Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF Procedure negoziate dell’Istituto di Astrofisica e Planetologia Spaziali di Roma

Procedure negoziate dell’Istituto di Astrofisica e Planetologia Spaziali di Roma

Gli avvisi e tutta la documentazione sono disponibili sul portale istituzionale dell’IAPS

Si rende noto che nella sezione “Amministrazione Trasparente” del sito web dell’Istituto di Astrofisica e Planetologia Spaziali di Roma (www.iaps.inaf.it) è disponibile tutta la documentazione relativa alle due procedure negoziate di seguito elencate:

  • Procedura negoziata senza previa pubblicazione di bando ai sensi dell’articolo 63, comma 2, lett. b), del d.Lgs. 18 aprile 2016, n. 50, per acquisizione di movimentazione motorizzata con banchi ottici della marca  “Newport”, da installare nella Clean Room di ultima generazione all’interno dei laboratori Edificio “F” dell’IAPS-INAF presso l’Area di Ricerca di Tor Vergata in Roma attraverso trattativa diretta sulla piattaforma di e-procurement mepa.  (CIG 7438987E42 – CUP F82F17000220005)
  • Procedura negoziata senza previa pubblicazione di bando ai sensi dell’articolo 63, comma 2, lett. b), del d.Lgs. 18 aprile 2016, n. 50, per acquisizione di Tubi a raggi X per calibrazione della strumentazione di IXPE.  (CIG 7317116324 – CUP F82F17000220005)
archiviato sotto: ,

Universi emergenti da sfide tra reti neurali

17/05/2019

Per produrre mappe ultra-fedeli del lensing gravitazionale debole, un team di ricercatori di Berkeley ha progettato due reti neurali e le ha messe in competizione fra loro: una simula la realtà, l’altra decide se il prodotto è reale o simulato. E così gareggiando diventano sempre più abili. Ne parliamo con Massimo Meneghetti dell’Inaf di Bologna

Primo piano primitivo di Ultima Thule

17/05/2019

Un’immagine senza precedenti del corpo celeste più lontano mai visitato da un oggetto costruito dall’uomo. La sonda New Horizons è stata in grado di scrutare l'oggetto da vicino, rilevando le caratteristiche superficiali di Mu69. L’immagine si è meritata la copertina della rivista Science

Ngc 4485 messa a nudo da Hubble

17/05/2019

Immortalata dalla Wide Field Camera 3 del telescopio spaziale di Nasa ed Esa, è ciò che resta della piccola galassia dopo lo scontro titanico, avvenuto milioni di anni fa, con la galassia a spirale barrata Ngc 4490