Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF Nominato il nuovo direttore dell'Osservatorio Astronomico di Cagliari

Nominato il nuovo direttore dell'Osservatorio Astronomico di Cagliari

Il Presidente dell'Inaf, a seguito della designazione da parte del Consiglio di Amministrazione, ha nominato il Dott. Emilio Molinari quale nuovo Direttore dell’Osservatorio Astronomico di Cagliari a decorrere dal 1° giugno 2017

Con decreto del 23 maggio 2017, numero 46, il Presidente, a seguito della designazione da parte del Consiglio di Amministrazione, ha nominato il Dott. Emilio Molinari quale nuovo Direttore dell’Osservatorio Astronomico di Cagliari a decorrere dal 1° giugno 2017.

Direttore del Telescopio Nazionale Galileo dal 2008, il Dott. Molinari è primo tecnologo dell’INAF e si è formato come cosmologo all’Osservatorio di Brera. Nel corso della sua carriera, si è occupato di progetti di telescopi (REM) e di strumentazione astronomica per TNG, VLT, E-ELT e di tecnologie di base per nuovi materiali ottici e attualmente è Co-PI italiano nel consorzio Harps-N, per la ricerca di esopianeti al Telescopio Nazionale Galileo.

Il Presidente ed il Consiglio di Amministrazione esprimono il loro più vivo ringraziamento al Dott. Andrea Possenti per l'ottimo lavoro svolto in questi anni alla Direzione dell'Osservatorio cagliaritano.

archiviato sotto: ,

Universi emergenti da sfide tra reti neurali

17/05/2019

Per produrre mappe ultra-fedeli del lensing gravitazionale debole, un team di ricercatori di Berkeley ha progettato due reti neurali e le ha messe in competizione fra loro: una simula la realtà, l’altra decide se il prodotto è reale o simulato. E così gareggiando diventano sempre più abili. Ne parliamo con Massimo Meneghetti dell’Inaf di Bologna

Primo piano primitivo di Ultima Thule

17/05/2019

Un’immagine senza precedenti del corpo celeste più lontano mai visitato da un oggetto costruito dall’uomo. La sonda New Horizons è stata in grado di scrutare l'oggetto da vicino, rilevando le caratteristiche superficiali di Mu69. L’immagine si è meritata la copertina della rivista Science

Ngc 4485 messa a nudo da Hubble

17/05/2019

Immortalata dalla Wide Field Camera 3 del telescopio spaziale di Nasa ed Esa, è ciò che resta della piccola galassia dopo lo scontro titanico, avvenuto milioni di anni fa, con la galassia a spirale barrata Ngc 4490