Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF Procede il piano di stabilizzazioni dell'INAF

Procede il piano di stabilizzazioni dell'INAF

Pubblicati oggi i bandi per 71 posizioni riservate al personale ricercatore e tecnologo che ha maturato il titolo per la stabilizzazione ai sensi dell'articolo 20, comma 2, del D.Lgs. 75/2017
Dopo la stabilizzazione, mediante assunzione nominativa, di 14 unità di personale IV-VIII e di 50 unità di personale con il profilo di Ricercatore e Tecnologo, sono stati pubblicati oggi i bandi per 71 posizioni riservate al personale di ricerca e tecnologo che ha maturato il titolo per la stabilizzazione ai sensi dell'articolo 20, comma 2 del D.Lgs 75/2017.
Per maggiori informazioni, consultate i bandi ai seguenti link:

Il CdA ha deliberato inoltre che, a valle della conclusione dei concorsi riservati, saranno pubblicati i bandi per altrettante 71 posizioni aperte, in ottemperanza al dettato del D.Lgs 75/2017.

Allo stesso tempo, procede l'iter per l'arruolamento di 24 "giovani Ricercatori", ai sensi del Decreto Ministeriale n. 163 del 28 febbraio 2018.

Questa iniezione di 230 unità di personale, un aumento percentuale di circa il 20% del personale a tempo indeterminato, consolida il capitale umano dell'Ente, che oggi si proietta in ambiziose sfide globali, e che l'autorevole rivista "Nature" continua a collocare ai primi posti delle classifiche internazionali.

archiviato sotto: ,

Nano-satelliti a caccia di esplosioni cosmiche

11/12/2018

Piccoli, economici ma capaci di captare con tempestività e precisione su tutta la volta celeste i segnali in banda X prodotti da lampi di raggi gamma, potentissime esplosioni cosmiche. Sono i nano-satelliti del progetto Hermes

Bennu, c’è acqua nelle sue rocce

11/12/2018

Le indagini spettroscopiche condotte sui dati di Osiris-Rex rivelano la presenza di molecole d'acqua nei minerali che si trovano sulla superficie dell'asteroide Bennu: si tratta di silicati idrati, materiali antichissimi, originati nella nebulosa protosolare da cui si sono formati i corpi che popolano il Sistema solare, che contengono acqua nella loro struttura cristallina. Il commento di John Brucato (Inaf)

Voyager 2: bye bye Sistema solare

11/12/2018

Anche Voyager 2, la sonda lanciatda dalla Nasa nel 1977, ha ufficialmente varcato i limiti estremi del nostro sistema planetario e continua il suo viaggio nello spazio interstellare. Per i ricercatori del Jpl in California che analizzano i dati che provengono dagli strumenti del veicolo spaziale, l'uscita si è verificata il 5 novembre scorso