Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF Seconda Call del programma AstroFIt “ASTRONOMY FELLOWSHIPS IN ITALY”

Seconda Call del programma AstroFIt “ASTRONOMY FELLOWSHIPS IN ITALY”

L'INAF annuncia la Seconda Call del programma AstroFit. Non possono partecipare ricercatori con più di 8 anni di esperienza post-doc o con una esperienza di ricerca superiore ai 12 anni.

L’Istituto Nazionale di Astrofisica annuncia la pubblicazione della seconda call del Programma AstroFIt (http://www.astrofit.inaf.it), cofinanziato dalla Commissione Europea attraverso il 7° Programma Quadro, Azioni Marie Curie, COFUND.

Anche questa seconda call finanzierà 7 progetti di ricerca, ciascuno della durata di 24 mesi, da svolgersi in una delle strutture INAF distribuite sul territorio nazionale a scelta del candidato. I progetti possono essere proposti esclusivamente da ricercatori non residenti in Italia. Possono partecipare ricercatori con almeno 4 anni di esperienza di ricerca documentabile o aventi il dottorato di ricerca. Non possono partecipare ricercatori con più di 8 anni di esperienza post-doc o con una esperienza di ricerca superiore ai 12 anni.

Macroaree tematiche: galassie e cosmologia, stelle, popolazioni stellari e mezzo interstellare, sole e sistema solare, astrofisica relativistica e particellare, tecnologie avanzate e strumentazione.

Verranno finanziati:

  • 5 progetti di Incoming Mobility:
  • azione rivolta a ricercatori di qualsiasi nazionalità che non abbiano svolto attività di ricerca in Italia per più di 12 mesi, nei 3 anni che precedono la scadenza del bando;
  • 2 progetti di Reintegration Mobility:
  • azione rivolta a ricercatori italiani che hanno svolto attività di ricerca in un Paese Terzo1 per almeno 36 mesi, nei 4 anni precedenti alla scadenza del bando.

Data di pubblicazione del bando: 15 ottobre 2012.

Scadenza per la presentazione delle domande: 14 dicembre 2012, ore 12:00 am (CET).

Per maggiori informazioni rivolgersi a astrofit_info@inaf.it o visitare il sito web www.astrofit.inaf.it.

1 I Paesi Terzi sono nazioni non appartenenti né all’Unione Europea, né facenti parte dei Paesi Associati.

I Paesi membri dell’Unione Europea sono: Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Repubblica Ceca, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Ungheria, Irlanda, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Olanda, Polonia, Portogallo, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Regno Unito.

I Paesi Associati sono: Albania, Bosnia-Erzegovina, Croazia, Isole Faroe, Macedonia, Islanda, Israele, Liechtenstein, Montenegro, Norvegia, Serbia, Moldavia, Svizzera, Turchia.

Quel vedo non vedo della costellazione Starlink

26/05/2020

L'obiettivo delle ultime modifiche che SpaceX intende apportare ai futuri satelliti Starlink è di renderli invisibili a occhio nudo e ridurre al minimo il loro impatto sulla ricerca astronomica, garantendo che qualunque effetto essi possano avere non ostacoli la capacità degli scienziati di fare nuove scoperte. Ma cosa ne pensa la Commissione Inaf di esperti per la valutazione dell’impatto delle costellazioni di nano-satelliti circa le nuove misure proposte dall'azienda di Elon Musk? Sono soddifacenti? «Al momento onestamente no», dice a Media Inaf Adriano Fontana

Starlink all’ombra delle visiere parasole

26/05/2020

La costellazione di satelliti Starlink si propone di fornire connettività a banda larga in tutto il mondo, ma la sfida di SpaceX si sta dimostrando piuttosto invasiva per chi vorrebbe continuare a osservare un cielo libero da treni di puntini che lo attraversano. Molte sono le critiche sollevate, soprattutto nel campo della ricerca astrofisica, e l’azienda di Elon Musk sta lavorando con gli astronomi di tutto il mondo per comprendere meglio le specifiche delle osservazioni astronomiche e i cambiamenti tecnici che occorre apportare ai satelliti per ridurne la luminosità. In questo lungo approfondimento vediamo insieme le modifiche proposte che dovrebbero essere implementate già dal prossimo giugno

Espresso prende meglio le misure a Proxima b

26/05/2020

Grazie alle accuratissime misure dello spettrografo Espresso, un gruppo internazionale di ricercatori, tra cui alcuni dell’Istituto nazionale di astrofisica, è riuscito a determinare la massa minima di Proxima b – circa il venti per cento più grande di quella della Terra – con una precisione quattro volte migliore a quella delle misure che ne consentirono la scoperta