Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF La scomparsa dell'astrofisico Giancarlo Noci

La scomparsa dell'astrofisico Giancarlo Noci

Fu pioniere in Italia degli studi di fisica solare dallo spazio
La scomparsa dell'astrofisico Giancarlo Noci

Giancarlo Noci, sulla destra, insieme a Ester Antonucci e Giuseppe Tondello, a Cape Canaveral, in occasione del lancio di SoHO

Giancarlo Noci, già professore ordinario all’Università di Firenze, ha iniziato la sua carriera negli anni Sessanta con studi spettroscopici applicati alla fisica solare . È stato un pioniere in Italia per la fisica solare spaziale, collaborando scientificamente alle prime missioni spaziali solari americane (dagli OSO allo Skylab) e trascorrendo lunghi periodi presso laboratori e istituti sia in Inghilterra che negli USA.

Uno dei massimi esperti a livello internazionale del vento solare, ha sviluppato una tecnica coronografica per la misura della sua velocità.

Negli anni Ottanta ha contribuito allo sviluppo di strumentazione per lo spazio per la missione SOHO dell’agenzia spaziale europea come responsabile dello spettrometro dell’esperimento UVCS, portando la comunità solare italiana all'eccellenza nel campo della coronografia solare ultravioletta.

I colleghi del Dipartimento di Fisica e Astronomia dell'Università di Firenze, dell’INAF-Osservatorio Astrofisico di Arcetri e gli scienziati che hanno lavorato con lui  lo ricordano per la semplicità, la grande competenza e la dedizione con cui svolgeva il suo lavoro, ma anche per il suo lato umano  e per il suo carattere riflessivo,  sempre pronto alla battuta e all’ironia.

archiviato sotto: ,

Tre viste uniche del Sistema solare

27/01/2021

Nel 2020, le tre sonde spaziali dedicate all'osservazione del Sole – Solar Orbiter di Esa e Nasa, Parker Solar Probe della Nasa e Stereo della Nasa – hanno catturato scorci unici dei pianeti del Sistema solare, regalandoci splendide immagini da diversi punti di vista, sfruttando il fatto che alcuni strumenti a bordo hanno visto diversi pianeti passare contemporaneamente attraverso i loro campi di vista

Terra chiama Osiris-Rex: a maggio l’addio a Bennu

27/01/2021

Dopo aver raccolto materiale dalla superficie dell’asteroide primitivo Bennu lo scorso ottobre, la sonda della Nasa Osiris-rex inizierà il viaggio di ritorno verso la Terra, per consegnare i campioni, il 10 maggio 2021. Un’attesa che permetterà non solo di risparmiare carburante ma anche di pianificare un ultimo sorvolo per salutare l’asteroide. Ne parliamo con uno degli scienziati della missione, Maurizio Pajola, ricercatore all’Inaf di Padova

Così nasce una stella in una galassia nana mareale

27/01/2021

Utilizzando l’osservatorio Alma, un gruppo internazionale di ricercatori è riuscito a osservare le nubi molecolari all’interno di Tdg J1023+1952 (una piccola galassia nana nella costellazione del Leone), ottenendo importanti informazioni sui processi di formazione stellare. Ne parliamo con uno degli autori dello studio, Federico Lelli, ricercatore all’Inaf di Arcetri