Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Lavora con noi Concorsi e selezioni Posizioni a tempo determinato Ricercatori Concorso 1 posto di Ricercatore – III liv., contratto TD, SRT – Macroarea Scientifica 4 “Astrofisica relativistica e particellare” dal titolo “Studi multi-frequenza dal radio alle alte energie di sorgenti compatte Galattiche” presso l’INAF–OA di Cagliari

Concorso 1 posto di Ricercatore – III liv., contratto TD, SRT – Macroarea Scientifica 4 “Astrofisica relativistica e particellare” dal titolo “Studi multi-frequenza dal radio alle alte energie di sorgenti compatte Galattiche” presso l’INAF–OA di Cagliari

Selezione pubblica, per titoli ed esami, a n. 1 posto di Ricercatore – III livello, con contratto di lavoro a tempo pieno e determinato, nell’ambito delle attività di SRT - Macroarea Scientifica 4 “Astrofisica relativistica e particellare” dal titolo “Studi multi-frequenza dal radio alle alte energie di sorgenti compatte Galattiche” presso l’Istituto Nazionale di Astrofisica – Osservatorio Astronomico di Cagliari.
Tipologia Ricercatori tempo indeterminato
Data di pubblicazione 11/08/2015

Bando e allegati

Bando - 1 Ricercatore III livello td SRT Cagliari

Allegati


Go West: Inaf a Washington

07/12/2018

Dal 3 al 5 dicembre, a Washington, una folta delegazione dell’Istituto nazionale di astrofisica ha preso parte ai lavori della Joint Commission for Scientific and Technical Collaboration fra Italia e Stati Uniti

Ecco il braccio robotico di InSight

07/12/2018

Il lander della Nasa ha davanti a sé un anno e 40 giorni marziani di missione e ha già cominciato a lavorare per la delicata fase di posizionamento a terra degli strumenti principali: un sismometro e una sonda termica

Bennu, la minaccia si chiama Yarkovsky

07/12/2018

Fra i compiti che attendono la missione Osiris-Rex, giunta in orbita attorno all’asteroide lunedì scorso, c’è anche quello di misurare con precisione e “dal vivo”, per la prima volta, l’effetto Yarkovsky. Ottenendo così informazioni cruciali per valutare con precisione la probabilità di un futuro impatto di Bennu con la Terra