Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF Il Presidente dell’ASI in visita presso il Sardinia Radio Telescope

Il Presidente dell’ASI in visita presso il Sardinia Radio Telescope

Domani, giovedì 22 febbraio, il Presidente dell’Agenzia Spaziale Italiana (ASI), Roberto Battiston, visiterà il sito del Sardinia Radio Telescope

Domani, giovedì 22 febbraio, il Presidente dell’Agenzia Spaziale Italiana (ASI), Roberto Battiston, visiterà il sito del Sardinia Radio Telescope. Infatti, a seguito di una Convenzione stipulata di recente con l’Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF), l’ASI ha insediato in Sardegna una sua Unità Scientifica in vista dell’aggiornamento di SRT nella configurazione definita “Sardinia Deep Space Antenna” (SDSA).

L’accordo prevede lo sviluppo di tematiche di avanguardia nel campo delle scienze spaziali come lo sviluppo di apparati e algoritmi per le telecomunicazioni, l’analisi dei segnali da missioni interplanetarie; la telemetria per dati degli spacecraft, lander e rover e contenuti di scienza; tecniche di Tracking, etc..

L’Unità scientifica dell’ASI opererà impiegando quale attrezzatura scientifica di base il radiotelescopio SRT, opportunamente upgradato, avvalendosi di equipaggiamenti e impianti per il Deep Space Network (DSN) in connessione con Jet Propulsion Laboratory (JPL) della NASA). Funzionari del JPL avevano già visitato gli impianti dell’INAF in Sardegna a gennaio del 2016, verificando il  potenziale utilizzo di SRT nelle telecomunicazioni spaziali.

Di notevole importanza, come primo atto di questa collaborazione, è stato l’inseguimento della sonda Cassini con SRT durante il tuffo finale su Saturno.

Il Presidente dell’INAF Nichi D’Amico commenta con soddisfazione: “l’INAF costituisce già il braccio armato dell’ASI nella conduzione dei progetti spaziali per l’osservazione dell’Universo, con diverse centinaia di unità di personale coinvolte, oltre a officine e laboratori specialistici, e costituisce il principale garante del Paese riguardo al ritorno del programma scientifico obbligatorio dell'ESA”.

“Con SRT, e con l’insediamento in Sardegna dell’Unità dell’ASI, si apre una nuova e prestigiosa prospettiva di sviluppo e di collaborazione fra i due Enti” conclude D’Amico.

archiviato sotto: ,

L’intrigante atmosfera di Titano

18/02/2020

Grazie ad Alma, un gruppo di planetologi dell'Università di Tokyo ha trovato un'impronta chimica nell'atmosfera della luna più grande di Saturno che indica come i raggi cosmici provenienti dall'esterno del Sistema solare influenzino le reazioni chimiche coinvolte nella formazione di molecole organiche contenenti azoto. Si tratta della prima conferma osservativa di tali processi e ha implicazioni per la comprensione dell'ambiente di Titano. Tutti i dettagli su ApJ

Aurore extrasolari in onde radio

17/02/2020

Emissioni in banda radio da interazioni fra una stella e un suo pianeta: un tipo di “trasmissioni” che gli astronomi attendevano di ascoltare da almeno trent’anni. Ora, grazie alle antenne a bassa frequenza dell’array LoFar, ci sono riusciti. Il segnale arriva dalla nana rossa Gj 1151 e dal pianeta che le orbita attorno. Il risultato è pubblicato oggi su Nature Astronomy e apre le porte a una nuova tecnica per scoprire pianeti extrasolari

Eravamo Io, Venere e Tritone

14/02/2020

Alla fine ne resterà una sola, o al massimo due: sono le quattro nuove piccole missioni messe al vaglio dalla Nasa nell’ambito del programma Discovery. Due contemplerebbero le grazie bollenti di Venere, una studierebbe come la luna Io venga sommossa dalla passione gravitazionale di Giove, mentre l’ultima cercherebbe di cogliere un anelito di vita nell’algida Tritone, satellite di Nettuno