Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF Premio “Giuseppe Lorenzoni” - IV Edizione

Premio “Giuseppe Lorenzoni” - IV Edizione

Il riconoscimento è volto a premiare il miglior articolo di carattere scientifico/tecnologico pubblicato nell’ultimo triennio avente come primo autore/autrice un/una giovane. Termine per l'invio della segnalazione e relativa documentazione: ore 15:00 del 06/03/2020

Per ricordare l’opera di Giuseppe Lorenzoni la Società Astronomica Italiana (SAIt), in collaborazione con L’Osservatorio Astronomico di Padova dell'INAF, ha istituito dal 2017 un premio a lui dedicato. Lorenzoni fu il quarto Direttore della Specola di Padova, ed il primo astronomo padovano a compiere ricerche astrofisiche. Costante sostenitore dell’importanza dell’insegnamento universitario dell’Astronomia, fu maestro di personaggi quali Antonio e Giorgio Abetti, Emilio Bianchi e Giuseppe Ciscato.

A partire dal 2018 si è deciso di focalizzare il premio ad un particolare Raggruppamento Scientifico Nazionale. Questa quarta edizione del premio è quindi indetta per il Raggruppamento Scientifico Nazionale: “Tecnologie avanzate e strumentazione.

Il premio è volto pertanto a premiare il miglior articolo di carattere scientifico/tecnologico pubblicato nell’ultimo triennio (1/1/2017 – 31/12/19) avente come primo autore/autrice un/una giovane.

Il lavoro proposto dal candidato/a deve essere apparso su una rivista referata o su una pubblicazione a tema prettamente tecnologico/strumentale (ad es. SPIE od OSA), entro il 31 Dicembre del terzo anno successivo alla difesa della tesi di Dottorato di Ricerca (per es. se la tesi è stata difesa a febbraio 2014, l’articolo deve apparire entro il 31/12/2017) e comunque non oltre il compimento del 37° anno di età del primo autore/autrice.

La segnalazione e la relativa documentazione devono essere inserite nella apposita form alla pagina:

https://goo.gl/forms/ZYspjVDzlD8muw8M2 entro le ore 15:00 del  06/03/ 2020.

Il bando integrale e il link diretto alla pagina sono disponibili anche sul sito www.sait.it

archiviato sotto: ,

Ltt 9779b, il pianeta “ultra” terreno

21/09/2020

Grazie ai dati ottenuti dal satellite Tess, dai 23 telescopi della rete del Las Cumbres Observatory, dal telescopio Ngts e dallo strumento Harps, e con il contributo dell'osservatorio di Campo Catino, un team di astronomi guidato dall'Università del Cile ha scoperto Ltt 9779b: il primo di una classe di pianeti mai osservati prima d'ora, i nettuniani ultra caldi. I dettagli della scoperta su Nature Astronomy

Il violento passato di Ryugu e Bennu

21/09/2020

I ricercatori che lavorano alle missioni Hayabusa2 (Jaxa) e Osiris-Rex (Nasa) hanno trovato inaspettatamente rocce chiare sui rispettivi asteroidi Ryugu e Bennu: la scoperta fornisce nuovi solidi indizi sulla composizione e sull'origine dei corpi che li hanno impattati nella loro storia. Lo speciale su Nature Astronomy

Tracce di Vesta su Bennu

21/09/2020

Per la prima volta è stata osservata la contaminazione di un piccolo asteroide carbonaceo come Bennu da parte di materiale proveniente da un altro asteroide. La scoperta è stata fatta grazie agli strumenti a bordo della sonda spaziale della Nasa Osiris-Rex. Tra gli autori dello studio appena pubblicato su Nature Astronomy anche Giovanni Poggiali dell’Inaf