Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF The first Italian LOFAR School 2019

The first Italian LOFAR School 2019

Si apre oggi, 11 giugno 2019, a Bologna, presso la sede dell'Istituto di Radioastronomia dell'INAF, la prima edizione della Italian LOFAR School

Parte oggi, 11 giugno 2019, a Bologna, presso la sede dell'Istituto di Radioastronomia dell'INAF, la prima edizione della Italian LOFAR School. La scuola è pensata per la comunita' astrofisica italiana (afferenti a istituti e universita' italiani, o italiani afferenti a istituti stranieri), in modo da presentare il radiotelescopio LOFAR e i suoi aspetti scientifici e tecnologici.

Alla scuola sono iscritti 32 partecipanti provenienti da tutta Italia
(7 da strutture INAF, 3 dalle Università) e da 3 da istituti esteri.

I relatori che si alterneranno nel corso dei 4 giorni in cui è articolata la scuola sono 12 (5 da stutture INAF e Universita' italiane e 7
da istituti stranieri).

La prima sessione della scuola (il pomeriggio di martedì 11 giugno)  è pensata avere un carattere piu' generale e meno tecnico e vuole fornire una overview del telescopio LOFAR, del consorzio LOFAR-IT e di alcuni rilevanti risultati scientifici. Per questo
motivo questa sessione è aperta a tutta la comunità astronomica bolognese e non solo agli iscritti alla scuola.

Maggiori informazioni e dettagli del programma sulla pagina web della scuola

archiviato sotto: ,

Sotto pressione, i buchi neri fanno festa

03/06/2020

Un nuovo studio condotto dalla Yale University mostra come l'intensa pressione che si può verificare negli ammassi di galassie sia in grado di spegnere la creazione di nuove stelle e porti alla disattivazione di alcuni buchi neri supermassicci che risiedono nelle galassie stesse. Ma questo non prima di aver concesso loro di banchettare un'ultima volta. Tutti i dettagli su The Astrophysical Journal Letters

Piccoli CubeSat crescono: osservato un esopianeta

03/06/2020

ASTERIA CubeSatSi chiama Asteria, ed è riuscito a “vedere” 55 Cancri e. I CubeSat non potranno sostituire al cento per cento i grandi telescopi orbitanti o le mastodontiche strutture osservative sulla Terra, ma satelliti come Asteria sono un valido aiuto per scoprire e studiare pianeti e altri oggetti grazie alla loro stabilità e a notevoli prestazioni tecnologiche

Nana bruna ancora in fasce a 337 anni luce da noi

03/06/2020

Un team del Mit ha scoperto, grazie ad alcuni risultati dell’iniziativa di citizen science Disk Detective, la più giovane nana bruna nel nostro circondario stellare. Ha un disco protoplanetario e potrebbe in futuro raccontarci qualcosa in più sui pianeti che si possono formare attorno a questi deboli oggetti stellari