Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF Progetto MAORY, valutazione comparativa per il ruolo di project manager

Progetto MAORY, valutazione comparativa per il ruolo di project manager

Avviso per l'individuazione di candidati per la copertura della posizione di “Project manager” del progetto MAORY, posizione di dirigente tecnologo da reclutare ai sensi dell’articolo 11, comma 1, lettera c), del Regolamento del personale dell'INAF. Data di scadenza per la presentazione delle candidature: 31 marzo 2019

È indetta una procedura di valutazione comparativa per il reclutamento di una unità di personale, con rapporto di lavoro subordinato a tempo pieno e determinato, da inquadrare nel profilo di Dirigente Tecnologo di Primo Livello, per svolgere il ruolo di “Project Manager” per le attività connesse alla costruzione, assemblaggio e controllo dello strumento scientifico MAORY e le seguenti principali attività:

  • Monitoraggio e controllo delle attività tecniche e contrattuali;
  • Controllo del processo di approvazione della documentazione;
  • Supervisione e coordinamento della fornitura di tutti i documenti previsti con l’European Southern Observatory (ESO), incluso la revisione finale e l’approvazione con le eventuali “changes”;
  • Supportare il “Principal Investigator”, nel monitoraggio e nella valutazione dei compiti di carattere tecnologico, economico, di pianificazione ed organizzativo;
  • Mantenere e aggiornare il “project management plan”;
  • Partecipare alle riunioni “milestones” previste negli accordi con l’ESO, assicurando le forniture previste negli accordi”.

Il contratto di lavoro a tempo determinato, a copertura della posizione, sarà secondo la qualifica di Dirigente Tecnologo degli Enti di Ricerca, stipulato ai sensi dell’art. 11 comma 1 Lettera c) del Regolamento del Personale dell’INAF, avrà la durata di due anni e potrà eventualmente essere prorogato, alla scadenza, per un ulteriore anno, in considerazione delle esigenze del programma di attività tecnico-scientifiche oggetto del medesimo contratto e tenuto conto di eventuali rinnovi, estensioni e rifinanziamento delle attività oggetto del contratto di lavoro subordinato a tempo determinato, nonché in presenza della necessaria disponibilità finanziaria.

La sede presso la quale il candidato risultato idoneo dovrà prestare servizio è l’Osservatorio di Astrofisica Spaziale di Bologna.

Cliccare qui per scaricare il bando »

archiviato sotto: ,

Comete fascinose e pianeti al tramonto

31/01/2023

Il mese di febbraio inizia subito con la cometa C/2022 E3 (Ztf), che proprio il primo giorno del mese passa alla distanza minima dalla Terra, e l'11 incontrerà (prospetticamente) il pianeta Marte. E finisce con un allineamento in cielo tra Venere e Giove, che si avvicinano sempre più, deliziandoci con tramonti imperdibili. Per chi ha nostalgia del Natale, l'ammasso del Presepe potrà essere osservato facilmente con un binocolo nella costellazione del Cancro

Eruzione “vulcanica” frena una magnetar

31/01/2023

Il 5 ottobre 2020 la magnetar Sgr 1935+2154, una stella di neutroni altamente magnetica posta a circa 30mila anni luce dalla Terra, ha rallentato improvvisamente la sua rotazione. La causa? Probabilmente, una frattura superficiale simile a un vulcano. È l’affascinante ipotesi suggerita da una recente ricerca condotta con i telescopi spaziali Xmm-Newton e Nicer, ora pubblicata su Nature Astronomy

Giovani stelle in formazione per Jwst

31/01/2023

Scrutando con il James Webb Space Telescope un noto ammasso di stelle all'interno della Piccola Nube di Magellano, un team di astronomi ha osservato numerose stelle appena nate e strutture di gas e polveri mai viste prima, che fanno luce sulla formazione stellare durante il “mezzogiorno cosmico”, più di dieci miliardi di anni fa. Con il commento di Katia Biazzo dell'Inaf di Roma, coautrice dell’articolo in pubblicazione su Nature Astronomy