Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF Pubblicate le FAQ sulle procedure ex articoli 53 e 54 CCNL

Pubblicate le FAQ sulle procedure ex articoli 53 e 54 CCNL

Le risposte disponibili nelle sezioni relative alle due procedure di selezione

Si informa che, nella sezione "Concorsi" di questo sito web (Sottosezione "Progressioni di carriera"), sono ora disponibili le risposte alle domande più frequenti sulle procedure di selezione ai sensi degli articoli 53 e 54 del "Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro del personale del comparto delle istituzioni e degli enti di ricerca e sperimentazione per il quadriennio normativo 1998-2001 ed il biennio economico 1998-1999", sottoscritto il 21 febbraio 2002, per la copertura, rispettivamente, di centottantanove posti complessivi per le progressioni economiche e di quarantasei posti per le progressioni di livello nei profili di inquadramento del personale tecnico ed amministrativo.

archiviato sotto: ,

Viste le galassie “buie”

24/05/2018

Un team di astronomi guidato da Raffaella Anna Marino e Sebastiano Cantalupo del Politecnico di Zurigo ha recentemente scoperto, grazie a quasar impiegati come ”fari cosmici”, dieci galassie primitive e povere di stelle

Rosetta svela l’alba dei getti

24/05/2018

L'atmosfera della cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko è tutt'altro che omogenea. Oltre agli improvvisi scoppi di gas e polvere, all’alba si possono osservare fenomeni ricorrenti, quotidiani, dove il gas sublimato e la polvere da lui trascinata, si concentrano per formare strutture a forma di getti. Un nuovo studio Nature Astronomy identifica nella strana forma della cometa la causa principale di questi getti

La pulsar sotto la lente

23/05/2018

Si trova in un sistema binario a 6500 anni luce da noi. La risoluzione record con la quale è stata osservata è dovuta all’effetto ”lente” prodotto dal gas della nana bruna che le orbita attorno. Potrebbe contribuire a spiegare la natura dei Fast Radio Bursts. Lo studio esce oggi su Nature