Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF Workshop Nazionale LBT Padova, 12 – 13 febbraio 2014

Workshop Nazionale LBT Padova, 12 – 13 febbraio 2014

A distanza di due anni dal I Workshop Nazionale Dedicato a LBT, è giunto il momento di ripetere l’esperienza e organizzare un nuovo Workshop Nazionale LBT

A distanza di due anni dal I Workshop Nazionale Dedicato a LBT, è giunto il momento di ripetere l’esperienza e organizzare un nuovo Workshop Nazionale LBT.

Il workshop arriva nel momento in cui viene completata l’installazione della strumentazione di prima generazione. Un primo obiettivo del workshop è quindi quello di discutere lo stato dei programmi scientifici in corso e l’ottimizzazione della strategia scientifica nel futuro prossimo.

Allo stesso tempo, è arrivato anche il momento di pensare alla prossima generazione di strumenti, in particolare quelli disegnati per sfruttare al massimo la straordinaria ottica adattiva di LBT. Il workshop sarà anche l’occasione per coordinare le iniziative tecnologiche e le prospettive e le strategie scientifiche della comunità italiana per il medio periodo.

Al workshop parteciperà il nuovo direttore di LBTO, Christian Veillet, e sarà quindi un’ottima occasione per discutere con lui la situazione attuale, le nuove iniziative che lui sta intraprendendo per migliorare l’operatività del telescopio e il programma di sviluppo fino al 2020.

Il workshop avrà una durata di due giorni e il programma sarà costruito attorno a questi argomenti:

Scienza con LBT

- Presentazione dei risultati scientifici ottenuti con le osservazioni degli ultimi anni; i PI dei programmi eseguiti negli ultimi periodi sono stati invitati a presentare i loro lavori;

- Presentazione dei programmi “Strategici” in corso e delle idee per altri programmi strategici per il futuro. L’obiettivo è quello di identificare programmi osservativi anche di medio periodo che abbiano un alto impatto scientifico, su cui eventualmente focalizzare le priorità osservative;

- Presentazione delle prestazioni del servizio di Service Mode italiano e discussione del suo sviluppo;

Strumentazione futura

- Presentazione dei progetti di nuova strumentazione, specialmente quelli con PI italiani;

- Discussione dei casi scientifici associati ai nuovi strumenti, con particolare riferimento – ma non solo – alle prospettive per la ricerca di pianeti extrasolari In questo contesto.

Il Congresso sarà anche l’occasione per pianificare la preparazione dei contributi italiani al bando per la nuova strumentazione e allo User Meeting.

Il Workshop sarà ospitato presso la Sala Barbarigo del Museo Diocesano in Piazza del Duomo a Padova.

 

Comitato Organizzatore:

Adriano Fontana (chair)

Michele Bellazzini

Simone Esposito

Isabella Pagano

Roberto Ragazzoni

Filippo Zerbi

Info e registrazioni

http://lbt.inaf.it/Workshop2014

Buchi neri di ieri, oggi e domani

21/05/2022

Dalle prime simulazioni al sogno di un'immagine fino alla realtà, ripercorriamo alcune tappe della storia recente che ha portato alla realizzazione della prima immagine di Sagittarius A*, il buco nero supermassiccio al centro della Via Lattea. Con una panoramica dei risultati attesi nel prossimo futuro e delle nuove campagne osservative dell'Event Horizon Telescope

Oggetti planetari attorno a una futura supernova

20/05/2022

Un gruppo di ricercatori guidati dall'Inaf ha scoperto una coppia di oggetti simili a Giove attorno alla stella massiccia Mu2 Scorpii, facilmente visibile a occhio nudo, condannata a esplodere in supernova tra circa una decina di milioni di anni. I risultati delle osservazioni vengono illustrati in un articolo su Astronomy & Astrophysics

Massicce riserve di ghiaccio nel sottosuolo lunare

20/05/2022

Sotto la superficie della Luna, probabilmente vicino ai poli, ci sarebbe un’enorme riserva di ghiaccio originato dalla condensazione del vapore acqueo emesso dalle eruzioni vulcaniche che caratterizzavano il nostro satellite alcuni miliardi di anni fa. Gli autori stimano che circa 18 milioni di miliardi di chili di acqua vulcanica potrebbero essersi condensati durante quel periodo. Tutti i dettagli su PsJ