Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Lavora con noi Concorsi e selezioni Posizioni a tempo determinato Ricercatori Concorso pubblico, per titoli e colloquio, ad un posto di ricercatore degli enti di ricerca - III livello nell'ambito del progetto denominato «Missione Rosetta - attivita' scientifica e supporto alle operazioni - fase E2»

Concorso pubblico, per titoli e colloquio, ad un posto di ricercatore degli enti di ricerca - III livello nell'ambito del progetto denominato «Missione Rosetta - attivita' scientifica e supporto alle operazioni - fase E2»

IAPS Roma (Pubblicato su (GU 4a Serie Speciale - Concorsi ed Esami n.29 del 14-4-2017)
Tipologia Ricercatori tempo determinato
Data di pubblicazione 15/04/2017
Scadenza termini partecipazione 15/05/2017

bando concorso

Ricordi di un passato magnetico su 16 Psyche

23/06/2017

Di solito gli asteroidi sono fatti di roccia e ghiaccio. Con il satellite della Nasa, per la prima volta i ricercatori potranno osservare e studiare un corpo interamente di metallo che si pensa sia il nucleo di un protopianeta spogliato miliardi di anni fa del suo mantello roccioso da collisioni e impatti violenti con altri corpi planetari tra Marte e Giove

Il pericoloso destino di un pianeta gigante

23/06/2017

Un pianeta gigante, grande almeno 11 volte il nostro Giove, in orbita attorno a una stella gigante rossa con uno dei periodi più brevi tra i sistemi di questo tipo. A scoprire la inedita coppia celeste è stato il team di ricercatori del progetto guidato dall’INAF, utilizzando gli strumenti GIANO e HARPS-N installati al Telescopio Nazionale Galileo

La riconnessione magnetica e i suoi enigmi

23/06/2017

È il processo fondamentale con il quale l’energia immagazzinata nei campi magnetici può essere convertita in altre forme di energia. Per esempio, in un brillamento solare, tramite la riconnessione magnetica, viene rilasciata energia pari a quella di 100 miliardi di bombe di Hiroshima nell’arco di appena 10 minuti