Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF La scomparsa dell'astrofisico Giancarlo Noci

La scomparsa dell'astrofisico Giancarlo Noci

Fu pioniere in Italia degli studi di fisica solare dallo spazio
La scomparsa dell'astrofisico Giancarlo Noci

Giancarlo Noci, sulla destra, insieme a Ester Antonucci e Giuseppe Tondello, a Cape Canaveral, in occasione del lancio di SoHO

Giancarlo Noci, già professore ordinario all’Università di Firenze, ha iniziato la sua carriera negli anni Sessanta con studi spettroscopici applicati alla fisica solare . È stato un pioniere in Italia per la fisica solare spaziale, collaborando scientificamente alle prime missioni spaziali solari americane (dagli OSO allo Skylab) e trascorrendo lunghi periodi presso laboratori e istituti sia in Inghilterra che negli USA.

Uno dei massimi esperti a livello internazionale del vento solare, ha sviluppato una tecnica coronografica per la misura della sua velocità.

Negli anni Ottanta ha contribuito allo sviluppo di strumentazione per lo spazio per la missione SOHO dell’agenzia spaziale europea come responsabile dello spettrometro dell’esperimento UVCS, portando la comunità solare italiana all'eccellenza nel campo della coronografia solare ultravioletta.

I colleghi del Dipartimento di Fisica e Astronomia dell'Università di Firenze, dell’INAF-Osservatorio Astrofisico di Arcetri e gli scienziati che hanno lavorato con lui  lo ricordano per la semplicità, la grande competenza e la dedizione con cui svolgeva il suo lavoro, ma anche per il suo lato umano  e per il suo carattere riflessivo,  sempre pronto alla battuta e all’ironia.

archiviato sotto: ,

Perseverance porterà 11 milioni di nomi su Marte

27/03/2020

Per ora l’agenda della missione non ha subito rallentamenti a causa della pandemia in corso. Il lancio è ancora previsto per questa estate. Come è già accaduto con InSight, la missione Mars 2020 dà molta importanza agli appassionati di Marte e porterà con sé 3 microchip con ben 10,9 milioni di nomi

Variabili cataclismiche come farfalle nello spazio

27/03/2020

Un nuovo studio basato su massicce simulazioni al computer supporta le previsioni di 35 anni fa sulle binarie cataclismiche, proponendo una teoria unificata per queste stelle e mostrando che le nove osservabili sono solo la punta dell'iceberg. Tutti i dettagli su Nature Astronomy

Fuga dal pianeta rovesciato

27/03/2020

In un recente studio pubblicato su Geophysical Research Letters i ricercatori hanno scoperto che, al momento del flyby del Voyager 2 avvenuto il 24 gennaio 1986, nella coda della magnetosfera di Urano c'era un plasmoide – formato in gran parte da idrogeno ionizzato – in fuga dal pianeta. Si tratta della prima rilevazione di un plasmoide nella magnetosfera di un gigante ghiacciato e rappresenta, per Urano, un importante meccanismo per la perdita dell'atmosfera