Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Operazione Trasparenza Prima giornata trasparenza INAF

Prima Giornata della Trasparenza INAF

Il giorno 23 Novembre 2011 si è svolta la Prima Giornata della Trasparenza dell'Istituto Nazionale di Astrofisica presso la Sede Centrale dell'Ente, a Roma.


Sono disponibili il programma della giornata e una copia delle presentazioni effettuate.

- Programma Giornata Trasparenza

- Presentazione del Sistema di Misurazione e Valutazione dell’INAF, e
degli Obiettivi di Ruolo (F. Ciardiello - componente OIV)


- Presentazione del Piano della Performance (G. Vettolani, G. Di Cocco, G. Villa

- Presentazione del Piano della Trasparenza e del suo stato di attuazione

- Obiettivi per il futuro, tappe successive e principali problematiche (G. Cerasoli - Presidente OIV)

Atlante del numero di stelle visibili a occhio nudo

07/07/2020

Un nuovo studio condotto da due ricercatori italiani ha cercato di trovare un metodo per stimare quante stelle sono visibili nel cielo notturno da qualunque località del mondo tenendo conto anche dell’inquinamento luminoso. Ne parliamo con Fabio Falchi, uno dei due autori della ricerca

Un soffio di vita dalle stelle morenti

06/07/2020

Uno studio pubblicato su Nature Astronomy fa luce sul ruolo avuto dalle stelle di piccola massa nel “fertilizzare” la nostra galassia, arricchendola di carbonio, l'elemento chimico che sta alla base della vita. A coordinare la ricerca è stata Paola Marigo, dell’Università di Padova. Nel team anche Léo Girardi, ricercatore dell’Inaf

Sbirciando sotto la polvere galattica

06/07/2020

Analizzando vent’anni di dati del telescopio Wham, un team di ricercatori dell'Università del Wisconsin e dell'Embry-Riddle Aeronautical University ha individuato una bolla anomala di gas ionizzato al di sotto del piano galattico. La scoperta ha permesso agli scienziati di stimare l’energia presente nel centro della Via Lattea: è una quantità che la farebbe rientrare nelle galassie di tipo Liner