Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF La scomparsa dell'astrofisico Giancarlo Noci

La scomparsa dell'astrofisico Giancarlo Noci

Fu pioniere in Italia degli studi di fisica solare dallo spazio
La scomparsa dell'astrofisico Giancarlo Noci

Giancarlo Noci, sulla destra, insieme a Ester Antonucci e Giuseppe Tondello, a Cape Canaveral, in occasione del lancio di SoHO

Giancarlo Noci, già professore ordinario all’Università di Firenze, ha iniziato la sua carriera negli anni Sessanta con studi spettroscopici applicati alla fisica solare . È stato un pioniere in Italia per la fisica solare spaziale, collaborando scientificamente alle prime missioni spaziali solari americane (dagli OSO allo Skylab) e trascorrendo lunghi periodi presso laboratori e istituti sia in Inghilterra che negli USA.

Uno dei massimi esperti a livello internazionale del vento solare, ha sviluppato una tecnica coronografica per la misura della sua velocità.

Negli anni Ottanta ha contribuito allo sviluppo di strumentazione per lo spazio per la missione SOHO dell’agenzia spaziale europea come responsabile dello spettrometro dell’esperimento UVCS, portando la comunità solare italiana all'eccellenza nel campo della coronografia solare ultravioletta.

I colleghi del Dipartimento di Fisica e Astronomia dell'Università di Firenze, dell’INAF-Osservatorio Astrofisico di Arcetri e gli scienziati che hanno lavorato con lui  lo ricordano per la semplicità, la grande competenza e la dedizione con cui svolgeva il suo lavoro, ma anche per il suo lato umano  e per il suo carattere riflessivo,  sempre pronto alla battuta e all’ironia.

archiviato sotto: ,

Pinguini spaziali

07/08/2020

Immagini satellitari ad alta risoluzione della missione Copernicus Sentinel-2 dell’Esa hanno rivelato che in Antartide le colonie di pinguini imperatore sono quasi il 20 per cento in più di quanto si pensasse. Gli scienziati della British Antarctic Survey hanno contato le comunità attraverso le tracce di guano immortalate da satellite, rivelando inedite zone di nidificazione e consentendo nuove previsioni circa l’impatto del cambiamento climatico sulla salute della specie

Le potenzialità della speleologia extraterrestre

07/08/2020

Dalle immagini ad alta risoluzione delle sonde interplanetarie è evidente la presenza dei tubi lavici nel sottosuolo della Luna e di Marte. La loro morfologia superficiale è simile a quella degli analoghi terrestri, ampiamente studiati dagli speleologi. Media Inaf ha intervistato uno dei massimi esperti in materia, Francesco Sauro, direttore del programma Pangaea dell’Esa

Tubi lavici sulla Terra, sulla Luna e su Marte

07/08/2020

Un articolo pubblicato su Earth-Science Reviews offre una panoramica dei tubi lavici sulla Terra, fornendo anche una stima delle dimensioni degli analoghi lunari e marziani, che sono rispettivamente 100 e 1000 volte più larghi, arrivando a coprire distanze fino a 40 km. I tubi lavici rappresentano un obiettivo straordinario per l'esplorazione del sottosuolo e il potenziale insediamento umano