Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF The first Italian LOFAR School 2019

The first Italian LOFAR School 2019

Si apre oggi, 11 giugno 2019, a Bologna, presso la sede dell'Istituto di Radioastronomia dell'INAF, la prima edizione della Italian LOFAR School

Parte oggi, 11 giugno 2019, a Bologna, presso la sede dell'Istituto di Radioastronomia dell'INAF, la prima edizione della Italian LOFAR School. La scuola è pensata per la comunita' astrofisica italiana (afferenti a istituti e universita' italiani, o italiani afferenti a istituti stranieri), in modo da presentare il radiotelescopio LOFAR e i suoi aspetti scientifici e tecnologici.

Alla scuola sono iscritti 32 partecipanti provenienti da tutta Italia
(7 da strutture INAF, 3 dalle Università) e da 3 da istituti esteri.

I relatori che si alterneranno nel corso dei 4 giorni in cui è articolata la scuola sono 12 (5 da stutture INAF e Universita' italiane e 7
da istituti stranieri).

La prima sessione della scuola (il pomeriggio di martedì 11 giugno)  è pensata avere un carattere piu' generale e meno tecnico e vuole fornire una overview del telescopio LOFAR, del consorzio LOFAR-IT e di alcuni rilevanti risultati scientifici. Per questo
motivo questa sessione è aperta a tutta la comunità astronomica bolognese e non solo agli iscritti alla scuola.

Maggiori informazioni e dettagli del programma sulla pagina web della scuola

archiviato sotto: ,

Sarà un Falcon 9 a portare Ixpe nello spazio

20/08/2019

Il satellite Ixpe (Imaging X-Ray Polarimetry Explorer) ha l’ambizioso obiettivo di aprire una nuova finestra nell’astronomia dei raggi X: quella della polarimetria. Ixpe partirà il prossimo aprile a bordo di un razzo Falcon 9 della società privata SpaceX. I contributi italiani di maggior rilievo sono quelli dell’Inaf, dell’Infn e dell’Asi

I dolori del giovane Giove

20/08/2019

La sonda Juno ha recentemente scoperto che il nucleo di Giove è più spappolato di quel che ci si aspettava. Una possibile spiegazione viene ora da uno studio, pubblicato su Nature, secondo cui il gigante gassoso ha subito nei sui primi milioni di anni di vita l’impatto frontale con un pianeta in formazione dalla massa pari a 10 volte quella terrestre

Raro sguardo al suolo d’un mondo roccioso

20/08/2019

La camera infrarossa Irac a bordo dell’osservatorio spaziale Spitzer della Nasa ha misurato la temperatura di quello che sembra essere il pianeta più piccolo per il quale gli scienziati hanno usato la luce proveniente dalla sua superficie per studiarne l’atmosfera. Lhs 3844b orbita in 11 ore attorno alla sua stella madre, una stella nana di tipo M a 48.6 anni luce dalla Terra, molto probabilmente non ha atmosfera e si presume sia ricoperto da roccia lavica scura