Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF Primo Collaboration Meeting di IXPE

Primo Collaboration Meeting di IXPE

L'INAF-IAPS di Roma ospiterà il 10 ottobre prossimo il primo collaboration meeting italiano della missione IXPE, una missione della NASA con forte partecipazione italiana che vede coinvolti ASI, INAF e INFN

Il 10 ottobre prossimo si svolgerà presso l'INAF-IAPS di  Roma il primo collaboration meeting italiano della missione IXPE in occasione del quale verranno presentate alla comunità scientifica la missione e l’organizzazione dei working group scientifici che coinvolgeranno oltre 70 ricercatori e ingegneri. La missione IXPE (Imaging X-ray Polarimetry Explorer) e’ una missione della NASA con forte partecipazione italiana che vede coinvolti  ASI,  INAF e  INFN. Il team italiano avra’ un ruolo fondamentale nella definizione degli obiettivi scientifici e svilupperà e calibrerà lo strumento sensibile alla polarizzazione. 
Questo strumento conterrà  il Gas Pixel Detector che permetterà, attraverso un efficiente utilizzo dell’effetto fotoelettrico, un notevole salto di sensibilità rispetto alle tecniche utilizzate sino ad ora. 
Il contributo italiano vedrà anche l’utilizzo della stazione di terra di Malindi dell’ ASI e un contributo allo sviluppo del software di processamento dati attraverso gli istituti e lo Space Science Data Center dell’ ASI.

 

Programma

 

Martedì 10 Ottobre 2017 - Aula Convegni, INAF-IAPS Roma

 

11:30 - 11:35 - Welcome e logistica (Fabio Muleri, INAF-IAPS)

11:35 - 11:40 - Welcome del direttore dello IAPS (Fabrizio Capaccioni, INAF-IAPS)

11:40 - 11:45 - Welcome del responsabile dell'unità Esplorazione e Osservzione dell'Universo ASI (Barbara Negri, ASI)

11:45 - 12:15 - La missione IXPE: strumentazione e struttura del team (Paolo Soffitta, INAF-IAPS)

12:15 - 12:55 - Obiettivi scientifici e organizzazione dei WG scientifici (Giorgio Matt, Univ. Roma Tre)

12:55 - 14:00 - Pranzo

14:00 - 14:30 - Presentazione del Science Analysis and Simulation Working group: scopo e strumenti (Luca Baldini, INFN)

14:30 - 16:30 - Simulazioni di sorgenti astrofisiche: tutorial su ixpeobssim (Luca Baldini, INFN)

 

 

archiviato sotto: ,

Giappone e Cina campioni extraterrestri

05/12/2020

Ancora poche ore e la capsula della missione della Jaxa Hayabusa2, contenente materiale raccolto sull’asteroide Ryugu, dovrebbe toccare il suolo australiano. È previsto invece per metà dicembre il rientro della missione cinese Chang’e-5, con a bordo 2 kg di rocce lunari

Dati antichi per occhi nuovi: la parallasse di Vega

04/12/2020

Analizzando con tecniche moderne le prime misure di parallasse che, negli anni Trenta dell’Ottocento, avevano permesso di stimare per la prima volta le distanze stellari, due ricercatori hanno chiarito alcuni dubbi che ancora aleggiavano su queste osservazioni fondamentali per la storia dell'astronomia. Lo studio è apparso sulla rivista tedesca Astronomische Nachrichten – la stessa che nel 1838 aveva pubblicato l'articolo di Friedrich Wilhelm Bessel con quella che viene riconosciuta come la prima misura ufficiale della parallasse di una stella

C’è la conferma: 2020 SO è un vecchio razzo

04/12/2020

Due team di astronomi hanno compiuto osservazioni spettroscopiche sull'ex asteroide near-Earth 2020 SO e hanno scoperto che la luce solare riflessa è compatibile con quella che ci si può aspettare dalla superficie metallica di un vecchio razzo che ha trascorso 54 anni nello spazio. Queste osservazioni confermano i risultati già ottenuti analizzando i residui dell'orbita di 2020 SO: fino a febbraio 2021, la Terra avrà come luna temporanea proprio un razzo degli anni '60