Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Sedi IRA Bologna

IRA Bologna

IRA Bologna

IRA Bologna

Direttore Tiziana Venturi

Indirizzo web http://www.ira.inaf.it

Foto dell’Istituto nella galleria multimediale
Foto dei radiotelescopi nella galleria multimediale
Occhio sulla parabola: la webcam del radiotelescopio in tempo reale
Consulta le attività divulgative e iniziative didattiche
Consulta l’elenco telefonico

Precipitato sull’Oceano Atlantico il razzo cinese

11/05/2020

Lo stadio centrale del razzo 5B Long March è l'oggetto più massiccio degli ultimi decenni rientrato nell’atmosfera terrestre in modo incontrollato. La Croce del Nord del radiotelescopio di Medicina è riuscita a seguirne l’ultimo passaggio sull’Italia alle 11:32 (ora locale) di oggi, in configurazione bistatica Birales. Germano Bianchi (Inaf): «Grande soddisfazione per questo risultato quasi insperato»

Quel ramo della Croce del Nord che volge agli Frb

29/04/2020

Interventi di ammodernamento in corso sulla storica antenna per le basse frequenze della Stazione radioastronomica di Medicina dell’Inaf, in provincia di Bologna, dovrebbero renderla in grado di partecipare alla caccia ai segnali più misteriosi del cosmo: i fast radio bursts. Uno studio pubblicato su Mnras ha dimostrato che è già capace di osservare transienti veloci come le pulsar

Un Cornetto di elettroni nell’ammasso Abell 2249

24/04/2020

Un gruppo internazionale di astrofisici guidati dall'Italia (Istituto nazionale di astrofisica e Università di Bologna) ha chiarito i misteri dell'accelerazione degli elettroni radioemittenti sulla cresta di una colossale onda d'urto cosmica a forma di cornetto scoperta dall'immensa e potente rete di telescopi europei Lofar

Ecco cosa c’è al cuore del quasar 3C 279

07/04/2020

Gli scienziati della collaborazione Event Horizon Telescope hanno per la prima volta osservato il getto relativistico di un buco nero supermassiccio rivelandone i dettagli, i più nitidi di sempre, con una risoluzione più fine di un anno luce. Obiettivo di questo studio è il quasar 3C 279, il centro brillante una galassia distante così lontano dalla Terra che la sua luce ha impiegato più di 5 miliardi di anni per raggiungerci

Giornata delle donne e delle ragazze nella scienza

07/02/2020

Anche le ricercatrici dell’Istituto nazionale di astrofisica parteciperanno alla Giornata internazionale voluta dall’Organizzazione delle Nazioni Unite per promuovere l’uguaglianza di genere nella scienza. Sono in programma iniziative e incontri con il pubblico a Bolzano, Milano, Bologna, Firenze, Siena e Cagliari

Maven sulle tracce dell’atmosfera perduta di Marte

02/06/2020

Grazie a cinque anni di dati raccolti dalla sonda spaziale Maven della Nasa, è stato possibile creare una mappa delle correnti elettriche che fluiscono nell'atmosfera marziana. Svolgendo un ruolo fondamentale nella perdita dell’atmosfera, queste correnti hanno contribuito a trasformare il Pianeta rosso da mondo potenzialmente adatto alla vita a deserto inospitale. Tutti i dettagli su Nature Atronomy.

Osservata con pSct la Nebulosa del Granchio

02/06/2020

Il telescopio pSct – il più grande telescopio Schwarzschild-Couder, un prototipo dell’osservatorio di prossima generazione Cta – ha osservato la sua prima sorgente gamma, proveniente dalla Nebulosa del Granchio. Questo risultato, fondamentale per i futuri sviluppi di Cta, è stato possibile grazie a soluzioni tecnologiche innovative sviluppate in Italia dall’Inaf e dall’Infn

Troppo pulito per i pianeti: il cuore di Westerlund 2

01/06/2020

Osservazioni compiute con Hubble di un giovane ammasso stellare della Via Lattea hanno evidenziato come nelle regioni centrali i dischi che circondano le giovani stelle siano privi delle dense nubi di polveri che danno origine – su tempi scala di qualche milione di anni – ai pianeti. Media Inaf ha intervistato la prima autrice dello studio, Elena Sabbi dello Space Telescope Science Institute di Baltimora