo, il testo del trattato internazionale (Convenzione) che istituisce l'Osservatorio SKA è stato concordato da tutte le parti.

L'Italia, che ha guidato il processo di negoziazione multilaterale, è stato il primo Paese a siglare ieri il documento presso il Ministero degli Affari Esteri e della Collaborazione Internazionale (MAECI). Il professor Nichi D'Amico, Presidente dell'Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) e Capo della delegazione italiana nominata dal Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca (MIUR), ha visitato il MAECI incontrando Fabrizio Nicoletti, Direttore Centrale per l'innovazione e la ricerca presso la Direzione Generale per la promozione del sistema Paese.
"Con la parafatura della Convenzione per l'istituzione di una Organizzazione da trattato per il progetto SKA, si conclude con successo un'importante trattativa in cui il Governo italiano, che ha detenuto la Presidenza dei negoziati, ha avuto un ruolo autorevole", commenta D'Amico. "Siamo orgogliosi della determinazione del Governo per questa iniziativa, e ringraziamo i funzionari del MIUR, del MAECI, del MEF e del MISE che hanno collaborato con noi durante i negoziati", aggiunge.
Ciascuno dei partner internazionali è stato ora invitato a siglare il documento, un passo fondamentale verso l'istituzione di questa organizzazione intergovernativa. Entro quest'anno, i ministri dei paesi fondatori dell'Osservatorio dovrebbero firmare il trattato nel corso di una cerimonia ufficiale che si terrà a Roma. A seconda del processo legislativo di ciascun Paese, il testo dovrà poi essere ratificato dai parlamenti affinché l'Osservatorio SKA possa essere formalmente costituito.

Il coinvolgimento italiano in SKA - L’Italia, tramite l’Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF), è una delle prime nazioni che ha preso parte al progetto per la costruzione di SKA. L’INAF è membro del Consorzio Dish (SKADC), guidato dall’Australia (CSIRO), del Consorzio Central Signal Processor (CSP), guidato dal Canada (NRC), ed è coinvolta nelle attività di Correlator and Central Beam Former, Non-Imaging processor e Local Monitor and Control. L’Istituto Nazionale di Astrofisica è inoltre membro del Consorzio Telescope Manager (SKA-TMC), guidato dall’India (National Centre for Radio Astrophysics NCRA-TIFR). Ultimo ma non meno importante, l’INAF è membro del Consorzio Aperture Array Design (SKA-AADC).

---------
Crediti: Il professor Nichi D'Amico, Presidente dell'INAF e Capo della Delegazione Italiana, sigla la Convenzione per la creazione dell'Osservatorio SKA presso il Ministero degli Affari Esteri e della Collaborazione Internazionale.

Altra misura della costante di Hubble

18/09/2019

Un gruppo internazionale guidato dall’Istituto Max Planck per l'astrofisica di Garching ha utilizzato due potenti sistemi di lenti gravitazionali per riuscire a stimare, grazie a 740 supernove, un valore della costante di Hubble pari a 82 +/- 8 chilometri al secondo per megaparsec, superiore a quella dedotta dal fondo cosmico a microonde. Tutti i dettagli su Science

Archi coronali da capo a piedi

18/09/2019

Un team di ricercatori guidato da Fabio Reale dell’Università e dell’Inaf di Palermo ha identificato alcune piccole regioni della cromosfera che brillano nella banda ultravioletta con i piedi di archi coronali, riscaldati a temperature fino a quasi 10 milioni di gradi e luminosi per qualche decina di minuti. Lo studio è pubblicato su ApJ

Le turbolente nubi del Serpente Cosmico

17/09/2019

Per la prima volta, un team internazionale guidato dall'Università di Ginevra è stato in grado di rilevare nubi molecolari in un progenitore della Via Lattea a circa 8 miliardi di anni luce, grazie a una risoluzione spaziale senza precedenti di 90 anni luce. Queste osservazioni mostrano che le nubi hanno una massa, una densità e una turbolenza interna superiori rispetto alle nubi ospitate nelle galassie vicine ed inoltre producono molte più stelle.