Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF Premio per tesi di Laurea magistrale “Stefano Magini”

Premio per tesi di Laurea magistrale “Stefano Magini”

L'INAF-Osservatorio Astrofisico di Arcetri bandisce un premio per tesi di laurea magistrale con argomento di astrofisica o di tecnologie per l’astrofisica. Le domande di ammissione dovranno essere inviate entro il 9 dicembre 2018

Il Premio di Laurea magistrale “Stefano Magini” bandito dall'INAF-Osservatorio Astrofisico di Arcetri intende premiare gli studenti delle Università italiane che abbiano presentato le migliori tesi di laurea magistrale con argomento di astrofisica o di tecnologie per l’astrofisica discussa in una università italiana tra il 1 Aprile 2017 e il 30 Novembre 2018. Il premio consiste in un importo di 1.250 € al lordo delle imposte, un attestato, e l’invito a tenere un breve seminario presso INAF-Osservatorio Astrofisico di Arcetri (OAA) in occasione della cerimonia di premiazione.

La domanda di ammissione deve essere inviata per posta elettronica entro il 9 dicembre 2018.

Per maggiori informazioni: il bando integrale del Premio Magini e l'Allegato A

archiviato sotto: ,

Ryugu, pubblicati su Science i primi risultati

21/03/2019

Un ammasso di pietrisco poroso a forma di trottola. Prodotto probabilmente dalla disgregazione di un progenitore più grande. Contiene minerali idrati, ma è comunque molto arido. A firmare l'identikit dell’asteroide, fra gli altri, anche due ricercatori dell’Inaf: Ernesto Palomba e Davide Perna

Il segreto dell’asimmetria? Un pizzico di “charm”

21/03/2019

Osservata per la prima volta al Cern, con l’esperimento Lhcb, la violazione di CP nei quark charm. Già prevista dalla teoria, la violazione osservata è ancora troppo piccola per spiegare l’asimmetria materia-antimateria che osserviamo in natura, ma costituisce un importante passo avanti per comprendere la composizione dell’universo

Stucco marziano

21/03/2019

Lo strumento Cassis a bordo del Trace Gas Orbiter (Tgo) della missione Esa ExoMars 2016 ha immortalato una particolare zona del Pianeta rosso che sembra avere una particolare conformazione a bande